Passa ai contenuti principali

Leggere col cuore


Ci sono cose che, probabilmente, non riuscirò mai a fare.

Non farmi prendere dal panico se una qualsiasi cosa mi sfiora un piede mentre nuoto in alto mare. Capire la cattiveria della gente. Non avere lo sguardo totalmente ipnotizzato quando passo davanti a una libreria di qualsiasi natura o grandezza. Non affondare la faccia nel bucato appena preso dal balcone. Leggere con la testa senza cuore. Leggere con il cuore senza testa.

All'università ero una studentessa che non si lamentava mai delle materie che, in fin dei conti, avevo scelto io e ho sempre trovato molto stupidi quelli che si producevano in lamenti e imprecazioni contro i professori e i libri da studiare. Nel corso degli anni, poi, ho capito che in realtà io facevo così perché ho sempre interiorizzato ogni lettura.

Vi faccio un esempio: ho fatto un paio di esami di linguistica italiana, nello specifico preparai una tesina sulle variazioni della lingua italiana, prima delle varie zone del napoletano e poi degli italiani residenti all'estero da una generazione. Ora posso confessare che non c'erano ore più pesanti di quelle passate nello studio della prof a fare lezione. Ma, secondo voi, perché ancora oggi mi ricordo (anche nei dettagli, tra l'altro) di quell'esame? Qualcosa è entrato nel mio cuore.

Mi capita anche ora di trovare in alcune cose, in alcuni libri, una scintilla che incendia qualcosa in me. È un modo per leggere col cuore.
Attivo la testa, certo, ma anche il cuore deve essere coinvolto e se solo uno dei due - o testa o cuore - entra in azione, non riesco a essere obiettiva e preferisco non continuare la lettura (è capitato, credetemi)
Mettere a disposizione il cuore, ogni volta, credo che sia il valore aggiunto che offro agli autori e alle case editrici che decidono di affidarmi il loro libro, per una recensione, per un parere o anche solo per farmi leggere qualcosa in cui credono.
Mettere a disposizione il mio cuore nella lettura è la scommessa più grande che io possa fare.
E con la lettura non ci sono mai delusioni. O meglio, non sono mai troppo grandi.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…