Passa ai contenuti principali

Il cavaliere senza nome di Fabiola D'Amico

Cover di Elisabetta Baldan
Da adulti, forse, abbiamo smesso di credere alle favole, ma il nostro animo non ha smesso di cercare la favola, non ha mai smesso di averne bisogno.
Ci sono molti modi per sopperire a questo bisogno. E poi ci sono i lettori.

Noi lettori cerchiamo in diversi generi di lettura il sogno che ci ispiravano le favole che leggevamo da bambini: io ricerco la favola nei romance e nei romanzi storici.

***ma forse la cerco in ogni libro che apro***

Non chiedetemi perché, ma sono contenta solo quando, in libri di questi due generi, riesco a ravvisare un elemento che mi permette di pensare: "Potrebbe essere benissimo andata così. O in altri mille modi diversi". E là parte il sogno.

"Il cavaliere senza nome" di Fabiola D'Amico è ambientato nel 1130, un'epoca così lontana in cui Storia e leggenda si fondono, e non è difficile immaginare che i protagonisti siano davvero esistiti.
Fosco è un orfano abbandonato sulla soglia di un convento di Palermo: fin da subito il temperamento del bambino fa presagire che il suo futuro non sarà con la tonaca addosso, quanto piuttosto con l'armatura. Crescendo, il sogno di Fosco si fa più chiaro e si scontra, purtroppo, con la realtà: vuole essere un cavaliere, ma senza un nome, un casato o un protettore sarà impossibile. Il coraggio del giovane, tuttavia, diventa il suo biglietto da visita nei confronti di re Ruggero II.

Serena è la nipote del re ed è poco avvezza alle maniere femminili: al ricamo preferisce il tiro con l'arco ed è votata alla libertà piuttosto che alla sottomissione che una donna deve al padre e al marito. Fosco sembra l'unico in grado di ammansire il carattere focoso della ragazza, accendendola di ben altre passioni...

La storia d'amore tra Fosco e Serena raggiunge picchi di alta commozione in diversi punti del libro ed è tutto merito della scrittura di D'Amico che, già ne "Il guerriero e la dama di ghiaccio" - che ho letto già qualche tempo fa e che voglio rileggere e, spero, recensire - ha dato prova di saper maneggiare bene l'ambientazione storica, ricca di dettagli d'epoca, infondendola di profondità emotiva.

Risulta difficile staccare le vicende storiche dalla storia personale dei personaggi e, ancora di più, diventa complicato non affrettare la lettura per sapere se e come andranno - da un punto di vista umano - certi combattimenti e battaglie.
Quando si studia la Storia a scuola, non si presta mai sufficiente attenzione agli uomini che hanno partecipato agli eventi, pensandoli troppo lontani da noi, senza un volto definito né sentimenti.

"Il cavaliere senza nome" ce li fa sentire più vicini, appassionandoci alle loro vite, tanto da staccarci poi con dispiacere una volta arrivati all'ultima pagina.


P.S.: se avete difficoltà ad immaginare i personaggi, vi basterà guardare la bellissima copertina di Elisabetta Baldan!

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…