Passa ai contenuti principali

Buongiorno signora maschera!

Foto: fonte.
«Buongiorno signora maschera!» risuonava, un tempo, per le calli di Venezia nel periodo di Carnevale, perché non era possibile vedere oltre la maschera che aveva addosso chi si incontrava.
Carnevale dura un giorno, ma c'è chi porta una maschera tutta la vita, nei rapporti di tutti i giorni, a volte perfino quando si guarda nello specchio.
Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita
incontrerai tante maschere e pochi volti.
Luigi Pirandello
È da un po' che ci penso, forse perché sempre più spesso mi rendo conto che molte persone, note indossatrici di maschere, non fanno nemmeno più lo sforzo di fingere che siano il loro vero volto. 
Non vale più la pena fingere se poi le azioni mostrano il contrario, non credete?
E forse questa "sincerità" dovrebbe essere più apprezzata di quel sorriso che più falso non ce n'è e che ormai è davvero fuori moda.
In fondo, la vita è già complicata così com'è, figuriamoci affrontandola respirando quel poco di ossigeno che passa dai buchi di una maschera.

Foto: fonte.
E allora «Buongiorno signora maschera!» che tanto ormai è raro avere di fronte un volto che sia umano, vero e sincero.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…