Passa ai contenuti principali

Amami per come sono di Jenny Hale


Chi nasce, cresce, vive e lavora sempre nello stesso posto, non potrà mai capire cosa si prova ad andarsene per un periodo più o meno lungo e poi ritornare.
Le persone, le strade, i negozi sono sempre allo stesso posto, uguali magari, ma tutto sembra diverso.

Immaginate, poi, lasciarci il cuore...

Libby Potter a diciotto anni va via da White Stone per frequentare la Columbia e vivere a New York. Apparentemente l'ambizione è più forte dell'amore di Pete Bennett, il suo migliore amico e il suo primo amore. Gli anni passano - 12 per l'esattezza - e Libby si ritrova letteralmente catapultata nel suo passato, anzi, nello spazio vuoto tra il passato e il presente, uno spazio pieno di tutte quelle cose che ricordava in un modo e invece, poi, ritrova completamente diverse.
"Amami per come sono" di Jenny Hale [Leggereditore] inizia così, col ritorno a White Stone di una donna che non si riconosce più in quella che era ma, avendo perso tutto quello che aveva conquistato negli anni - il successo nel lavoro, il fidanzato, il prossimo matrimonio -, ha perso di vista anche tutto quello che era diventata.
A White Stone, oltre alla madre Celia, Libby rivede Pete e la sofferenza di averlo lasciato esplode in tutta la sua devastante potenza, investendo qualsiasi passo che lei compie nella cittadina in cui era nata. Tutto le ricorda Pete e le cose che facevano insieme, i loro sogni di felicità, il futuro che aveva sognato con lui e che poi lei stessa aveva rifiutato.

"Amami per come sono" è un romance delicato, senza scene di sesso e anche solo i baci sono descritti in maniera molto soft. Il personaggio di Libby si perde in mille - e ripetitivi - dubbi e pensieri su chi era, su cosa è diventata, su quello che ha perso. Risulta un po' difficile affezionarsi alle sue vicende e, ancor di più, a quello che lei descrive come un dramma, ma viene poi descritto senza profondità di emozioni. Il personaggio più bello e più emozionante è Pop, il nonno di Pete che è affezionato anche a Libby, per il resto, anche Pete sembra un po' incompiuto.

Leggete "Amami per come sono", dategli una possibilità, soprattutto se avete lasciato il posto in cui siete nati e, con esso, anche il vostro primo amore.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…