Passa ai contenuti principali

Il Piccolo Principe arriva su Twitter: 140 caratteri per ricordarsi di essere bambini


Chi non ha mai letto, anche non sapendo di chi fosse, una frase tratta da Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, probabilmente vive rintanato in una caverna su una montagna altissima. E scommetterei che, anche così, da qualche parte, avrebbe avuto la possibilità di leggerla.

"Il Piccolo Principe", secondo me, è una delle opere più citate del web che, così facendo, l'ha relegata nella nicchia delle citazioni, degli aforismi che prendono il tempo che trovano, piuttosto che darle lustro come opera letteraria per quello che è, degna di un'attenta lettura.

***tra me e mio marito è in corso da tempo una lenta e argomentata disputa su quest'ultimo punto***

Così, quando TwLetteratura ha annunciato la prossima riscrittura dell'opera, secondo lo stile in 140 caratteri che gli è abituale, non potevo che entusiasmarmi.
Per #TwPinocchio, sono riuscita a stare dietro al progetto parzialmente, perché, pur avendo riletto l'opera (in ebook), ho fatto confusione col calendario.
Per #PetitPrince - questo l'hashtag del nuovo progetto - dal 2 al 28 marzo, il percorso non prevede errori, 28 capitoli 28 giorni, un capitolo al giorno. Più semplice di così?

"Un’altra opera che parla ai bimbi perché i grandi intendano, o forse ai grandi perché restino bambini" dice TwLetteratura e non potrei essere più d'accordo.

Al di là delle citazioni che si possono fare di questo libro, fin dalla prima volta che l'ho letto, l'ho apprezzato per l'estrema semplicità con cui parla di cose tutt'altro che semplici, come l'amore, l'amicizia, la perseveranza, i sogni.

Che poi vogliamo vederla come la summa di tutte le frasi dei Baci Perugina o la raccolta di tutte le scritte da diario adolescenziale, il problema non risiede nell'opera ma nel cuore del lettore che non vuole sentirsi libero di godere della bellezza e della leggerezza, in qualsiasi forma esse si presentino.

Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi.
Il Piccolo Principe

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …