Passa ai contenuti principali

Il cavaliere senza nome di Fabiola D'Amico

Cover di Elisabetta Baldan
Da adulti, forse, abbiamo smesso di credere alle favole, ma il nostro animo non ha smesso di cercare la favola, non ha mai smesso di averne bisogno.
Ci sono molti modi per sopperire a questo bisogno. E poi ci sono i lettori.

Noi lettori cerchiamo in diversi generi di lettura il sogno che ci ispiravano le favole che leggevamo da bambini: io ricerco la favola nei romance e nei romanzi storici.

***ma forse la cerco in ogni libro che apro***

Non chiedetemi perché, ma sono contenta solo quando, in libri di questi due generi, riesco a ravvisare un elemento che mi permette di pensare: "Potrebbe essere benissimo andata così. O in altri mille modi diversi". E là parte il sogno.

"Il cavaliere senza nome" di Fabiola D'Amico è ambientato nel 1130, un'epoca così lontana in cui Storia e leggenda si fondono, e non è difficile immaginare che i protagonisti siano davvero esistiti.
Fosco è un orfano abbandonato sulla soglia di un convento di Palermo: fin da subito il temperamento del bambino fa presagire che il suo futuro non sarà con la tonaca addosso, quanto piuttosto con l'armatura. Crescendo, il sogno di Fosco si fa più chiaro e si scontra, purtroppo, con la realtà: vuole essere un cavaliere, ma senza un nome, un casato o un protettore sarà impossibile. Il coraggio del giovane, tuttavia, diventa il suo biglietto da visita nei confronti di re Ruggero II.

Serena è la nipote del re ed è poco avvezza alle maniere femminili: al ricamo preferisce il tiro con l'arco ed è votata alla libertà piuttosto che alla sottomissione che una donna deve al padre e al marito. Fosco sembra l'unico in grado di ammansire il carattere focoso della ragazza, accendendola di ben altre passioni...

La storia d'amore tra Fosco e Serena raggiunge picchi di alta commozione in diversi punti del libro ed è tutto merito della scrittura di D'Amico che, già ne "Il guerriero e la dama di ghiaccio" - che ho letto già qualche tempo fa e che voglio rileggere e, spero, recensire - ha dato prova di saper maneggiare bene l'ambientazione storica, ricca di dettagli d'epoca, infondendola di profondità emotiva.

Risulta difficile staccare le vicende storiche dalla storia personale dei personaggi e, ancora di più, diventa complicato non affrettare la lettura per sapere se e come andranno - da un punto di vista umano - certi combattimenti e battaglie.
Quando si studia la Storia a scuola, non si presta mai sufficiente attenzione agli uomini che hanno partecipato agli eventi, pensandoli troppo lontani da noi, senza un volto definito né sentimenti.

"Il cavaliere senza nome" ce li fa sentire più vicini, appassionandoci alle loro vite, tanto da staccarci poi con dispiacere una volta arrivati all'ultima pagina.


P.S.: se avete difficoltà ad immaginare i personaggi, vi basterà guardare la bellissima copertina di Elisabetta Baldan!

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …