Passa ai contenuti principali

Scrivere per rimanere a galla


Mi appunto le cose più impensate.
Le cose da comprare, le cose da cercare e quelle da fare. 
Le cose da dimenticare.
Le scrivo dove capita, sui post-it, sugli scontrini, sui volantini pubblicitari raccolti in giro. 
Sulla pelle.

Scrivo senza disciplina alcuna, seguendo l'ispirazione del momento e, a volte, manco quella.
Sono come uno studente bravo che studia solo per le interrogazioni e forse nemmeno per quelle, affidandosi puramente al genio e alla buona sorte.

Volendo fare un censimento, scrivo quando voglio che qualcuno si ricordi di me, per lanciare un messaggio, anche se non so se arriverà mai.
E in questo censimento ho aggiunto anche le liste della spesa, dove aggiungo piccoli giochi di parole affinché mio marito, che le va cercando là dove le nascondo, si diverta nel leggerle come se fossero vaticini della Sibilla Cumana.

Scrivo per rimanere a galla.
Rimanere a galla nelle giornate che, se non fissate da qualche parte, si perdono in una nebulosa indefinita di secondi, minuti, ore, alcune delle quali, per fortuna, punteggiate da ricordevoli svolgimenti.

Scrivo per rimanere a galla nel ricordo di quelli che sono lontani perché anche io sono lontana.
Ma la lontananza, si sa, non è mai questione di chilometri.
La lontananza è quell'oblio che non ci fa mai emergere nei pensieri di coloro che una volta ci erano vicini. Tanto che, dopo qualche tempo, affoghiamo nel mare di conoscenti senza affetto.

Scrivo affinché le mie parole possano essere un salvagente in quel mare, quando ormai è da tempo che sono alla deriva, e rimanere a galla diventa un miracolo che non sempre si avvera.

Scrivo per rimanere a galla in quei momenti da cui vogliono cancellarmi, non pronunciando più il mio nome, come se i chilometri geografici avessero sbiadito l'essenza di quello che ero quando il passato di oggi era un presente a cui attingere continuamente con gioia.

Scrivo per rimanere a galla.
E posso assicurarvi che so nuotare molto bene.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…