Passa ai contenuti principali

Segnalazione di un libro: cos'è e come si usa (su questo blog)

[foto: fonte]
Che cos'è una segnalazione?
Se questo blog fosse la vetrina di un negozio, la segnalazione sarebbe l'oggetto messo al centro, in alto su un piedistallo con un faretto puntato sopra per un periodo di tempo prestabilito. Il vantaggio della rete è che la segnalazione resta lì, fin quando il blog esisterà o la rete stessa esisterà.

Quali libri saranno segnalati?
Ogni settimana cercherò di proporvi la segnalazione di un libro che leggerò o che semplicemente mi sembra interessante alla lettura della trama. Ci saranno libri self - perché io credo negli esordienti che si ingegnano per realizzare i propri sogni! - ma forse anche qualcuno pubblicato da qualche casa editrice particolare o particolarmente normale. Saranno segnalati i libri che in qualche modo mi piacciono, anche solo dalla trama, indipendentemente dal fatto che li abbiano proposti gli autori o che li abbia trovati io. Il fatto che un autore proponga il suo libro, non mi obbliga a pubblicare la segnalazione in ogni caso: se non mi piace, non va sul blog [N.B. per gli autori: evitate lo stalkeraggio! (parte I)]. Essendo un "servizio" totalmente GRATUITO, lasciatemi almeno la libertà e il piacere di credere in un libro, anche solo per un'infatuazione a prima vista.

Come è fatta una segnalazione?
La segnalazione sarà composta dalla trama del libro e, se l'autore è disponibile, da una dichiarazione in merito. Nella segnalazione NON ci saranno giudizi personali, quelli sono riservati alle recensioni, che sono un'altra cosa.

La segnalazione di un libro non sarà sempre il preludio alla recensione.

[N.B. 2 per gli autori: evitate lo stalkeraggio (parte II) per avere la recensione. Può essere che abbia segnalato il libro, perché mi aveva incuriosito, poi lo abbia letto e non mi sia piaciuto. Quindi, a volte è meglio solo una segnalazione che una stroncatura, o no?].

Commenti

  1. Io preferisco non fare segnalazioni, perché - anche se molti libri mi incuriosiscono e potrebbe valere la pena di leggerli - la delusione potrebbe essere dietro l'angolo...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…

Anteprima: Lo Straordinario di Eva Clesis

Lo Straordinario Eva Clesis Las Vegas Edizioni dal 15 febbraio in libreria
Alla tenera età di 37 anni, Lea sta cercando se stessa, ma le basterebbe trovare un nuovo inizio: ha rotto con il fidanzato, ha perso il lavoro presso una rivista di moda e sogna una carriera da giornalista d’assalto. Come se non bastasse, ha una sorella gemella di successo e una madre lontana e ipercritica. Nonostante pensi di avere più sfiga che talento, le cose iniziano a girare per il verso giusto non appena Lea mette piede nella sua nuova casa, in un condominio della periferia milanese. I suoi abitanti lo chiamano “Lo Straordinario”. I padroni di casa sono una coppia di anziani gentilissimi, la mansarda in cui va a vivere è deliziosa, il prezzo dell’affitto incredibilmente basso, gli inquilini zelanti e prodighi di attenzioni. Tutti sono pronti ad accogliere Lea come in una grande famiglia. Ma ogni famiglia è infelice a modo suo. E giorno dopo giorno Lea sospetta di essere diventata la pedina di un gioco sco…