Passa ai contenuti principali

M121 di Sara Belotti


Capita di non vedere l'ora di arrivare alla fine di un libro. E non perché non si vede l'ora di sapere come andrà a finire.
Quando mi capita, mi dispiace sempre e spesso preferisco non parlarne qua sul blog perché capisco che dietro ogni testo c'è un sogno che ha supportato tutto il lavoro.
Nel caso di "M121" di Sara Belotti [Kymaere Edizioni] ho deciso di parlarne perché credo che possa essere utile. Non utile all'acquisto o meno del libro, ma alla revisione e alla correzione.

Lungi da me voler insegnare qualcosa a qualcuno, ma da lettrice ho trovato delle serie difficoltà ad affrontare le 324 pagine del libro e il sollievo provato alla fine non ha alleviato la fatica di dover masticare quello che sembra un frutto acerbo.

Partiamo dalla storia: May è una ragazza bella, ricca, popolare e appartiene ad una famiglia potente, è fidanzata con Mark, anche lui bello, ricco, popolare e con una famiglia potente alle spalle. Mark viene rapito per questioni politiche non meglio specificate e May viene avvicinata da un tipo, M, che, nelle intenzioni, dovrebbe apparire misteriosamente cattivo e invece risulta stereotipato. 

M convince May di sapere dove si trova Mark ma in cambio - sorpresa! - vuole lei, vuole sottometterla in tutti i modi possibili e già descritti in decine e decine di libri di genere erotico.
Le scene erotiche non hanno una reale connessione coi personaggi, con i loro caratteri - che già risultano un po' superficiali di per sé -, arrivano quasi dal nulla e là restano, senza essere né eccitanti né tantomeno coinvolgenti.
Lo stesso mancato coinvolgimento si prova per la passione che lo zio di May nutre per la nipotina che gli sbandiera sotto gli occhi le sue grazie ad ogni occasione.

Così come è sparito, Mark viene ritrovato. Intanto si scoprono quattro o cinque segreti che, nella narrazione, vengono annunciati come devastanti e sconvolgenti e che poi si rivelano senza fondamenta così profonde da poter devastare e sconvolgere il lettore.
Il finale è stato il colpo più grosso: M si pente e, da mafioso pentito, va ad abitare nella mega villa di May che, ovviamente, si è innamorata di lui. Poco comune, come finale, forse perché ha poco senso per chi legge 324 pagine delle paturnie di May su qualsiasi cosa, ma soprattutto su cose come onore, famiglia, onestà.

Confesso che l'idea, quando mi è stato proposto di leggere questo libro, non mi è dispiaciuta. Un thriller erotico con la lotta tra bene e male declinata alla maniera moderna - ragazza ingenua si innamora di un delinquente perverso a letto - non era cosa di tutti i giorni.
M121 è un frutto acerbo, ma la pianta, l'autrice, potrebbe promettere bene se le si concedesse il tempo di maturare stilisticamente.

Dietro ogni libro, c'è un lavoro immane, ma sono convinta che si può sempre migliorare ed è questo l'augurio che mi sento di fare a questa giovane autrice.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…

Anteprima: Buona vita a tutti di J.K. Rowling

Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l'importanza dell'immaginazione J.K. Rowling Salani dal 20 novembre in libreria e in tutti gli store online
Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo. Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una ‘buona vita’. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità del…