Passa ai contenuti principali

Non avremmo mai dovuto di Francesca Bonafini e Caterina Falconi


I mariti non sono mai amanti così meravigliosi come quando stanno tradendo la moglie.
Marilyn Monroe

Per prendere un caffè e tradire la moglie c'è sempre tempo.
Totò

Il tradimento è nato con l'uomo. O meglio, è nato con l'uomo quando si è trovato vicino una donna e sotto gli occhi un'altra.
Chi non fa parte dell'equazione, invece, ha la visuale molto più chiara e riconosce tutti i segnali della fregatura. 
Diciamoci la verità, non ci vuole molto a capire che le frasi che i mariti (delle altre) dicono alle amanti sono scuse, solo scuse e della peggiore specie, per giunta. 
Del resto, sono inventate da uomini che, mentre stanno per dire la stupidaggine, hanno come scusante il fatto che l'afflusso di sangue non sia diretto esattamente al cervello.

In "Non avremmo mai dovuto. Le frasi che gli uomini sposati dicono alle amanti" di Francesca Bonafini e Caterina Falconi [Ad est dell'equatore], c'è una bella carrellata di scuse che passano dal divertente al patetico, dall'irreale all'impossibile, dalla favola alla baggianata.
"Dammi sei mesi" è uno dei miei capitoli preferiti in quello che potrebbe diventare il manuale che ogni donna dovrebbe leggere come autodifesa contro il tradimento: 
E chissà perché sei... Forse perché sei è un tempo dimezzato. Metà quadrante dell'orologio. Metà anno. La metà evoca il doppio. È la sua trasposizione sul piano del desiderio, immagine dell'incompletezza che vuole ricongiungersi a un'altra metà. L'altra donna. L'altra vita, finalmente.
I casi presentati dalle due autrici dimostrano che, benché sia difficile crederci, le donne che si fanno infinocchiare, in alcuni casi avevano fior fior di cervelli funzionanti prima di incontrare i traditori. Sarà l'amore o saranno gli ormoni, il risultato è che poi si sono bevute qualsiasi scusa, anche quelle più assurde.

Vi amo entrambe in modo diverso.
Sei tu la donna che avrei dovuto sposare.
Non si ripeterà.
Non avremmo mai dovuto.
Amore. Tesoro. Cara. Vita mia. Cuore mio. Luce dei miei occhi.

"Non avremmo mai dovuto" è scritto con un'ironia asciutta, netta, in alcuni tratti feroce, che non si sottrae al grottesco. 
Come il tradimento, credo. 
A volte fine a se stesso, crudele, che non di rado getta nel grottesco gli attori e le situazioni che creano.

Se "l'adulterio è una materia che ha le sue regole, le eccezioni e i paletti, tipo la grammatica italiana", allora questo libro potrebbe diventare un manuale da leggere con gusto, per farsi un'idea di quello che c'è in giro. 
E poi perché, fidarsi è bene, ma avere gli occhi aperti è meglio!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…