Passa ai contenuti principali

Il Piccolo Principe arriva su Twitter: 140 caratteri per ricordarsi di essere bambini


Chi non ha mai letto, anche non sapendo di chi fosse, una frase tratta da Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, probabilmente vive rintanato in una caverna su una montagna altissima. E scommetterei che, anche così, da qualche parte, avrebbe avuto la possibilità di leggerla.

"Il Piccolo Principe", secondo me, è una delle opere più citate del web che, così facendo, l'ha relegata nella nicchia delle citazioni, degli aforismi che prendono il tempo che trovano, piuttosto che darle lustro come opera letteraria per quello che è, degna di un'attenta lettura.

***tra me e mio marito è in corso da tempo una lenta e argomentata disputa su quest'ultimo punto***

Così, quando TwLetteratura ha annunciato la prossima riscrittura dell'opera, secondo lo stile in 140 caratteri che gli è abituale, non potevo che entusiasmarmi.
Per #TwPinocchio, sono riuscita a stare dietro al progetto parzialmente, perché, pur avendo riletto l'opera (in ebook), ho fatto confusione col calendario.
Per #PetitPrince - questo l'hashtag del nuovo progetto - dal 2 al 28 marzo, il percorso non prevede errori, 28 capitoli 28 giorni, un capitolo al giorno. Più semplice di così?

"Un’altra opera che parla ai bimbi perché i grandi intendano, o forse ai grandi perché restino bambini" dice TwLetteratura e non potrei essere più d'accordo.

Al di là delle citazioni che si possono fare di questo libro, fin dalla prima volta che l'ho letto, l'ho apprezzato per l'estrema semplicità con cui parla di cose tutt'altro che semplici, come l'amore, l'amicizia, la perseveranza, i sogni.

Che poi vogliamo vederla come la summa di tutte le frasi dei Baci Perugina o la raccolta di tutte le scritte da diario adolescenziale, il problema non risiede nell'opera ma nel cuore del lettore che non vuole sentirsi libero di godere della bellezza e della leggerezza, in qualsiasi forma esse si presentino.

Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi.
Il Piccolo Principe

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…