Passa ai contenuti principali

Il canto del deserto di Adele Vieri Castellano


Perché mi piacciono dei libri, piuttosto che altri?
Me lo chiedo ogni volta che sto per scrivere una recensione, e spesso non trovo risposta.
Oggi, però, una risposta voglio abbozzarla e chissà che non vada bene anche per altre occasioni: perché richiamano qualcosa che è già dentro di me.

"Il canto del deserto" di Adele Vieri Castellano [Leggereditore] mi ha attratto dal primo momento e, dopo averlo letto, posso dire che l'attrazione si è trasformata in amore.

Lady Sylvia Dunmore è rimasta vedova giovanissima, dopo appena un anno di matrimonio, e quando il padre le propone un viaggio in Egitto per rimettersi in salute e per andare a trovare suo figlio Adam che da anni scava a Luxor e dintorni, lei non se lo fa ripetere due volte. Quel viaggio è per Sylvia il momento per vedere con i suoi occhi tutte le meraviglie che suo fratello le ha descritto nelle sue lettere.
Una volta lì, si rende conto che suo fratello non è solo, ma che Nicholas Harper, duca di Brokenwood, inseparabile amico fin dall'infanzia, è anche lui impegnato negli scavi. Sylvia crede di aver accantonato il suo primo amore, ma ritrovarsi di fronte il duca, più bello che mai ma privo della vista, le fa capire che la sua convinzione era del tutto errata.
Nicholas ora non può vedere che Sylvia è diversa dalla quindicenne tutt'ossa che, con addosso i calzoni del fratello, lo rincorreva per la brughiera per chiedergli di sposarla, ma lo sente. Percepisce di lei cose che non avrebbe mai creduto di poter capire di un essere umano.
Il fascino dell'Egitto, però, è strettamente legato al pericolo e nel 1871, nel pieno delle campagne che hanno riportato alla luce la storia antica che noi oggi abbiamo la possibilità di conoscere attraverso i reperti, i pericoli erano legati non solo agli uomini, ma anche alle leggende del deserto e alle credenze millenarie.

Adele Vieri Castellano costruisce uno splendido personaggio di donna, Sylvia, forte, moderna nella sua indipendenza - supportata da un padre altrettanto moderno nel pensiero - più interessata alla conoscenza che non alle convenzioni sociali, più attratta dal mistero dell'Egitto che dalla sicurezza di una casa inglese. Sylvia non annoia mai, né per i comportamenti né per i pensieri e tantomeno per le azioni: è una perfetta eroina romance, ma strizza l'occhio alle donne contemporanee a cui apre virtualmente le porte per grandi imprese.

"Il canto del deserto" è un romance storico in piena regola, ma ho amato soprattutto il fatto che non fosse scontato. Ogni situazione, ogni sentimento può nascondere una sorpresa e un inaspettato risvolto che, pur essendo una vorace lettrice, non avevo messo in conto.

Dicevo che i libri si amano anche per quello che richiamano dentro di noi e questo libro a me è piaciuto anche perché mi ha ricordato l'attrazione e il timore che ho sempre provato nei confronti dell'Antico Egitto, con le sue divinità e i suoi sovrani, le credenze e le usanze.
Nel libro di Adele Vieri Castellano c'è tutto questo, e si percepisce la cura e l'amore che ha messo in ogni singola pagina.
Se è vero che "il deserto è terribile e spietato, ma chi lo ha conosciuto è costretto a ritornarci", forse questo vale anche per chi il deserto lo ha conosciuto tra le pagine di un libro, e a me è capitato che ero poco più che adolescente con un libro di Katherine Kingsley.
"Il canto del deserto" è stato, per me, quel ritorno nel deserto che tanto avevo desiderato, anche senza rendermene conto pienamente.

Commenti

  1. Grazie di cuore, Ramona. Sono felice di averti fatto riscoprire le atmosfere del deserto... indimenticabili!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …