Passa ai contenuti principali

Perdere l'amore ai tempi di Facebook

L'amore ai tempi di Facebook [foto: fonte]

Perdere l'amore, quando si fa sera...
Si poteva ancora sopravvivere, quando si perdeva l'amore così, grande o grandissimo non importa, magari si scriveva una canzone, si vinceva il Festival di Sanremo, cose così.
Ma non c'era Facebook, quando si perdeva quell'amore là.

Perdere l'amore ai tempi di Facebook è qualcosa di diverso. 
Non finisce in una canzone, quell'amore, non vince nessun premio.
L'unica cosa che fa è aleggiare nelle timeline dei nostri contatti così come una volta avrebbe aleggiato tra i ricordi dei nostri amici in carne e ossa. 
Quelle che una volta erano immagini sbiadite nella mente, ora sono foto nitide, con tutti i colori, gli sguardi incatenati e le mani intrecciate ben visibili che recano la data e, a volte, anche il luogo che era scenario dell'idillio.

L'amore ai tempi di Facebook è crudele, non ha la creanza di diventare soft, sia nella gioia che nel dolore. È scostumato, maleducato, rozzo nei baci appassionati della felicità perché poi diventeranno coltellate dell'infelicità.

C'è chi cancella tutte le foto a cadenza periodica, con la stessa periodicità con cui cambia amore. C'è chi cancella il profilo e chi cancella le amicizie, soprattutto quelle che prima erano coinvolte nella relazione.

C'è chi, invece, per dimenticanza, per pigrizia o perché vuole essere sincero - ma ti conviene, di questi tempi?! - lascia tutto così com'è, foto, baci, ricordi, amicizie.
Mi è capitato, così, di vedere volti e labbra che avevo dimenticato baciare bocche che ora appartengono ad altri e, fermandomi un attimo, mi sono chiesta perché ci rimanessi male.
Io, che con tutto quello non avevo niente a che fare. Cosa dovevano mai provare, allora, i diretti interessati?

Non lo so e non lo voglio sapere.
So solo che l'amore ai tempi di Facebook è come quei dolci davvero troppo dolci: buoni a piccole dosi, ma che poi, in un modo o in un altro, disgustano.


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…