Passa ai contenuti principali

Non avremmo mai dovuto di Francesca Bonafini e Caterina Falconi


I mariti non sono mai amanti così meravigliosi come quando stanno tradendo la moglie.
Marilyn Monroe

Per prendere un caffè e tradire la moglie c'è sempre tempo.
Totò

Il tradimento è nato con l'uomo. O meglio, è nato con l'uomo quando si è trovato vicino una donna e sotto gli occhi un'altra.
Chi non fa parte dell'equazione, invece, ha la visuale molto più chiara e riconosce tutti i segnali della fregatura. 
Diciamoci la verità, non ci vuole molto a capire che le frasi che i mariti (delle altre) dicono alle amanti sono scuse, solo scuse e della peggiore specie, per giunta. 
Del resto, sono inventate da uomini che, mentre stanno per dire la stupidaggine, hanno come scusante il fatto che l'afflusso di sangue non sia diretto esattamente al cervello.

In "Non avremmo mai dovuto. Le frasi che gli uomini sposati dicono alle amanti" di Francesca Bonafini e Caterina Falconi [Ad est dell'equatore], c'è una bella carrellata di scuse che passano dal divertente al patetico, dall'irreale all'impossibile, dalla favola alla baggianata.
"Dammi sei mesi" è uno dei miei capitoli preferiti in quello che potrebbe diventare il manuale che ogni donna dovrebbe leggere come autodifesa contro il tradimento: 
E chissà perché sei... Forse perché sei è un tempo dimezzato. Metà quadrante dell'orologio. Metà anno. La metà evoca il doppio. È la sua trasposizione sul piano del desiderio, immagine dell'incompletezza che vuole ricongiungersi a un'altra metà. L'altra donna. L'altra vita, finalmente.
I casi presentati dalle due autrici dimostrano che, benché sia difficile crederci, le donne che si fanno infinocchiare, in alcuni casi avevano fior fior di cervelli funzionanti prima di incontrare i traditori. Sarà l'amore o saranno gli ormoni, il risultato è che poi si sono bevute qualsiasi scusa, anche quelle più assurde.

Vi amo entrambe in modo diverso.
Sei tu la donna che avrei dovuto sposare.
Non si ripeterà.
Non avremmo mai dovuto.
Amore. Tesoro. Cara. Vita mia. Cuore mio. Luce dei miei occhi.

"Non avremmo mai dovuto" è scritto con un'ironia asciutta, netta, in alcuni tratti feroce, che non si sottrae al grottesco. 
Come il tradimento, credo. 
A volte fine a se stesso, crudele, che non di rado getta nel grottesco gli attori e le situazioni che creano.

Se "l'adulterio è una materia che ha le sue regole, le eccezioni e i paletti, tipo la grammatica italiana", allora questo libro potrebbe diventare un manuale da leggere con gusto, per farsi un'idea di quello che c'è in giro. 
E poi perché, fidarsi è bene, ma avere gli occhi aperti è meglio!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …