Passa ai contenuti principali

Socievolmente soli...


Stamattina ho ascoltato per venti minuti una donna della mia età che parlava del suo parto cesareo gemellare.
Non era un'amica e non ero nemmeno in uno studio medico.
Ho semplicemente visto un video postato su uno dei blog che seguo e, nonostante non abbia figli e non stia per averne, mi sono fermata ad ascoltare le chiacchiere di quella donna che si rivolgeva a me, e a tutti i suoi utenti, come si fa con un'amica. 

Allora mi è venuto da pensare che, forse, nessuna sua amica, dal vivo, si era messa lì ad ascoltare quelle cose. Quando una ha appena partorito sono tutti attorno a dire che i figli fanno dimenticare qualsiasi dolore, etc... Ma forse è anche vero che lei non ha voluto raccontare a nessuno di "reale" quelle cose.
Del resto, io per prima, pur avendo amiche con figli e pur essendo sempre stata una buona ascoltatrice, non sono mai stata ammessa nella cerchia di quelli che possono ascoltare racconti del genere.

In realtà, la mia riflessione si è estesa al fatto che, pur essendo sempre più presenti sul web, siamo sempre meno presenti nella vita reale. Così tanto che una donna, per raccontare la sua esperienza di madre, deve fare un video e postarlo su Youtube, dove sconosciuti come me possono prestarle la giusta attenzione, magari commentando con qualcosa di diverso da "i figli fanno dimenticare qualsiasi dolore".

E allora cosa? direte voi.
Allora niente, però non mi venite a dire che vi sembra normale.

È normale che, invece di poter chiamare qualcuno per parlare, si registrino video in cui ci si rivolge al mondo intero, ma intanto si sta parlando da soli con la web cam?
È normale che si cerchino sempre più social network a cui iscriversi mentre non ci si vede mai per un caffè con nessuno in carne e ossa?
È normale che per gioire di una nascita o di una promozione lavorativa si debba ricevere la notifica da Instagram o da Linkedin?

È normale che anche io, per far sapere qualcosa a qualcuno, lo debba postare in giro per il web?!

La normalità è sopravvalutata, certo, ma io vi inviterei a fermarvi a riflettere un attimo.
Alla fine, che vi costa inviare o rispondere ad un messaggio qualsiasi da parte di un amico?
Niente, però lo stesso non lo facciamo.

Ma forse la verità è un'altra.
Sul web siamo tutti amici, tutti stretti nel nostro voler essere social e corretti a tutti i costi con tutti.

Nella vita vera, invece, è tutto diverso, molto diverso.

Commenti

  1. Usare internet non è per forza qualcosa di negativo, il problema è il modo in cui si usano questi strumenti: conosco persone che, per merito di facebook o youtube, sono riusciti a fare amicizia e, no, non mi riferisco al "solito amico virtuale", ma amici veri che si riuniscono in qualche bar o passano del tempo insieme per fare una passeggiata (abitano nella stessa città e senza internet probabilmente non avrebbero mai avuto la possibilità di approfondire il loro rapporto). Io stessa sono riuscita a superare, per quanto strano possa apparire, i miei problemi di socializzazione con persone conosciute su internet (e poi incontrate nella vita quotidiana, obv).
    Se usati bene, i social network hanno la possibilità di renderti più libero e anche più felice. Peccato che buona parte della gente non riesce a utilizzare questi mezzi per migliorare la propria qualità di vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono convinta che i social network abbiano qualcosa di positivo, se usati nel modo giusto. Sono utili per conoscere e mantenere i contatti, ma non sono certo l'unico mezzo. Se da lì si parte per poi arrivare nella realtà, ben venga!

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…