Passa ai contenuti principali

Leggere 60 libri in anno: per me la sfida è... tenere il conto!

Flying books - fonte.
In giro sento un gran parlare di book challenge per il 2015.
Se non siete avvezzi all'anglomania, un book challenge è una sfida con i libri, cioè c'è una lista di caratteristiche - classici, fantasy, con più di 400 pagine, che ti faccia ridere, che ti faccia prudere le mani, fai la giravolta, falla un'altra volta...e così via - e voi, nell'arco di un anno, dovete trovare un libro per ogni voce della lista.
Che ci vuole, penserete voi, ma forse non avete visto alcune liste che potrebbero srotolarsi su papiri chilometrici per quanto sono lunghe.
Io sono stata tentata varie volte di intraprenderne una, ma, siamo sinceri, quando mai avrei potuto portarla a termine?
Cioè io quando vado in libreria mi sento come un cane della narcotici a casa di Pablo Escobar, e voi volete farmi rispettare una lista? Una specie di dieta libresca, diciamo, e già solo la parola...

Comunque, ho scartato questa idea per affezionarmi a un'altra impresa.
Ieri ho letto questo post e la proposta mi è piaciuta molto di più: 60 libri in un anno, in pratica 5 libri al mese e l'autrice assicura che con un'ora di lettura al giorno ce la si possa fare, ma dà anche qualche dritta su come riuscirci (tipo scegliere libri non esageratamente lunghi).
Poi sta tutto nella vostra velocità di lettura e nella voglia che avete di portare a termine questo compito che arricchisce chi lo svolge.
Perché leggere è sempre un processo di arricchimento, secondo me.

Allora, via!
Poniamo che faccia mio questo buon proposito.
Poniamo che sia fiduciosa di poterlo portare a termine.
Poniamo che abbia già iniziato di buona lena a leggere dal 1 gennaio ad oggi.
Il problema è... tenere il conto dei libri!

Io non sono bravissima con le liste, nel senso che le scrivo e poi le perdo o me ne dimentico.
Con i libri non dovrebbe essere difficile contare quelli sullo scaffale che ho già letto e quelli che mi restano... ma con gli ebook? Fare una cartella nella cartella dell'ereader? Potrebbe essere una soluzione.
Ecco, mi devo organizzare un attimo, ma vi tengo aggiornati.
Vorrei mettere anche un modulo nella colonnina qui di fianco, così teniamo il conto insieme.

60 libri in un anno!
Al via la sfida!

Commenti

  1. Lo farei... se non fossi pigra. Per me sarà per il prossimo anno (forse, lol), nel frattempo buona fortuna con la tua lista!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…