Passa ai contenuti principali

5 cose indispensabili per un pomeriggio di lettura


Il pomeriggio è il periodo della giornata in cui mi attivo di più, come se avvertissi il finire del giorno e volessi recuperare quello che non ho fatto in mattinata e che di sera sono troppo stanca per fare.
Quando si tratta di leggere, il pomeriggio è il mio momento preferito.

Con la luce abbagliante dei pomeriggi estivi, smorzata appena dalle tende. Con l'ombra grigiastra dell'inverno che invita ad accoccolarsi nella poltrona coi cuscini morbidi. Con la pioggia che batte contro i vetri. Con la quiete del giorno che si rilassa e occhieggia già alla sera.

Ognuno ha i suoi rituali prima di mettersi a leggere, ma ci sono 5 cose indispensabili che non possono mancare in un pomeriggio di lettura.

  1. seduta comoda. Che sia un divano, una poltrona, una sdraio o un prato, l'importante è che stiamo comodi. Un pomeriggio di lettura è qualcosa che si gusta lentamente, senza fretta, e in tutta comodità;
  2. qualcosa da bere. In inverno, è immancabile una tazza di tè, in estate una spremuta o una bibita fresca. Non deve mancare mai qualcosa che ci idrati: non so esattamente perché, ma io preferisco bere mentre leggo, piuttosto che sgranocchiare qualcosa;
  3. ottima luce. Per leggere, ci deve essere luce. Che leggiate un libro di carta o su un supporto elettronico, non deve mai mancare una fonte luminosa che non stanchi gli occhi. In primavera ed estate, con le giornate che si allungano, non sarà difficile immergersi nella luce naturale, mentre di inverno giochiamo con le lampade, spargiamone alcune (magari di forma diversa e insolita) nella stanza e moduliamo i punti luce a secondo delle ore e del sole che pian piano tramonta;
  4. spegnete tv, tablet e smartphone (se non potete azzerare quest'ultimo, almeno smorzatene i suoni). Mi rendo conto sempre più spesso che per leggere bene ho bisogno di essere concentrata e più mi concentro, più mi lascio assorbire dalla storia e mi rilasso. Il cervello si occupa di una sola piacevolissima attività e molla la presa su tutte le tensioni della giornata (e forse, per un breve attimo, anche della vita);
  5. un buon libro. È fondamentale. È imprescindibile. È la cosa principale che non può mancare in un pomeriggio di lettura: un buon libro. Non deve essere per forza il bestseller dell'autore di grido o un trattato filosofico sull'importanza del borotalco nell'igiene intima dell'iguana. Possono essere anche quelli, attenzione eh, basta che vi piacciano e vi diano un senso di libertà e piacere. Dedicarsi un pomeriggio a leggere è un lusso che non tutti possono permettersi, quindi quando accade, che sia per il puro piacere di leggere qualcosa che amiamo.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…