Passa ai contenuti principali

M121 di Sara Belotti


Capita di non vedere l'ora di arrivare alla fine di un libro. E non perché non si vede l'ora di sapere come andrà a finire.
Quando mi capita, mi dispiace sempre e spesso preferisco non parlarne qua sul blog perché capisco che dietro ogni testo c'è un sogno che ha supportato tutto il lavoro.
Nel caso di "M121" di Sara Belotti [Kymaere Edizioni] ho deciso di parlarne perché credo che possa essere utile. Non utile all'acquisto o meno del libro, ma alla revisione e alla correzione.

Lungi da me voler insegnare qualcosa a qualcuno, ma da lettrice ho trovato delle serie difficoltà ad affrontare le 324 pagine del libro e il sollievo provato alla fine non ha alleviato la fatica di dover masticare quello che sembra un frutto acerbo.

Partiamo dalla storia: May è una ragazza bella, ricca, popolare e appartiene ad una famiglia potente, è fidanzata con Mark, anche lui bello, ricco, popolare e con una famiglia potente alle spalle. Mark viene rapito per questioni politiche non meglio specificate e May viene avvicinata da un tipo, M, che, nelle intenzioni, dovrebbe apparire misteriosamente cattivo e invece risulta stereotipato. 

M convince May di sapere dove si trova Mark ma in cambio - sorpresa! - vuole lei, vuole sottometterla in tutti i modi possibili e già descritti in decine e decine di libri di genere erotico.
Le scene erotiche non hanno una reale connessione coi personaggi, con i loro caratteri - che già risultano un po' superficiali di per sé -, arrivano quasi dal nulla e là restano, senza essere né eccitanti né tantomeno coinvolgenti.
Lo stesso mancato coinvolgimento si prova per la passione che lo zio di May nutre per la nipotina che gli sbandiera sotto gli occhi le sue grazie ad ogni occasione.

Così come è sparito, Mark viene ritrovato. Intanto si scoprono quattro o cinque segreti che, nella narrazione, vengono annunciati come devastanti e sconvolgenti e che poi si rivelano senza fondamenta così profonde da poter devastare e sconvolgere il lettore.
Il finale è stato il colpo più grosso: M si pente e, da mafioso pentito, va ad abitare nella mega villa di May che, ovviamente, si è innamorata di lui. Poco comune, come finale, forse perché ha poco senso per chi legge 324 pagine delle paturnie di May su qualsiasi cosa, ma soprattutto su cose come onore, famiglia, onestà.

Confesso che l'idea, quando mi è stato proposto di leggere questo libro, non mi è dispiaciuta. Un thriller erotico con la lotta tra bene e male declinata alla maniera moderna - ragazza ingenua si innamora di un delinquente perverso a letto - non era cosa di tutti i giorni.
M121 è un frutto acerbo, ma la pianta, l'autrice, potrebbe promettere bene se le si concedesse il tempo di maturare stilisticamente.

Dietro ogni libro, c'è un lavoro immane, ma sono convinta che si può sempre migliorare ed è questo l'augurio che mi sento di fare a questa giovane autrice.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …