Passa ai contenuti principali

Quattro amiche e una notte d'estate di Sofia Laguardia


Se non avete delle amiche stronze, probabilmente non avete mai avuto amiche.

Non c'è bisogno che scomodiamo la vera amicizia, quella per tutta la vita, basta che prendiamo in considerazione le persone con cui passiamo il tempo e con cui, a volte abbiamo poco o nulla in comune. Fatto?

Non ditemi che, nella rassegna, non vi sia venuta in mente almeno una persona che vi fa saltare i nervi col suo carattere acido, le risposte pungenti e l'atteggiamento arrogante. 
Non fate finta di niente, tanto non voglio sapere i nomi e cognomi. Basta che mi dite che capite a cosa mi riferisco.
Ecco, ci siamo capiti.

Sofia Laguardia, nel suo ebook "Quattro amiche e una notte d'estate" [Rizzoli YouFeel] dal mood ironico, dimostra di sapere perfettamente quello di cui sto parlando perché descrive il rapporto al limite della lite tra quattro amiche, Marta, Veronica, Maria Carla e Simona.
Ognuna ha un carattere con sfumature irritanti, tutte sono provviste di lingue veloci e appuntite, ognuna di loro ha qualcosa da ridire su una delle altre (a volte anche su più di una), eppure... sono amiche. Messa così, viene da chiedersi che senso abbia.
E forse un senso non ce l'ha ma l'amicizia - come l'amore - non sottostà a regole e dettami.
Marta lavora in una libreria e ha un fidanzato a distanza, geograficamente ed emotivamente. Maria Carla è traduttrice ed è sempre innamorata di qualche artistoide. Simona è avvocato e ha una relazione col suo capo (sposato). Veronica è la più razionale, la più tranquilla e posata delle quattro, eppure è anche molto più di quello che le amiche immaginano.
Per diversi motivi, si innescano diverse discussioni che portano a galla le differenze di carattere e di vita delle ragazze. Sembra tutto perso quando ognuna si chiude nella convinzione di avere tutte le ragioni del mondo per avercela con le altre. Ma l'amicizia non ascolta ragioni. E così, in un colpo di testa Marta, Veronica e Maria Carla corrono a Parigi per salvare Simona. E poco importa che vogliano salvarla da se stessa: è il gesto che conta e sortisce l'effetto di colpo di spugna su tutte le divergenze.

"Quattro amiche e una notte d'estate" racconta una storia leggera ma non con leggerezza, dando il peso che merita un sentimento controverso come l'amicizia tra donne.
E mentre leggete, se vi viene quel sorriso un po' sbieco di chi sa benissimo cosa si prova a trovarsi in certe situazioni, concedete all'autrice il plauso di aver scritto quello che capita a molte donne.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …