Passa ai contenuti principali

Jane Austen arriva su Twitter con Orgoglio e Pregiudizio


La prima volta che ho letto "Orgoglio e pregiudizio" di Jane Austen probabilmente avevo undici anni e ci ero arrivata dopo aver visto e rivisto decine di volte il film con Laurence Olivier e Greer Garson. Allora non esisteva wikipedia e, se c'era, io comunque non avevo il computer, così mi segnai il titolo del libro da cui era tratto dai titoli di coda. 
Nel corso degli anni, quel primo libro è stato letto e riletto decine di volte, passato di mano in mano tra me e mia madre e ora giace con la copertina un po' sfatta nella libreria di casa, dopo aver soggiornato per un periodo anche in cucina, perché mia mamma lo leggeva e rileggeva nei momenti di tempo tra i fornelli.

Ora ripenso a quei tempi e mi pare quasi strano tenere un libro in mano e non comunicare attraverso i social i brani che leggo o le riflessioni che mi ispirano alcune pagine.
In questa estate di riletture, TwLetteratura mi dà l'opportunità di rileggere alla mia maniera attuale quello che da molti è considerato il capolavoro di Jane Austen. 
Dal 13 luglio [il calendario dei capitoli qui], infatti, partirà #TwAusten, la riscrittura di "Orgoglio e pregiudizio" attraverso Twitter.

A maggio, TwLetteratura lanciò la campagna per scegliere il classico da riscrivere durante l'estate.
La cinquina era composta da:
  • Orgoglio e pregiudizio, Jane Austen (anglosassone);
  • L’Aleph, Jorge Louis Borges (sudamericano);
  • Il partigiano Johnny, Beppe Fenoglio (italiano);
  • I quarantanove racconti, Ernest Hemingway (americano);
  • La porta, Magda Szabó (mitteleuropeo).
E ha vinto Mr Darcy ed Elizabeth Bennet, anche se, a dirla tutta, non mi sarebbe dispiaciuto riscrivere anche qualche altro libro. Con il metodo TwLetteratura ho riletto Pinocchio e Il piccolo principe e, sebbene non abbia ancora ordinato i tweet in qualcosa di fruibile, quei progetti restano dei tasselli belli delle mie riletture.

Il libro della mia prima lettura l'ho lasciato a casa dei miei, così questa rilettura avverrà su ebook e sarà la prima volta che leggerò le parole della Austen in digitale.
E forse è giusto così, digitale per digitale. 

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…