Passa ai contenuti principali

5 cose indispensabili a un lettore in primavera

In giro per giardini con giusto qualche libro da leggere... [foto: fonte]

Essere lettori è una cosa buona e giusta in qualsiasi stagione, ma con l'arrivo della primavera, le giornate si allungano e si risveglia la voglia di stare all'aria aperta, spesso con un buon libro.
Ma la luce entra più prepotentemente anche nelle nostre case e per me non c'è niente di meglio di un raggio di sole che sfiora le pagine di un libro, dovunque mi trovi.
Ecco, allora, quello che non può proprio mancare ad un lettore in primavera.

***oltre alla voglia di leggere, ça va sans dire!***

  1. un prato in cui sdraiarsi, una panchina all'ombra, un masso rotondo e comodo a cui appoggiare la schiena, una poltrona che dà su un balcone o una finestra da cui entra tanta ma tanta luce;
  2. una borsa grande con cui portare in giro un libro di quelli leggeri e pesanti allo stesso tempo, possibilmente con una copertina stupenda e una storia che riempie il cuore e rende l'anima più profonda. E poi un lucidalabbra al sapore di frutta, così quel sapore ci ricorderà sempre quel libro particolare;
  3. la voglia di scrivere note sui margini con matite colorate o, per chi non scrive sui libri, post-it colorati da attaccare tra le pagine;
  4. raccogliere il primo fiore e lasciarlo tra le pagine del libro che stiamo leggendo;
  5. farsi una foto con il libro, il prato, i fiori, la luce del sole dalla finestra e... condividerla! Non so resistere alle mode, soprattutto se coinvolgono un libro!

Commenti

  1. ommioddio che bello *.* voglio tutte e cinque queste cose...più tanto tanto tanto ma tanto tempo per leggere!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…