Passa ai contenuti principali

#IOLEGGOPERCHÈ: i lettori regalano libri a chi non legge mai


Perché io leggo?
Di preciso non saprei dirvi perché leggo, o forse non saprei dirvelo senza usare le parole di altri che prima di me lo hanno detto meglio.

Leggo da sempre, da quando ho memoria, ho l'immagine di me con un libro e, spesso, un sorriso come segnalibro. 
Non mi sono mai chiesta perché leggo, ma lo faccio come se respirassi, quindi probabilmente leggo perché non ne posso fare a meno (e scusate se è retorico, davvero vorrei che non fosse così...).

#IOLEGGOPERCHÈ è una grande iniziativa nazionale dell'Associazione Italiana Editori per la promozione del libro e della lettura rivolta ai futuri lettori, fondata sulla passione dei lettori di ogni età ed estrazione. 
Dal 9 febbraio, i lettori di tutta Italia sono chiamati a trasformarsi in veri e propri Messaggeri “pronti
a tutto” per sensibilizzare il 23 aprile prossimo, Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore e inizio del Maggio dei Libri, chi non legge o legge poco. 
Il 23 aprile 2015, infatti, sarà il giorno di #ioleggoperché dove i protagonisti saranno i libri e i lettori.

240mila libri saranno affidati a migliaia e migliaia di lettori appassionati, ovvero i Messaggeri, che, a loro volta, li affideranno a futuri lettori. Una collana speciale composta da 24 titoli sarà il dono speciale che ogni Messaggero porterà con sé per diffondere il "virus" della lettura. 
I Messaggeri incontreranno le persone a cui affidare i libri nelle scuole, nelle università, ma anche al lavoro, per strada, sui treni e in molti eventi organizzati sul territorio nazionale, con il grande evento #IOLEGGOAMILANO che sarà trasmesso in diretta televisiva nazionale.

Io non ho bisogno di essere contagiata, ma mi piacerebbe contagiare qualcuno col virus della lettura. 
Anche molte persone, nel caso.
Anzi, più vi contagio meglio è!

Io leggo perché... venite, che ve lo racconto da vicino!

Commenti

  1. Questa è una bellissima iniziativa! Chissà che qualcuno in questo modo non si avvicini di più alla lettura. :P

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…