Passa ai contenuti principali

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Dove si trova un libro così?! [foto: fonte]
Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente".
Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro.
Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).

In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.

In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%, si tratta di scrittori e scrittrici di lingua inglese tradotti in tutto il mondo. 

La curiosità di sapere se esiste una classifica degli scrittori italiani più ricchi - più per conoscere la diffusione dei loro libri che il loro reddito, a dir la verità - mi ha portato a fare ricerche che, per il mio obiettivo, si sono rivelate infruttuose ma che mi hanno fatto scoprire i dati degli scrittori cinesi (ve ne parlerò in un altro post). A quanto pare, in Italia non amiamo le classifiche, diciamo così.

Se vi state chiedendo chi sono gli scrittori inglesi e americani più ricchi del 2015, eccovi la lista. Magari vi servirà anche per segnarvi i titoli dei loro libri.
  1. James Patterson, 89 milioni: noto soprattutto per i thriller della serie Alex Cross e Maximum Ride, ma negli ultimi anni ha pubblicato a quattro mani anche commedie romantiche (come "Domeniche da Tiffany" con Gabrielle Charbonnet, "Il nostro amore è per sempre" con Emily Haystond).
  2. John Green, 26 milioni: nonostante gli altri romanzi precedenti, secondo me si trova in classifica soprattutto grazie a "Colpa delle stelle" da cui è stato tratto anche un film nel 2014.
  3. Veronica Roth, 25 milioni: classe '88, vi dice niente la trilogia Divergent, Insurgent e Allegiant? Se la risposta è no, evidentemente non siete fan dei young adult fantascientifici distopici.
  4. Danielle Steel, 25 milioni: È una delle maggiori scrittrici di bestseller del mondo. È la seconda autrice donna per numero di copie in assoluto (dopo Agatha Christie), la quarta per numero di copie tra gli autori di bestseller del '900 e l'ottava tra gli scrittori più venduti di tutti i tempi. Ha venduto una cifra che varia, a seconda delle stime, dai 530 agli 800 milioni di copie, tradotti in 28 lingue e diffusi in più di 40 paesi*. Non devo aggiungere altro, credo, no?
  5. Jeff Kinney, 23 milioni: il suo "Diario di una schiappa" (e relativi seguiti) è stato tradotto in 45 lingue.
  6. Janet Evanovich, 21milioni: ha creato Stephanie Plum, la sexy cacciatrice di taglie. Il marito, i figli e il cognato lavorano per la Evanovich.Inc. Un bestsellerificio in piena regola.
  7. J.K. Rowling, 19 milioni: la mamma di Harry Potter, una delle donne più ricche del Regno Unito. Ora ritenta il colpo con lo pseudonimo di Robert Galbraith, ma manca il segno.
  8. Stephen King, 19 milioni: brividi, urla, incubi, insomma... Il re dell'horror del XX secolo.
  9. Nora Roberts, 18 milioni: all'attivo oltre 150 romanzi rosa, fa sognare i lettori in 35 lingue diverse.
  10. John Grisham, 14 milioni: dai suoi gialli giudiziari sono stati tratti film come Il socio e Conflitto d'interessi.
  11. Dan Brown, 13 milioni: ha fatto tremare la cultura cattolica con Il codice Da Vinci e Angeli e demoni.
  12. Suzanne Collins, 13 milioni: la trilogia di Hunger Games è stato un vero caso editoriale.
  13. Gillian Flynn, 13 milioni: nota soprattutto per il thriller "Amore bugiardo", da cui è stato tratto un film con Ben Affleck.
  14. Rick Riordan, 13 milioni: creatore di Percy Jackson, ha scritto numerosi libri anche per adulti, tutti inediti in Italia.
  15. E.L. James, 12 milioni: prima di lei, nessuno mai aveva accostato le parole "sesso" e "vaniglia" nella stessa frase.
  16. George R.R. Martin, 12 milioni: "Cronache del ghiaccio e del fuoco" sono il motivo per cui siete attaccati alla tv a vedere che fine fa John Snow, Daenerys Targaryen e Arya Stark. Sì, televisivamente il libro ha preso il nome di "Il Trono di Spade".

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …