Passa ai contenuti principali

Giovedì gnocchi di Barbara Solinas


Chi è cresciuto a casa dei nonni, secondo me, ha dentro un universo che agli altri manca, o che, quanto meno, non ha le stesse sfumature.

La casa dei nonni è un mondo a parte rispetto alla casa dei genitori, per quanto questa possa essere confortevole e piena d'amore. 
A casa dei nonni ci sono regole che anche i genitori devono rispettare, così se la nonna per merenda ti prepara la fetta di pane con il pomodoro strofinato sopra, un filo d'olio e un pizzico di origano, tua mamma non può dire che ti rovini l'appetito per la cena.
A casa dei nonni ci sono angoli magici in cui non hai bisogno di giocattoli particolari e quelli tecnologici, poi, sono assolutamente fuori luogo: è in quegli angoli che l'immaginazione si nutre, si espande e rimane fertile per sempre, in grado di creare dal nulla qualsiasi cosa.
A casa dei nonni ci sono odori e sapori su cui modelleremo qualsiasi cosa sentiremo e assaggeremo dopo e mai e poi mai potremo dimenticarli, anche se qualche volta ci sembreranno sbiaditi.

Anche noi, come la protagonista di "Giovedì gnocchi. La ricetta del ricordo" di Barbara Solinas [Emma Books] cercheremo di imparare alla perfezione la ricetta della nonna perché ogni volta dal palato partono milioni di sensazioni e ricordi.
Gli adulti sanno solo far di conto o raccontare storie, che poi chissà se sono andate proprio così. Le donne però sanno anche preparare gli gnocchi, questo sì, hanno quaderni in carta di Firenze o rilegati in blu, in cui prendono nota, pesano ingredienti, rivelano trucchi. A volte ci mettono stelle, per aggiungere un ricordo in più.Così facendo tramandano non solo una ricetta, ma anche memorie, profumi e consuetudini che sopravvivranno alle nostre case. Cucinare è una forma di amore. Insegnarlo a chi amiamo ci rende immortali.
Questo racconto, scritto in prima persona, ci fa entrare nella casa dei nonni che, a ben guardare, è uguale un po' per tutti i nonni, coi libri e le riviste accumulate nello studio, le pentole e il tavolo per impastare in cucina e gli utensili messi nello stesso posto da quando riusciamo a ricordare. Così come anche i sapori e gli odori dei piatti della nonna sono sempre gli stessi, vuoi che siano gli gnocchi o il ragù, le sensazioni che si provano mentre si legge ci riportano a un passato che non abbiamo mai dimenticato e mai lo faremo.

La protagonista vive coi nonni un periodo della sua infanzia e poi una parte della sua vita adulta, quando, all'università, si trasferisce a vivere da loro. Sono gli anni degli attriti per definire la personalità, ma sono anche gli anni in cui il legame coi nonni diventa più forte, viscerale. Pian piano, l'io narrante prende coscienza del fatto che i nonni non sono solo nonni, ma anche persone, un uomo e una donna innamorati da una vita, con caratteri differenti e, ognuno a suo modo, forti. La nonna possiede lo sguardo di chi ha visto il passato e ha avuto diritto a guardare anche un po' del futuro e con quegli occhi accarezza la nipote, anche da lontano.

***fateci caso, quando le nonne vi guardano è sempre un po' come se vedessero qualcosa che voi non vedete***

Barbara Solinas è riuscita a trasmettermi la sensazione dolce e malinconica dei ricordi di un tempo felicissimo, il dolore sempre vivo eppure ovattato dalle cose di tutti i giorni della mancanza di quel bene - il bene dei nonni - che è grande quanto quello dei genitori ma più grande ancora perché da esso è scaturita la vita che ci ha dato il respiro.
"Giovedì gnocchi" è il racconto del ricordo, ma contiene la ricetta per i ricordi di ognuno di noi, per rispolverarli, rimpastarli e metterli in pentola con la maturità degli anni che sono seguiti e gustarli finalmente con la consapevolezza che sono belli - bellissimi! - come saranno solo i ricordi che non abbiamo ancora creato.

Commenti

  1. Io mi sono emozionata. Per chi scrive storie non c'è niente di più intimamente bello del sapere che la storia rivive negli altri, con ricordi, emozioni e sensazioni che cambiano da persona a persona.
    Grazie mille Ramona :) Barbara S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Barbara! Non vedo l'ora di leggerti ancora ^_^

      Elimina
    2. ;)
      Se ti va leggi "Non avrai il mio shampoo", che ho pubblicato sempre con Emma.
      Buon fine settimana!

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…