Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2015: ci faccio un #SalTo anche io!


Il Salone del Libro di Torino è l'appuntamento annuale con l'industria editoriale, ma è soprattutto un momento per fare il punto della situazione di cosa si legge in Italia.

***blablabla insomma***

Lo scorso anno presi la decisione di non parlarne e, per confondere le carte, quest'anno per la prima volta ci andrò.
Per una più o meno fortunata serie di coincidenze - tra cui visitare Torino -, venerdì 15 maggio sarò al salone. 
Emozionata? Frastornata? Impaziente?
Sì e no a tutte le cose.
Più che altro, per me significherà partecipare a qualcosa che finora avevo visto solo da lontano e su cui ho costruito i miei bei miti, diciamola tutta.

***la speranza di non essere delusa è fortemente supportata dal fatto che, comunque vada, per me sarà un piccolo microscopico successo***

Il 28esimo Salone del Libro di Torino ha come tema conduttore le Meraviglie d'Italia: per gli organizzatori il tema è stato scelto "perchè nell'anno dell'Expo etc...", ma per me è un piccolo segno nell'anno del mio trasferimento all'estero, dove le meraviglie d'Italia le guardo con l'occhio (critico? nostalgico?) di chi deve cambiare nazione per meravigliarsene.

Ho fatto un programma di cosa voglio vedere al Salone o a Torino?
Se lo avessi fatto, potevate segnalare il blog per essere stato hackerato, dal momento che mai 24/12 ore prima di un viaggio organizzo qualcosa, non dico la valigia ma quanto meno i pensieri.

Di sicuro un programma segnato e sottolineato in agenda è l'incontro #ilrosachenontiaspetti organizzato da Emma Books [dettagli dell'evento] alle 14 all'interno di Book to the Future, l'area dedicata all'editoria digitale.
All'incontro prenderanno parte alcune delle scrittrici contemporanee che più ammiro e, tra il pubblico, sicuramente ci saranno le blogger che leggo più spesso.
Questo mi emoziona e mi riempie di aspettativa, anche perché parlare di narrativa cosiddetta rosa è un tema che mi incuriosisce e mi interessa tanto.

***o voi autrici e blogger finora amiche virtuali, facciamo che mettiamo da parte la timidezza e ci salutiamo tutte? Io dovrei essere riconoscibile (di solito sono quella che arriva trafelata...) ma nel dubbio, mirate al logo del blog che dovrei appuntare da qualche parte (non è escluso che lo attacchi in fronte...)***

Alle 16, nell'Area Piemonte, nello spazio "Homo faber. Officina, editoria di progetto" Sandro Ferri dialoga con Massimo Carlotto, scrittore che ho iniziato a leggere da poco ma che mi ha catturata e vorrei incontrarlo (magari porto anche il libro per un autografo).

Per ora queste sono le cose che ho segnato.
Non so ancora quanto riuscirò a collegarmi in diretta da Torino, ma ci proverò fortemente.

State pur certi che partirò con il solo pensiero di cercare le meraviglie d'Italia, in qualsiasi angolo, libro, copertina, autore, si possano trovare.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…