Passa ai contenuti principali

La banda degli amanti di Massimo Carlotto


Ci vuole un animo forte per calarsi nell'oscurità senza soccombere.

E se l'oscurità è profonda e descritta come fa Massimo Carlotto in "La banda degli amanti" [Edizioni E/O], il lettore deve armarsi di coraggio perché il viaggio in questo libro vale la pena.

"La banda degli amanti" è il primo libro che leggo di Carlotto e ci ho messo un po' per farmi catturare, ma ora, posso assicurarvi, che sono conquistata. L'ho terminato nel weekend e ancora oggi i personaggi mi tornano alla mente in maniera random.

Marco Buratti detto l'Alligatore è un investigatore senza licenza, che ha conosciuto la galera, la vendetta, il dolore di perdere quello che si ha di più caro. Sembra un uomo a cui non importa niente di niente - se non dei suoi compagni di lotta -, certamente non può importargli di una donna ricca e arrogante che una sera si siede al suo tavolo mentre lui sta iniziando il solito viaggio in discesa con l'alcol. Oriana Pozzi Vitali vuole affidargli un caso e Buratti è restio a farsi coinvolgere in una storia che sembra intrisa di cliché e déjà vu. Invece, accetta. La signora, a questo punto, gli mostra il suo animo più intimo e Marco entra nella partita: deve ritrovare l'amante della donna, sparito un anno prima in seguito ad un sequestro, alla cui richiesta di riscatto Oriana non si è piegata.

Così, l'Alligatore, insieme a Max la Memoria, inizia a passare al setaccio la Padova bene, dove ha messo radici un personaggio già noto ai lettori di Carlotto, Giorgio Pellegrini: protagonista di "Arrivederci amore, ciao" e di "Alla fine di un giorno noioso", in questo libro Pellegrini sembra aver messo a tacere la sua perversa criminalità sotto una facciata di imprenditore di successo. Ma, appunto, è solo una facciata, che si sgretola sotto i colpi delle rivelazioni che, di capitolo in capitolo, tracciano il ritratto di un mostro dal sorriso ammaliante e dall'animo più nero che possa mai immaginarsi. Eppure, questo criminale senza scrupoli, appena sente nominare l'altro socio dell'Alligatore, Beniamino Rossini, si sente prendere dalla paura.
Beniamino Rossini è un gangster d'altri tempi, un uomo che risponde a regole d'onore fuori moda per la spietata criminalità moderna e che incute un sacro timore in quelli che hanno pestato i piedi un po' a tutti. Io ho adorato letteralmente Rossini uomo innamorato e ferito, così come il gentiluomo con regole che vanno al di là dell'umano senso di giustizia e vendetta.

Buratti all'inizio non riconosce Pellegrini, ma pian piano mette a posto tutti i pezzi del puzzle e la soluzione, sebbene per il lettore non risulti una sorpresa - Carlotto alterna nei capitoli le voci dei diversi protagonisti -, lascia addosso un senso di freddo.

Sono entrata in medias res nelle vicende dell'Alligatore e dei suoi soci, ma questo libro mi ha messo addosso la smania di leggere tutti quelli prima.
La struttura della storia mi ha catturato in una serie di diapositive che hanno creato l'immagine totale attraverso una scrittura asciutta e senza fronzoli. I personaggi hanno lati in ombra che catturano l'attenzione per la complessità umana di cui si fanno portatori.
Credo che un lettore non possa chiedere di più ad un noir: la tensione, l'intelligenza dell'assassino e del detective, il confine sottile e sfumato tra bene e male, il sentimento di attaccamento ai personaggi.

"La banda degli amanti" contiene già nel titolo la linea labile che esiste tra i buoni e i cattivi.
Laddove chi ama, ama indistintamente dal lato della barricata in cui si trova.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…