Passa ai contenuti principali

Rosa shocking di Adam Levin


Preferisco il racconto per scrivere di cose che non hanno una fine. E anche per cose che hanno una fine lampante, veloce.
Spesso preferisco leggere racconti ma devono essere particolari, mi devono colpire come uno schiaffo, con la stessa velocità e, perché no, con lo stesso dolore.

"Rosa Shocking" di Adam Levin [Edizioni Clichy] è una raccolta di dieci racconti di diversa lunghezza, così come sono più o meno lunghe le cose che ci accadono in una giornata, e descrivono una miriade di vite, diverse tra loro eppure accomunate da una sottile ricerca di senso.

Lo stile di Levin riesce a tracciare le linee della società senza mai nominare né luogo né tempo, ma semplicemente attraverso i comportamenti e le ossessioni dei suoi protagonisti.
Gli adolescenti che passano i pomeriggi in garage, troppo presi dalla noia e dagli astrusi meccanismi della loro età per fare altro che non sia stare sul divano a sniffare gas degli accendini. Uomini e donne che portano in sé il subdolo germe della pazzia, quella vera, quella nascosta sotto la routine quotidiana, dentro i corridoi di un centro commerciale, alla guida di un rottame di macchina. L'autodistruzione che si manifesta nella ricerca di dolore, in un pugno in pieno viso dato da uno sconosciuto, così come nel sesso senza desiderio, senza corpo, sicuramente senza anima, consumato in un vicolo o sui tappetini lerci di un'auto parcheggiata in periferia.

Levin disegna con mano nervosa ma precisa, chirurgica, il contorno delle cicatrici che la società lascia sulla pelle di chiunque, dei più deboli e dei più forti indiscriminatamente.
Adam Levin è stato allievo di George Sauders e con il suo primo romanzo, The Instructions, è stato acclamato dalla critica come l’opera del nuovo David Foster Wallace.

Non so se può definirsi l'erede di uno scrittore, piuttosto che il discepolo di un altro, ma di certo Levin porta avanti la tradizione del racconto così come è da sempre presente nella letteratura americana, con stile deciso e asciutto ma assolutamente personale.

Leggete i racconti di "Rosa Shocking" quando tutto vi sembra uguale a se stesso, quando il senso delle cose vi sembra sfumare in un grigio indefinito.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…