Passa ai contenuti principali

Il Piccolo Principe arriva su Twitter: 140 caratteri per ricordarsi di essere bambini


Chi non ha mai letto, anche non sapendo di chi fosse, una frase tratta da Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, probabilmente vive rintanato in una caverna su una montagna altissima. E scommetterei che, anche così, da qualche parte, avrebbe avuto la possibilità di leggerla.

"Il Piccolo Principe", secondo me, è una delle opere più citate del web che, così facendo, l'ha relegata nella nicchia delle citazioni, degli aforismi che prendono il tempo che trovano, piuttosto che darle lustro come opera letteraria per quello che è, degna di un'attenta lettura.

***tra me e mio marito è in corso da tempo una lenta e argomentata disputa su quest'ultimo punto***

Così, quando TwLetteratura ha annunciato la prossima riscrittura dell'opera, secondo lo stile in 140 caratteri che gli è abituale, non potevo che entusiasmarmi.
Per #TwPinocchio, sono riuscita a stare dietro al progetto parzialmente, perché, pur avendo riletto l'opera (in ebook), ho fatto confusione col calendario.
Per #PetitPrince - questo l'hashtag del nuovo progetto - dal 2 al 28 marzo, il percorso non prevede errori, 28 capitoli 28 giorni, un capitolo al giorno. Più semplice di così?

"Un’altra opera che parla ai bimbi perché i grandi intendano, o forse ai grandi perché restino bambini" dice TwLetteratura e non potrei essere più d'accordo.

Al di là delle citazioni che si possono fare di questo libro, fin dalla prima volta che l'ho letto, l'ho apprezzato per l'estrema semplicità con cui parla di cose tutt'altro che semplici, come l'amore, l'amicizia, la perseveranza, i sogni.

Che poi vogliamo vederla come la summa di tutte le frasi dei Baci Perugina o la raccolta di tutte le scritte da diario adolescenziale, il problema non risiede nell'opera ma nel cuore del lettore che non vuole sentirsi libero di godere della bellezza e della leggerezza, in qualsiasi forma esse si presentino.

Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi.
Il Piccolo Principe

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …