Passa ai contenuti principali

Amami per come sono di Jenny Hale


Chi nasce, cresce, vive e lavora sempre nello stesso posto, non potrà mai capire cosa si prova ad andarsene per un periodo più o meno lungo e poi ritornare.
Le persone, le strade, i negozi sono sempre allo stesso posto, uguali magari, ma tutto sembra diverso.

Immaginate, poi, lasciarci il cuore...

Libby Potter a diciotto anni va via da White Stone per frequentare la Columbia e vivere a New York. Apparentemente l'ambizione è più forte dell'amore di Pete Bennett, il suo migliore amico e il suo primo amore. Gli anni passano - 12 per l'esattezza - e Libby si ritrova letteralmente catapultata nel suo passato, anzi, nello spazio vuoto tra il passato e il presente, uno spazio pieno di tutte quelle cose che ricordava in un modo e invece, poi, ritrova completamente diverse.
"Amami per come sono" di Jenny Hale [Leggereditore] inizia così, col ritorno a White Stone di una donna che non si riconosce più in quella che era ma, avendo perso tutto quello che aveva conquistato negli anni - il successo nel lavoro, il fidanzato, il prossimo matrimonio -, ha perso di vista anche tutto quello che era diventata.
A White Stone, oltre alla madre Celia, Libby rivede Pete e la sofferenza di averlo lasciato esplode in tutta la sua devastante potenza, investendo qualsiasi passo che lei compie nella cittadina in cui era nata. Tutto le ricorda Pete e le cose che facevano insieme, i loro sogni di felicità, il futuro che aveva sognato con lui e che poi lei stessa aveva rifiutato.

"Amami per come sono" è un romance delicato, senza scene di sesso e anche solo i baci sono descritti in maniera molto soft. Il personaggio di Libby si perde in mille - e ripetitivi - dubbi e pensieri su chi era, su cosa è diventata, su quello che ha perso. Risulta un po' difficile affezionarsi alle sue vicende e, ancor di più, a quello che lei descrive come un dramma, ma viene poi descritto senza profondità di emozioni. Il personaggio più bello e più emozionante è Pop, il nonno di Pete che è affezionato anche a Libby, per il resto, anche Pete sembra un po' incompiuto.

Leggete "Amami per come sono", dategli una possibilità, soprattutto se avete lasciato il posto in cui siete nati e, con esso, anche il vostro primo amore.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…