Passa ai contenuti principali

Un adorabile bugiardo di Deborah Fasola


Si dice che le bugie hanno le gambe corte e forse per questo non fanno molta strada.
Se però le bugie hanno le gambe muscolose di Eric e, più sopra, ci sono pettorali da urlo e un viso da incantarsi, per non parlare di un cervello da fisico nucleare, forse hanno qualche possibilità in più di sopravvivere. E, anzi, moltiplicarsi.
Così, Rebecca Moore, la protagonista di "Un adorabile bugiardo" di Deborah Fasola [Rizzoli YouFeel], si trova a dover tenere in piedi così tante storie inventate che dimentica quale è la verità.

Rebecca ha un fidanzato bellissimo che di mestiere fa il medico, una situazione a cui lei stessa stenta a credere. Dean, però, ha un difetto bello grosso: non vuole impegnarsi e, dopo due anni di relazione, Becks, che vuole passare ad uno stadio successivo, si trova ad essere scaricata da un giorno all'altro. Ma forse non è nemmeno questo il suo dramma, quanto piuttosto la quadratura storta in cui è entrata la sua vita, visto che non solo ha perso il fidanzato, ma anche il lavoro e persino il gatto!

Nello stesso momento, la sua migliore amica Julie, che Becks ha sempre considerato perfetta con una vita perfetta e un marito perfetto e innamorato, lascia tutto per dedicarsi ad una storia con il suo collega Eric. I due amanti si ritrovano senza casa e chiedono a Rebecca di ospitarli. La convivenza si rivelerà piena di sorprese, perché le cose non sono sempre come sembrano e il destino, a volte, ha altri piani rispetto a quelli che noi immaginavamo e spesso questi sono incasinati come un mazzo di carte sparpagliate dal vento.

Deborah Fasola esordisce per Rizzoli con questo ebook che è pervaso dal Mood Ironico della categoria in cui è inserito e ci sono alcuni brani dal ritmo veloce - l'esasperazione di Becks di fronte alle insistenze della madre, le stranezze della sua famiglia - in cui mi è risultato difficile non ridere. "Un adorabile bugiardo" è una commedia leggera e spensierata scritta in prima persona con la voce di Rebecca che non manca di dare anche una visione dei suoi pensieri.

Un libro perfetto per tenere compagnia a chi ha voglia di rilassarsi con qualcosa di buono ma, allo stesso tempo, di frizzante.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…