Passa ai contenuti principali

Leggimi nel pensiero Vintage: Succulente di Luisa e Fulvio Ervas


Ho sempre recensito i libri.
Prima di recensirli per iscritto, lo facevo a voce a chi mi chiedeva se avevo letto questo o quello.
La prima recensione non so esattamente quando l'ho scritta, ma al tempo ero caporedattore in un quotidiano on line che, periodicamente, pubblicava anche le mie letture.
Tra l'estinzione del suddetto giornale e i diversi cambi di pc che ho fatto, molti scritti sono andati persi, ma fortunatamente avevo ricopiato alcune recensioni sul mio account Anobii.
Nasce così Leggimi nel pensiero Vintage: per ripubblicare alcune di quelle recensioni e per recensire quei libri che rilego da una vita e che non sono in nessuna classifica e che proprio per questo, forse, mi sono più cari.
"Succulente" è un libro a cui ho ripensato tante volte nel corso del tempo e che, a più riprese, ho consigliato a chi mi ha chiesto un libro che mi fosse rimasto impresso. A suo tempo, Fulvio Ervas firmava ancora i libri con la sorella Luisa e non era ancora Ervas di "Se ti abbraccio non aver paura", almeno nella notorietà. Perché la scrittura era pregnante anche all'inizio.

La mia recensione risale al 2007, anno di pubblicazione del libro che, ricordo, mi fu inviato dalla Marcos y Marcos con la quale, in quel periodo, si instaurò un bel rapporto di collaborazione. Adoro - allora come oggi - le loro copertine e aspettavo con ansia ogni volta i loro pacchetti. Fosse stato oggi, le avrei chiamate gloriosamente anteprime, ma allora essere bookblogger non era ancora una moda.

***non ho modificato niente, chissà se la mia scrittura è cambiata in qualche modo...***



Succulente di Luisa e Fulvio Ervas.
Marcos y Marcos, 2007.
Si ha voglia di un libro così. O meglio, si vorrebbe una vita come quelle descritte in “Succulente”, l’ultimo libro di Luisa e Fulvio Ervas [Marcos y Marcos].
Si aprono finestre sulle esistenze ventose di una miriade di personaggi, persone qualsiasi a prima vista, nella Lisbona contemporanea, avvolta però da un’atmosfera di magica stasi, come forse nessuna città moderna lo è.

Britto Mendes rappresenta la chiave di volta di tutto il romanzo, splendidamente intessuto tra ricordi, pensieri, desideri mai espressi ad alta voce, credenze. È un medico delle piante che lavora alle Estufas, le serre di Lisbona, e per il suo animo in continuo divenire ci vuole poco per passare dalla quiete e pacata vita delle piante grasse (le succulente, appunto) alla frenetica ricerca dell’assassino che ha compiuto vari delitti proprio all’interno delle serre. Britto ripercorrerà la vita degli altri impiegati e ogni volta ci pare di cogliere l’indizio che potrebbe far identificare il criminale, eppure ogni volta c’è qualcosa che sfugge…

C’è la sua amata Amalia, che inspiegabilmente si dedica a riti magici per far tornare un amore perduto. C’è la signora Luzia, che si reca in pellegrinaggio a Fatima per chiedere a Humberto di intercedere presso la Senhora affinché liberi suo figlio Manuelito dal fardello del suo corpo malato. E c’è un angelo, forse, che Britto incontra a Cabo da Roca…

I frammenti di vita descritti in “Succulente” hanno, di volta in volta, come sfondo, le calli di Lisbona, le spiagge infinite, le azzurre distese dell’oceano, rischiarati dalla luce del sole o dalla luce dei ricordi e delle sensazioni provenienti dal passato.
La costruzione perfettamente circolare della storia ci permette, alla fine, di trovare le risposte alle domande che, durante la lettura, inevitabilmente sono comparse. E trovano una spiegazione i gesti dei protagonisti, i sospiri, le loro sofferenze, perfino i battiti irregolari dei loro cuori.

In un crescendo, che raggiunge il suo acme nel finale inaspettato, il romanzo dei fratelli Ervas è capace di trasmettere quel senso di pace che ci coglie quando sappiamo di aver sistemato tutte le cose, dopo aver a lungo penato per poter trovare tutti i tasselli mancanti. Non possiamo fare a meno, però, di essere colti da una lieve malinconia, quando, pur avendo sistemato tutto, ci rendiamo conto che mancherà sempre qualcosa ed è a quel qualcosa che dobbiamo dire “Boa viagem…”.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…