Passa ai contenuti principali

Risparmiare i sentimenti per sentirsi ricchi davvero


Tutti dicono I Love You intitolava Woody Allen ed è questo il mood che da un po' di tempo pervade la rete ma anche quello che c'è fuori. Lo so che la mente vacilla al pensiero che possa esserci qualcosa fuori, eppure c'è, ve lo posso assicurare.

Tantissimi buoni sentimenti circolano in rete, purtroppo molti dei quali falsi come una banconota stampata sulla carta dei rotoloni da cucina.
Tanti "cara", "carissima", "tesoro", "amore mio" usati a sproposito che ci si potrebbe riempire una discarica senza fondo.
Caterve di emoticon che sorridono, che sprizzano cuoricini dagli occhi, che lanciano baci cascano dalla rete e cercano di soffocarci.

Se tutto questo affetto si traducesse, nella realtà, quella che è fuori dallo schermo del pc o dello smartphone, in azioni affettuose, allora ben vengano i cuori, i fiori e tutto ciò che può dimostrare amore. Ma la verità è che la realtà non ha nessuna casella emoticon a cui attingere per lanciare incontro a chi vediamo dal vivo cuori e baci schioccanti, quindi l'unica cosa sarebbe un sorriso sincero, un abbraccio caloroso, una dimostrazione di sincero interesse, e invece niente.


Allora io vi propongo una spending review dei sentimenti: risparmiarli online per dimostrarli dal vivo.
Risparmiare frizzi e lazzi che, se non supportati dalla vecchia eppure fondamentale realtà, risultano essere solo idiozie senza senso, che non lasciano niente dentro.
I sentimenti veri sono quelli che ti gonfiano qualcosa nel petto o in un angolino non meglio localizzato da quelle parti, che ti fanno sorridere anche quando non c'è proprio niente da sorridere, che ti fanno sentire ricco anche se sei ben lontano da vincere il superenalotto, anche perché non hai proprio giocato i numeri, ma a te sembra di sì.
Ecco, per sentirsi ricchi davvero basta davvero poco, a volte.
E per quel poco, non hanno ancora creato un'emoticon adatta, credetemi.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …