Passa ai contenuti principali

Tutto, ma non il mio tailleur di Cecile Bertod


Quando si corre per ottenere quello che si vuole, non ci si accorge di quello che c'è attorno. O almeno, dipende dalla velocità della corsa.
Il problema è quando ci si ferma, quando si crede di essere arrivati in cima e ci si concede un attimo per prendere fiato e allora i dettagli che non funzionano saltano all'occhio più facilmente.

Succede così a Trudy Watts, la protagonista di "Tutto, ma non il mio tailleur" di Cecile Bertod, che, ad uno sguardo veloce, ha tutto: un lavoro stabile e di successo, un fidanzato con anello di fidanzamento al seguito e una promozione che le strizza l'occhio promettendole una carriera in ascesa.
Cosa mai potrebbe turbarla? Niente, assolutamente niente, tanto che per una volta decide di trasgredire alla sua mancanza cronica di desiderio e di andare a trovare il suo fidanzato per un amplesso fuori dagli schemi. Ma là scatta accade qualcosa e scatta la molla che le fa decidere di dare una svolta alla sua vita.
Una svolta che non imbocca esattamente la strada che avrebbe voluto, ma che comunque costituisce un grosso cambiamento.
Il trasferimento a Turriff, in Scozia, la strana (strana per la algida Trudy) familiarità con cui la trattano i cittadini, la missione impossibile di risollevare le finanze di una banca e gli occhi azzurri di Ethan non le rendono più facile la vita. Trudy si ritrova a fare l'equilibrista tenendo per aria molti, troppi birilli, anche per una tosta come lei. Ma una come lei, tutta calcoli e progetti, forse ha bisogno proprio di quello: di chiudere gli occhi e lasciarsi andare.

"Tutto, ma non il mio tailleur" è l'ultimo e divertentissimo frutto della creatività di Cecile Bertod, dopo che tutti gli altri ebook sono stati ritirati dagli store in seguito all'acquisizione di Wife with Benefits dalla Newton & Compton che, il 19 febbraio lo rilascerà il libreria con il nuovo titolo "Non mi piaci ma ti amo".
La penna è sempre lesta e veloce, la trama procede ricca di momenti ironici e divertenti e neppure in un passaggio è possibile dimenticare il ritmo incalzante a cui Cecile ci ha abituati.

Le trame di Bertod partono dalla realtà di tutti i giorni, da una persona normale che, ad un certo punto, diventa personaggio di una storia al di là della vita così come era solita intenderla. Ed è nello scossone di spaccatura, nella fase di sconvolgimento totale che trova terreno fertile l'ironia di questa scrittrice che conquista fin dalla prima lettura.

Io Cecile Bertod l'ho "scoperta" circa un anno fa, per caso, leggendo Wife with Benefits, quel libro che mi incuriosì per il titolo in inglese e in una notte lo divorai pensando che quell'autrice nascosta da pseudonimo esterofilo tra i self publishing mi sembrava fuori luogo. E, fortunatamente, il tempo mi ha dato ragione.

"Tutto, ma non il mio tailleur" rimarrà nei bookstore online fino al 18 febbraio e poi l'autrice lo ritirerà per rivederlo. La mia speranza è che arrivi in libreria anche questa storia in formato cartaceo molto presto. Incrociamo le dita!


Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …