Passa ai contenuti principali

Leggere 60 libri in anno: per me la sfida è... tenere il conto!

Flying books - fonte.
In giro sento un gran parlare di book challenge per il 2015.
Se non siete avvezzi all'anglomania, un book challenge è una sfida con i libri, cioè c'è una lista di caratteristiche - classici, fantasy, con più di 400 pagine, che ti faccia ridere, che ti faccia prudere le mani, fai la giravolta, falla un'altra volta...e così via - e voi, nell'arco di un anno, dovete trovare un libro per ogni voce della lista.
Che ci vuole, penserete voi, ma forse non avete visto alcune liste che potrebbero srotolarsi su papiri chilometrici per quanto sono lunghe.
Io sono stata tentata varie volte di intraprenderne una, ma, siamo sinceri, quando mai avrei potuto portarla a termine?
Cioè io quando vado in libreria mi sento come un cane della narcotici a casa di Pablo Escobar, e voi volete farmi rispettare una lista? Una specie di dieta libresca, diciamo, e già solo la parola...

Comunque, ho scartato questa idea per affezionarmi a un'altra impresa.
Ieri ho letto questo post e la proposta mi è piaciuta molto di più: 60 libri in un anno, in pratica 5 libri al mese e l'autrice assicura che con un'ora di lettura al giorno ce la si possa fare, ma dà anche qualche dritta su come riuscirci (tipo scegliere libri non esageratamente lunghi).
Poi sta tutto nella vostra velocità di lettura e nella voglia che avete di portare a termine questo compito che arricchisce chi lo svolge.
Perché leggere è sempre un processo di arricchimento, secondo me.

Allora, via!
Poniamo che faccia mio questo buon proposito.
Poniamo che sia fiduciosa di poterlo portare a termine.
Poniamo che abbia già iniziato di buona lena a leggere dal 1 gennaio ad oggi.
Il problema è... tenere il conto dei libri!

Io non sono bravissima con le liste, nel senso che le scrivo e poi le perdo o me ne dimentico.
Con i libri non dovrebbe essere difficile contare quelli sullo scaffale che ho già letto e quelli che mi restano... ma con gli ebook? Fare una cartella nella cartella dell'ereader? Potrebbe essere una soluzione.
Ecco, mi devo organizzare un attimo, ma vi tengo aggiornati.
Vorrei mettere anche un modulo nella colonnina qui di fianco, così teniamo il conto insieme.

60 libri in un anno!
Al via la sfida!

Commenti

  1. Lo farei... se non fossi pigra. Per me sarà per il prossimo anno (forse, lol), nel frattempo buona fortuna con la tua lista!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…