Passa ai contenuti principali

Il Piccolo Principe arriva su Twitter: 140 caratteri per ricordarsi di essere bambini


Chi non ha mai letto, anche non sapendo di chi fosse, una frase tratta da Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, probabilmente vive rintanato in una caverna su una montagna altissima. E scommetterei che, anche così, da qualche parte, avrebbe avuto la possibilità di leggerla.

"Il Piccolo Principe", secondo me, è una delle opere più citate del web che, così facendo, l'ha relegata nella nicchia delle citazioni, degli aforismi che prendono il tempo che trovano, piuttosto che darle lustro come opera letteraria per quello che è, degna di un'attenta lettura.

***tra me e mio marito è in corso da tempo una lenta e argomentata disputa su quest'ultimo punto***

Così, quando TwLetteratura ha annunciato la prossima riscrittura dell'opera, secondo lo stile in 140 caratteri che gli è abituale, non potevo che entusiasmarmi.
Per #TwPinocchio, sono riuscita a stare dietro al progetto parzialmente, perché, pur avendo riletto l'opera (in ebook), ho fatto confusione col calendario.
Per #PetitPrince - questo l'hashtag del nuovo progetto - dal 2 al 28 marzo, il percorso non prevede errori, 28 capitoli 28 giorni, un capitolo al giorno. Più semplice di così?

"Un’altra opera che parla ai bimbi perché i grandi intendano, o forse ai grandi perché restino bambini" dice TwLetteratura e non potrei essere più d'accordo.

Al di là delle citazioni che si possono fare di questo libro, fin dalla prima volta che l'ho letto, l'ho apprezzato per l'estrema semplicità con cui parla di cose tutt'altro che semplici, come l'amore, l'amicizia, la perseveranza, i sogni.

Che poi vogliamo vederla come la summa di tutte le frasi dei Baci Perugina o la raccolta di tutte le scritte da diario adolescenziale, il problema non risiede nell'opera ma nel cuore del lettore che non vuole sentirsi libero di godere della bellezza e della leggerezza, in qualsiasi forma esse si presentino.

Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi.
Il Piccolo Principe

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…

Anteprima: Lo Straordinario di Eva Clesis

Lo Straordinario Eva Clesis Las Vegas Edizioni dal 15 febbraio in libreria
Alla tenera età di 37 anni, Lea sta cercando se stessa, ma le basterebbe trovare un nuovo inizio: ha rotto con il fidanzato, ha perso il lavoro presso una rivista di moda e sogna una carriera da giornalista d’assalto. Come se non bastasse, ha una sorella gemella di successo e una madre lontana e ipercritica. Nonostante pensi di avere più sfiga che talento, le cose iniziano a girare per il verso giusto non appena Lea mette piede nella sua nuova casa, in un condominio della periferia milanese. I suoi abitanti lo chiamano “Lo Straordinario”. I padroni di casa sono una coppia di anziani gentilissimi, la mansarda in cui va a vivere è deliziosa, il prezzo dell’affitto incredibilmente basso, gli inquilini zelanti e prodighi di attenzioni. Tutti sono pronti ad accogliere Lea come in una grande famiglia. Ma ogni famiglia è infelice a modo suo. E giorno dopo giorno Lea sospetta di essere diventata la pedina di un gioco sco…