Passa ai contenuti principali

Quattro amiche e una notte d'estate di Sofia Laguardia


Se non avete delle amiche stronze, probabilmente non avete mai avuto amiche.

Non c'è bisogno che scomodiamo la vera amicizia, quella per tutta la vita, basta che prendiamo in considerazione le persone con cui passiamo il tempo e con cui, a volte abbiamo poco o nulla in comune. Fatto?

Non ditemi che, nella rassegna, non vi sia venuta in mente almeno una persona che vi fa saltare i nervi col suo carattere acido, le risposte pungenti e l'atteggiamento arrogante. 
Non fate finta di niente, tanto non voglio sapere i nomi e cognomi. Basta che mi dite che capite a cosa mi riferisco.
Ecco, ci siamo capiti.

Sofia Laguardia, nel suo ebook "Quattro amiche e una notte d'estate" [Rizzoli YouFeel] dal mood ironico, dimostra di sapere perfettamente quello di cui sto parlando perché descrive il rapporto al limite della lite tra quattro amiche, Marta, Veronica, Maria Carla e Simona.
Ognuna ha un carattere con sfumature irritanti, tutte sono provviste di lingue veloci e appuntite, ognuna di loro ha qualcosa da ridire su una delle altre (a volte anche su più di una), eppure... sono amiche. Messa così, viene da chiedersi che senso abbia.
E forse un senso non ce l'ha ma l'amicizia - come l'amore - non sottostà a regole e dettami.
Marta lavora in una libreria e ha un fidanzato a distanza, geograficamente ed emotivamente. Maria Carla è traduttrice ed è sempre innamorata di qualche artistoide. Simona è avvocato e ha una relazione col suo capo (sposato). Veronica è la più razionale, la più tranquilla e posata delle quattro, eppure è anche molto più di quello che le amiche immaginano.
Per diversi motivi, si innescano diverse discussioni che portano a galla le differenze di carattere e di vita delle ragazze. Sembra tutto perso quando ognuna si chiude nella convinzione di avere tutte le ragioni del mondo per avercela con le altre. Ma l'amicizia non ascolta ragioni. E così, in un colpo di testa Marta, Veronica e Maria Carla corrono a Parigi per salvare Simona. E poco importa che vogliano salvarla da se stessa: è il gesto che conta e sortisce l'effetto di colpo di spugna su tutte le divergenze.

"Quattro amiche e una notte d'estate" racconta una storia leggera ma non con leggerezza, dando il peso che merita un sentimento controverso come l'amicizia tra donne.
E mentre leggete, se vi viene quel sorriso un po' sbieco di chi sa benissimo cosa si prova a trovarsi in certe situazioni, concedete all'autrice il plauso di aver scritto quello che capita a molte donne.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…