Passa ai contenuti principali

Un adorabile bugiardo di Deborah Fasola


Si dice che le bugie hanno le gambe corte e forse per questo non fanno molta strada.
Se però le bugie hanno le gambe muscolose di Eric e, più sopra, ci sono pettorali da urlo e un viso da incantarsi, per non parlare di un cervello da fisico nucleare, forse hanno qualche possibilità in più di sopravvivere. E, anzi, moltiplicarsi.
Così, Rebecca Moore, la protagonista di "Un adorabile bugiardo" di Deborah Fasola [Rizzoli YouFeel], si trova a dover tenere in piedi così tante storie inventate che dimentica quale è la verità.

Rebecca ha un fidanzato bellissimo che di mestiere fa il medico, una situazione a cui lei stessa stenta a credere. Dean, però, ha un difetto bello grosso: non vuole impegnarsi e, dopo due anni di relazione, Becks, che vuole passare ad uno stadio successivo, si trova ad essere scaricata da un giorno all'altro. Ma forse non è nemmeno questo il suo dramma, quanto piuttosto la quadratura storta in cui è entrata la sua vita, visto che non solo ha perso il fidanzato, ma anche il lavoro e persino il gatto!

Nello stesso momento, la sua migliore amica Julie, che Becks ha sempre considerato perfetta con una vita perfetta e un marito perfetto e innamorato, lascia tutto per dedicarsi ad una storia con il suo collega Eric. I due amanti si ritrovano senza casa e chiedono a Rebecca di ospitarli. La convivenza si rivelerà piena di sorprese, perché le cose non sono sempre come sembrano e il destino, a volte, ha altri piani rispetto a quelli che noi immaginavamo e spesso questi sono incasinati come un mazzo di carte sparpagliate dal vento.

Deborah Fasola esordisce per Rizzoli con questo ebook che è pervaso dal Mood Ironico della categoria in cui è inserito e ci sono alcuni brani dal ritmo veloce - l'esasperazione di Becks di fronte alle insistenze della madre, le stranezze della sua famiglia - in cui mi è risultato difficile non ridere. "Un adorabile bugiardo" è una commedia leggera e spensierata scritta in prima persona con la voce di Rebecca che non manca di dare anche una visione dei suoi pensieri.

Un libro perfetto per tenere compagnia a chi ha voglia di rilassarsi con qualcosa di buono ma, allo stesso tempo, di frizzante.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…