Passa ai contenuti principali

Libri e musica: quando il titolo è preso da una canzone

La musica entra ed esce dai libri, da sempre. Ma oggi è una vera e propria moda.
Io e mio marito ci compensiamo in diversi modi, uno di questi è che lui riconosce una canzone dal primo secondo di ascolto e io riconosco un libro da una citazione, un titolo o una copertina. Se nel mondo in cui viviamo queste cose valessero denaro, noi faremmo bagni in piscine piene dei nichelini d'oro di Zio Paperone.

Ultimamente è capitato che mi sentisse nominare alcuni libri e poco dopo io lo sentissi canticchiare il titolo di quel libro. In un primo momento non ci ho fatto molto caso, ma il fenomeno, diciamo così, si è ripetuto a più riprese, il che mi ha incuriosito e mi ha spinto a indagare.
Così, ho scoperto questa tendenza che, sebbene negli anni passati fosse presente, ora è oggetto di una fioritura senza pari: intitolare i libri - di autori italiani e stranieri tradotti - con titoli di canzoni o con strofe molto note.

Come succede sempre per le cose che mi incuriosiscono, mi sono impegnata a scovare quanti più titoli di libri e quante più canzoni possibili, ma questo post sarà aggiornato periodicamente, credo, perché la tendenza non accenna a sparire.

Nell'elenco che segue, ho messo i libri e i video delle canzoni, così potrete ascoltarle e canticchiare quando andrete in libreria. Vi avverto, però: se non conoscete i Ricchi e Poveri o non vi sono mai stati particolarmente simpatici, li troverete un po' dappertutto, quindi abbiate pazienza.

Una nota per gli editor: "Sei la sola che amo" è un titolo già bello e confezionato, sempre made in Ricchi e Poveri. Pensateci, per un prossimo libro e fatemi sapere!

I Ricchi e Poveri quando hanno scoperto
che fine hanno fatto le loro canzoni.
Arrivederci amore, ciao di Massimo Carlotto: canzone "Insieme a te non ci sto più" di Caterina Caselli.

Sarà perché ti amo di Niamh Greene: canzone "Sarà perché ti amo" dei Ricchi e Poveri.

Se mi innamoro di Bella Andre: canzone "Se mi innamoro" dei Ricchi e Poveri.

Piccolo amore di Peter Hartling: canzone "Piccolo amore" dei Ricchi e Poveri e "Piccolo amore" di Roberto Vecchioni.

Chi voglio sei tu di Mariangela Camocardi: canzone "Chi voglio sei tu" dei Ricchi e Poveri.

Buonanotte amore mio di Daniela Volontè: canzone "Buonanotte amore mio" di Al Bano.

Una lunga storia d'amore di Remo Guerrini: canzone "Una lunga storia d'amore" di Gino Paoli.

Se stiamo insieme ci sarà un perché di Daniela Sacerdoti: canzone "Se stiamo insieme" di Riccardo Cocciante.

Se fossi qui con me questa sera di Sara Tessa: canzone "Non ti scordar di me" di Giusy Ferreri.

La faccia di Mina in libreria di fronte al libro con la sua canzone.
Sei il mio sole anche di notte di Amy Harmon: canzone "Girasole" di Giorgia.

Vorrei che fosse amore di Elisa Amoruso: canzone "Vorrei che fosse amore" di Mina.

Maledetta primavera di Paolo Cammilli: canzone "Maledetta primavera" di Loretta Goggi.

Se mi lascia non vale di Valentina Stella: canzone "Se mi lasci non vale" di Julio Iglesias.

Da quando ci sei tu di Penelope Douglas: canzone "Acqua azzurra acqua chiara" di Lucio Battisti e "Da quando ci sei tu" di Benji e Fede.

Quello che sei per me di Rachel Van Dyken: canzone "Quello che" dei 99Posse.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …