Passa ai contenuti principali

#ioleggoperché leggevo ieri, leggerò anche oggi e... tutti i giorni a venire!


Che state leggendo oggi?
Ve lo chiedo perché ieri è stata la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore (in Italia, World Book Day nel resto del mondo), ma i lettori non festeggiano una volta l'anno (certo, è un'occasione per incontrarsi e stare insieme, ma poi...).

La Giornata del libro è, appunto, una giornata sola, ventiquattro ore in cui tutti - ma proprio tutti - si ricordano di quell'oggetto che magari nel resto del 364 giorni ignorano bellamente.
Chi, invece, in quell'oggetto ci vede un amico d'elezione non guarda tanto al calendario, ma ogni giorno diventa la festa in cui incontrare quel compagno tanto fedele.

#IOLEGGOPERCHÈ è stata l'iniziativa nazionale che ieri ha sguinzagliato per l'Italia migliaia di messaggeri con 240mila libri da regalare a chi non legge. Un progetto di proporzioni immani, secondo me, culminato con la diretta televisiva in prima serata su Rai 3. Ma un progetto, appunto, con un inizio e una fine (il 23 aprile). Se poi si continuerà anche durante l'anno, in attesa della prossima Giornata del libro, e come possa avvenire questa continuazione, non si sa ancora.

Cosa è cambiato da ieri a oggi?
Per i lettori, poco o niente: leggevano, leggono e leggeranno.
Per i non lettori, spero che sia cambiato, se non tutto, almeno qualcosa: non leggevano, leggono oggi e magari gli è venuta la curiosità di continuare a farlo.

Io ho sempre letto e continuerò a farlo.
La mia speranza, però, è che non ci sia più bisogno di mobilitazioni nazionali come quella di ieri: non perché non sia stata una bella cosa, anzi è stata bellissima, ma perché dobbiamo fare le campagne per una cosa che, a parer mio, dovrebbe risultare naturale come respirare?

Il mio hashtag da oggi in poi sarà #ioleggoperchérespiro.
E respiro tutto l'anno, non solo in occasione di una festa.


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…