Passa ai contenuti principali

Frittata alle ortiche di Mara Roberti


Il Natale è l'odore di pigna messa a bruciare sul fornello che si mescola al sapore del sugo di passata di pomodoro e vino rosso, con olive nere, uvetta e noci.
La casa della nonna è l'odore dei fagioli secchi messi a bagno la sera prima e a cuocere dalle prime ore dell'alba e poi la frisella con sale, olio e origano appena macinato con le mani.

Ogni odore, ogni sapore si mescola ad una miriade di emozioni che risvegliano ricordi indelebili. È difficile dire il momento preciso in cui ho acquisito odori, sapori e immagini, ma restano in una parte della memoria - e del cuore - che bussa a volte quando meno me lo aspetto.

Una frittata alle ortiche riporta alla luce emozioni e ricordi che Giulia credeva cancellati per sempre e che invece sono sempre stati là e l'hanno resa la donna che è.
"Frittata alle ortiche" di Mara Roberti [Emma Books] è un racconto che parte dai sensi per arrivare al cuore, perché pian piano le sensazioni rimandate dall'olfatto, dal gusto e dalla vista si trasformano nei pezzi che compongono il puzzle dell'amore tra un padre e una figlia.
Giulia arriva alla casa di famiglia, in Piemonte, dopo la morte del padre. Vive a Londra e manca da un po' di tempo, sia da quella vecchia casa di campagna che dalla quotidianità della sua famiglia, in cui la sorella Elena si è dovuta occupare della malattia del padre e del peso dei ricordi, soprattutto di quelli dolorosi. La palese ostilità di Elena nei confronti di Giulia in realtà nasconde la mancanza che ha sentito della compagna di giochi, della complice di mille marachelle, della donna che poteva darle sostegno, della sorella che aveva e che, ad un certo punto, non c'è stata più.

Anche questa volta Mara Roberti è riuscita a coinvolgermi emotivamente nella storia che vivono i suoi personaggi - più persone che personaggi, in realtà - tanto che in alcuni momenti mi sono fermata a pensare a cosa avrei fatto io. Sarà perché anche io vivo all'estero, sarà che ci sono preoccupazioni e dolori che non lasceremo mai indietro, per quanti chilometri possiamo metterci di mezzo, ma Giulia guarda le cose della casa in cui è cresciuta un po' come io guardo le cose quando torno a casa: con occhi nuovi, ma sempre velati dai ricordi.

Il racconto "Frittata alle ortiche" - il cui sottotitolo è "La ricetta del perdono" - dà il via al nuovo progetto di Emma Books #EmmaForExpo, una raccolta, o meglio, un buffet di racconti che, da maggio a ottobre, hanno per tema il cibo, con ricette un po' magiche perché saranno in grado di curare anche i mali del cuore.
Perché a volte, si sa, il cuore si lascia guarire anche da ciò che passa per lo stomaco.
Buon appetito... ehm, volevo dire... buona lettura!

Commenti

  1. Grazie Ramona, una recensione bellissima, fra espatriate ci capiamo! :)

    RispondiElimina
  2. Grazie Ramona, una recensione bellissima, fra espatriate ci capiamo! :)

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…