Passa ai contenuti principali

Amami per come sono di Jenny Hale


Chi nasce, cresce, vive e lavora sempre nello stesso posto, non potrà mai capire cosa si prova ad andarsene per un periodo più o meno lungo e poi ritornare.
Le persone, le strade, i negozi sono sempre allo stesso posto, uguali magari, ma tutto sembra diverso.

Immaginate, poi, lasciarci il cuore...

Libby Potter a diciotto anni va via da White Stone per frequentare la Columbia e vivere a New York. Apparentemente l'ambizione è più forte dell'amore di Pete Bennett, il suo migliore amico e il suo primo amore. Gli anni passano - 12 per l'esattezza - e Libby si ritrova letteralmente catapultata nel suo passato, anzi, nello spazio vuoto tra il passato e il presente, uno spazio pieno di tutte quelle cose che ricordava in un modo e invece, poi, ritrova completamente diverse.
"Amami per come sono" di Jenny Hale [Leggereditore] inizia così, col ritorno a White Stone di una donna che non si riconosce più in quella che era ma, avendo perso tutto quello che aveva conquistato negli anni - il successo nel lavoro, il fidanzato, il prossimo matrimonio -, ha perso di vista anche tutto quello che era diventata.
A White Stone, oltre alla madre Celia, Libby rivede Pete e la sofferenza di averlo lasciato esplode in tutta la sua devastante potenza, investendo qualsiasi passo che lei compie nella cittadina in cui era nata. Tutto le ricorda Pete e le cose che facevano insieme, i loro sogni di felicità, il futuro che aveva sognato con lui e che poi lei stessa aveva rifiutato.

"Amami per come sono" è un romance delicato, senza scene di sesso e anche solo i baci sono descritti in maniera molto soft. Il personaggio di Libby si perde in mille - e ripetitivi - dubbi e pensieri su chi era, su cosa è diventata, su quello che ha perso. Risulta un po' difficile affezionarsi alle sue vicende e, ancor di più, a quello che lei descrive come un dramma, ma viene poi descritto senza profondità di emozioni. Il personaggio più bello e più emozionante è Pop, il nonno di Pete che è affezionato anche a Libby, per il resto, anche Pete sembra un po' incompiuto.

Leggete "Amami per come sono", dategli una possibilità, soprattutto se avete lasciato il posto in cui siete nati e, con esso, anche il vostro primo amore.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…