Passa ai contenuti principali

M121 di Sara Belotti


Capita di non vedere l'ora di arrivare alla fine di un libro. E non perché non si vede l'ora di sapere come andrà a finire.
Quando mi capita, mi dispiace sempre e spesso preferisco non parlarne qua sul blog perché capisco che dietro ogni testo c'è un sogno che ha supportato tutto il lavoro.
Nel caso di "M121" di Sara Belotti [Kymaere Edizioni] ho deciso di parlarne perché credo che possa essere utile. Non utile all'acquisto o meno del libro, ma alla revisione e alla correzione.

Lungi da me voler insegnare qualcosa a qualcuno, ma da lettrice ho trovato delle serie difficoltà ad affrontare le 324 pagine del libro e il sollievo provato alla fine non ha alleviato la fatica di dover masticare quello che sembra un frutto acerbo.

Partiamo dalla storia: May è una ragazza bella, ricca, popolare e appartiene ad una famiglia potente, è fidanzata con Mark, anche lui bello, ricco, popolare e con una famiglia potente alle spalle. Mark viene rapito per questioni politiche non meglio specificate e May viene avvicinata da un tipo, M, che, nelle intenzioni, dovrebbe apparire misteriosamente cattivo e invece risulta stereotipato. 

M convince May di sapere dove si trova Mark ma in cambio - sorpresa! - vuole lei, vuole sottometterla in tutti i modi possibili e già descritti in decine e decine di libri di genere erotico.
Le scene erotiche non hanno una reale connessione coi personaggi, con i loro caratteri - che già risultano un po' superficiali di per sé -, arrivano quasi dal nulla e là restano, senza essere né eccitanti né tantomeno coinvolgenti.
Lo stesso mancato coinvolgimento si prova per la passione che lo zio di May nutre per la nipotina che gli sbandiera sotto gli occhi le sue grazie ad ogni occasione.

Così come è sparito, Mark viene ritrovato. Intanto si scoprono quattro o cinque segreti che, nella narrazione, vengono annunciati come devastanti e sconvolgenti e che poi si rivelano senza fondamenta così profonde da poter devastare e sconvolgere il lettore.
Il finale è stato il colpo più grosso: M si pente e, da mafioso pentito, va ad abitare nella mega villa di May che, ovviamente, si è innamorata di lui. Poco comune, come finale, forse perché ha poco senso per chi legge 324 pagine delle paturnie di May su qualsiasi cosa, ma soprattutto su cose come onore, famiglia, onestà.

Confesso che l'idea, quando mi è stato proposto di leggere questo libro, non mi è dispiaciuta. Un thriller erotico con la lotta tra bene e male declinata alla maniera moderna - ragazza ingenua si innamora di un delinquente perverso a letto - non era cosa di tutti i giorni.
M121 è un frutto acerbo, ma la pianta, l'autrice, potrebbe promettere bene se le si concedesse il tempo di maturare stilisticamente.

Dietro ogni libro, c'è un lavoro immane, ma sono convinta che si può sempre migliorare ed è questo l'augurio che mi sento di fare a questa giovane autrice.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…