Passa ai contenuti principali

Non mi piaci ma ti amo di Cecile Bertod


Come nasce l'amore?
Chi lo sa, chi può dirlo.

Può nascere da uno sgambetto, da uno scherzo, da un litigio, così come da una carezza, da una parola dolce, da un bacio.
Nel caso di Sandy e Thomas, i protagonisti di "Non mi piaci ma ti amo" di Cecile Bertod [Newton Compton Editori] l'amore nasce da una rivalità che affonda le radici in mille angherie perpetrate da un bambino nei confronti di una bambina e viceversa. Dal desiderio di graffiarsi nasce la voglia di accarezzarsi, dall'abitudine ad ignorarsi scaturisce il bisogno di stare insieme.

Sandy Price e Thomas Clark hanno passato insieme le vacanze estive per anni, da quando erano bambini fino all'adolescenza, nella tenuta del nonno di Thomas, sir Roger Clark, carissimo amico dei genitori di Sandy. Gli adulti non fanno altro che creare occasioni per far stare insieme i due ragazzi che, in realtà, si detestano cordialmente e, appena possono, si mettono in difficoltà a vicenda.
Però, si sa, l'adolescenza è una bomba che scoppia senza preavviso e Sandy e Thomas non sono immuni dai disastri che causa. Così, si perdono di vista e quando lui la manda a chiamare, dieci anni dopo, lei non sa davvero cosa aspettarsi.
Quello che però tutti e due sanno a prima vista è che si detestano ancora, ogni cosa dell'altro irrita un nervo scoperto che, per quei dieci anni, se ne era stato ben nascosto tra le delusioni dell'età adulta e la voglia di sognare ancora.


"Non mi piaci ma ti amo" è il nuovo titolo di quello che, originariamente, era stato autopubblicato come "Wife with benefits" ma con scene ed epilogo inediti.
Cecile Bertod sa tenerti incollato alla pagina con una verve che era tutta presente anche nel testo senza casa editrice, fa parte del suo stile - così come confermato anche da "Tutto, ma non il mio tailleur" ora fuori dagli store - e che è il tratto caratteristico che le ha fatto conquistare tanti lettori.

La storia di Sandy e Thomas è frizzante e, allo stesso tempo, profonda, con scene molto intense ma anche molto reali in cui identificarsi, senza gli uccellini che cantano come nelle favole, o situazioni esagerate come in certi romance un po' melensi. 
Sandy e Thomas si amano come potreste amarvi anche voi col vostro fidanzato/marito, con un pizzico di litigiosità che, in fondo in fondo, non fa mai male.

C'è da dire che anche "Non mi piaci ma ti amo" l'ho divorato in una volta sola, così come mi era successo per il self. Ora, non so se vi fidate, ma credetemi, non mi capita con tutti di non volermi separare dal libro, se non arrivo all'ultima pagina.
Inutile dire che sarebbe bello sapere come procede la vita di Sandy e Thomas anche dopo l'epilogo, perché sono sicura che ci sarebbe ancora da ridere. 
In ogni caso, attendo impazientemente un nuovo lavoro di Cecile, per lasciarmi catturare ancora da quei mondi leggeri, brillanti e infinitamente affascinanti che sa creare.

Commenti

  1. NOOOO BASTAAAAA!!! FINISCE QUIIII!!!! =D Comunque grazie come sempre. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va beneeeee! XD vuol dire che quando sentirò la mancanza di Sandy e Thomas mi rileggerò questo, NO PANIC, please! :-D

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …