Passa ai contenuti principali

5 cose indispensabili per un pomeriggio di lettura


Il pomeriggio è il periodo della giornata in cui mi attivo di più, come se avvertissi il finire del giorno e volessi recuperare quello che non ho fatto in mattinata e che di sera sono troppo stanca per fare.
Quando si tratta di leggere, il pomeriggio è il mio momento preferito.

Con la luce abbagliante dei pomeriggi estivi, smorzata appena dalle tende. Con l'ombra grigiastra dell'inverno che invita ad accoccolarsi nella poltrona coi cuscini morbidi. Con la pioggia che batte contro i vetri. Con la quiete del giorno che si rilassa e occhieggia già alla sera.

Ognuno ha i suoi rituali prima di mettersi a leggere, ma ci sono 5 cose indispensabili che non possono mancare in un pomeriggio di lettura.

  1. seduta comoda. Che sia un divano, una poltrona, una sdraio o un prato, l'importante è che stiamo comodi. Un pomeriggio di lettura è qualcosa che si gusta lentamente, senza fretta, e in tutta comodità;
  2. qualcosa da bere. In inverno, è immancabile una tazza di tè, in estate una spremuta o una bibita fresca. Non deve mancare mai qualcosa che ci idrati: non so esattamente perché, ma io preferisco bere mentre leggo, piuttosto che sgranocchiare qualcosa;
  3. ottima luce. Per leggere, ci deve essere luce. Che leggiate un libro di carta o su un supporto elettronico, non deve mai mancare una fonte luminosa che non stanchi gli occhi. In primavera ed estate, con le giornate che si allungano, non sarà difficile immergersi nella luce naturale, mentre di inverno giochiamo con le lampade, spargiamone alcune (magari di forma diversa e insolita) nella stanza e moduliamo i punti luce a secondo delle ore e del sole che pian piano tramonta;
  4. spegnete tv, tablet e smartphone (se non potete azzerare quest'ultimo, almeno smorzatene i suoni). Mi rendo conto sempre più spesso che per leggere bene ho bisogno di essere concentrata e più mi concentro, più mi lascio assorbire dalla storia e mi rilasso. Il cervello si occupa di una sola piacevolissima attività e molla la presa su tutte le tensioni della giornata (e forse, per un breve attimo, anche della vita);
  5. un buon libro. È fondamentale. È imprescindibile. È la cosa principale che non può mancare in un pomeriggio di lettura: un buon libro. Non deve essere per forza il bestseller dell'autore di grido o un trattato filosofico sull'importanza del borotalco nell'igiene intima dell'iguana. Possono essere anche quelli, attenzione eh, basta che vi piacciano e vi diano un senso di libertà e piacere. Dedicarsi un pomeriggio a leggere è un lusso che non tutti possono permettersi, quindi quando accade, che sia per il puro piacere di leggere qualcosa che amiamo.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…

Anteprima: Lo Straordinario di Eva Clesis

Lo Straordinario Eva Clesis Las Vegas Edizioni dal 15 febbraio in libreria
Alla tenera età di 37 anni, Lea sta cercando se stessa, ma le basterebbe trovare un nuovo inizio: ha rotto con il fidanzato, ha perso il lavoro presso una rivista di moda e sogna una carriera da giornalista d’assalto. Come se non bastasse, ha una sorella gemella di successo e una madre lontana e ipercritica. Nonostante pensi di avere più sfiga che talento, le cose iniziano a girare per il verso giusto non appena Lea mette piede nella sua nuova casa, in un condominio della periferia milanese. I suoi abitanti lo chiamano “Lo Straordinario”. I padroni di casa sono una coppia di anziani gentilissimi, la mansarda in cui va a vivere è deliziosa, il prezzo dell’affitto incredibilmente basso, gli inquilini zelanti e prodighi di attenzioni. Tutti sono pronti ad accogliere Lea come in una grande famiglia. Ma ogni famiglia è infelice a modo suo. E giorno dopo giorno Lea sospetta di essere diventata la pedina di un gioco sco…