Passa ai contenuti principali

5 cose indispensabili per un pomeriggio di lettura


Il pomeriggio è il periodo della giornata in cui mi attivo di più, come se avvertissi il finire del giorno e volessi recuperare quello che non ho fatto in mattinata e che di sera sono troppo stanca per fare.
Quando si tratta di leggere, il pomeriggio è il mio momento preferito.

Con la luce abbagliante dei pomeriggi estivi, smorzata appena dalle tende. Con l'ombra grigiastra dell'inverno che invita ad accoccolarsi nella poltrona coi cuscini morbidi. Con la pioggia che batte contro i vetri. Con la quiete del giorno che si rilassa e occhieggia già alla sera.

Ognuno ha i suoi rituali prima di mettersi a leggere, ma ci sono 5 cose indispensabili che non possono mancare in un pomeriggio di lettura.

  1. seduta comoda. Che sia un divano, una poltrona, una sdraio o un prato, l'importante è che stiamo comodi. Un pomeriggio di lettura è qualcosa che si gusta lentamente, senza fretta, e in tutta comodità;
  2. qualcosa da bere. In inverno, è immancabile una tazza di tè, in estate una spremuta o una bibita fresca. Non deve mancare mai qualcosa che ci idrati: non so esattamente perché, ma io preferisco bere mentre leggo, piuttosto che sgranocchiare qualcosa;
  3. ottima luce. Per leggere, ci deve essere luce. Che leggiate un libro di carta o su un supporto elettronico, non deve mai mancare una fonte luminosa che non stanchi gli occhi. In primavera ed estate, con le giornate che si allungano, non sarà difficile immergersi nella luce naturale, mentre di inverno giochiamo con le lampade, spargiamone alcune (magari di forma diversa e insolita) nella stanza e moduliamo i punti luce a secondo delle ore e del sole che pian piano tramonta;
  4. spegnete tv, tablet e smartphone (se non potete azzerare quest'ultimo, almeno smorzatene i suoni). Mi rendo conto sempre più spesso che per leggere bene ho bisogno di essere concentrata e più mi concentro, più mi lascio assorbire dalla storia e mi rilasso. Il cervello si occupa di una sola piacevolissima attività e molla la presa su tutte le tensioni della giornata (e forse, per un breve attimo, anche della vita);
  5. un buon libro. È fondamentale. È imprescindibile. È la cosa principale che non può mancare in un pomeriggio di lettura: un buon libro. Non deve essere per forza il bestseller dell'autore di grido o un trattato filosofico sull'importanza del borotalco nell'igiene intima dell'iguana. Possono essere anche quelli, attenzione eh, basta che vi piacciano e vi diano un senso di libertà e piacere. Dedicarsi un pomeriggio a leggere è un lusso che non tutti possono permettersi, quindi quando accade, che sia per il puro piacere di leggere qualcosa che amiamo.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…