Passa ai contenuti principali

Libri e musica: quando il titolo è preso da una canzone

La musica entra ed esce dai libri, da sempre. Ma oggi è una vera e propria moda.
Io e mio marito ci compensiamo in diversi modi, uno di questi è che lui riconosce una canzone dal primo secondo di ascolto e io riconosco un libro da una citazione, un titolo o una copertina. Se nel mondo in cui viviamo queste cose valessero denaro, noi faremmo bagni in piscine piene dei nichelini d'oro di Zio Paperone.

Ultimamente è capitato che mi sentisse nominare alcuni libri e poco dopo io lo sentissi canticchiare il titolo di quel libro. In un primo momento non ci ho fatto molto caso, ma il fenomeno, diciamo così, si è ripetuto a più riprese, il che mi ha incuriosito e mi ha spinto a indagare.
Così, ho scoperto questa tendenza che, sebbene negli anni passati fosse presente, ora è oggetto di una fioritura senza pari: intitolare i libri - di autori italiani e stranieri tradotti - con titoli di canzoni o con strofe molto note.

Come succede sempre per le cose che mi incuriosiscono, mi sono impegnata a scovare quanti più titoli di libri e quante più canzoni possibili, ma questo post sarà aggiornato periodicamente, credo, perché la tendenza non accenna a sparire.

Nell'elenco che segue, ho messo i libri e i video delle canzoni, così potrete ascoltarle e canticchiare quando andrete in libreria. Vi avverto, però: se non conoscete i Ricchi e Poveri o non vi sono mai stati particolarmente simpatici, li troverete un po' dappertutto, quindi abbiate pazienza.

Una nota per gli editor: "Sei la sola che amo" è un titolo già bello e confezionato, sempre made in Ricchi e Poveri. Pensateci, per un prossimo libro e fatemi sapere!

I Ricchi e Poveri quando hanno scoperto
che fine hanno fatto le loro canzoni.
Arrivederci amore, ciao di Massimo Carlotto: canzone "Insieme a te non ci sto più" di Caterina Caselli.

Sarà perché ti amo di Niamh Greene: canzone "Sarà perché ti amo" dei Ricchi e Poveri.

Se mi innamoro di Bella Andre: canzone "Se mi innamoro" dei Ricchi e Poveri.

Piccolo amore di Peter Hartling: canzone "Piccolo amore" dei Ricchi e Poveri e "Piccolo amore" di Roberto Vecchioni.

Chi voglio sei tu di Mariangela Camocardi: canzone "Chi voglio sei tu" dei Ricchi e Poveri.

Buonanotte amore mio di Daniela Volontè: canzone "Buonanotte amore mio" di Al Bano.

Una lunga storia d'amore di Remo Guerrini: canzone "Una lunga storia d'amore" di Gino Paoli.

Se stiamo insieme ci sarà un perché di Daniela Sacerdoti: canzone "Se stiamo insieme" di Riccardo Cocciante.

Se fossi qui con me questa sera di Sara Tessa: canzone "Non ti scordar di me" di Giusy Ferreri.

La faccia di Mina in libreria di fronte al libro con la sua canzone.
Sei il mio sole anche di notte di Amy Harmon: canzone "Girasole" di Giorgia.

Vorrei che fosse amore di Elisa Amoruso: canzone "Vorrei che fosse amore" di Mina.

Maledetta primavera di Paolo Cammilli: canzone "Maledetta primavera" di Loretta Goggi.

Se mi lascia non vale di Valentina Stella: canzone "Se mi lasci non vale" di Julio Iglesias.

Da quando ci sei tu di Penelope Douglas: canzone "Acqua azzurra acqua chiara" di Lucio Battisti e "Da quando ci sei tu" di Benji e Fede.

Quello che sei per me di Rachel Van Dyken: canzone "Quello che" dei 99Posse.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…