Passa ai contenuti principali

Le regole degli amori imperfetti di Mara Roberti


La perfezione non esiste.
Lo abbiamo detto e ce lo siamo sentito dire migliaia di volte di fronte a qualcosa che non è esattamente così come dovrebbe essere.
Ma l'amore? Quello come dovrebbe essere?
Non ci sono regole e quelle che inventiamo noi sono ritagliate attorno al nostro gusto, alle nostre caratteristiche, insomma corrispondono al nostro amore e a quello di nessun altro.

Elisa, la protagonista di "Le regole degli amori imperfetti" di Mara Roberti [Emma Books], ha imparato che anche il tè è così, ogni qualità ha le sue caratteristiche, la sua personalità che si adatta a quella di una persona particolare e non a tutti. Un po' come l'amore.

Elisa è cresciuta con la mamma, che lavorava in una sala da tè, e con la zia che fa torte, due personalità totalmente opposte che, ognuna a suo modo, le insegnano qualcosa sull'amore. La mamma, però, le insegna anche tutto quello che sa sul tè, sul rituale della preparazione e sulla precisa scelta della qualità di tè per ogni persona e per ogni momento della vita.
Quando incontra Daniele, Elisa crede di poter applicare le regole del tè anche all'amore, ma non è così. Un viaggio in Umbria, a Roccamori, "il borgo più romantico d'Italia", le farà scoprire molte cose che ignorava sul suo passato e su quello della sua famiglia, ma, soprattutto, le darà la forza per affrontare il futuro senza nessuna delle regole che lei credeva giuste.

Questo è il secondo libro di Mara Roberti che leggo - dopo "Le scarpe son desideri" - e ha confermato la mia assoluta passione per il modo in cui questa scrittrice italiana parla di sentimenti e, a parer mio, di vita. Che in fondo per me le due cose sono assolutamente inscindibili.
Così come mi è successo la volta precedente, fin dalle prime pagine sono stata avvolta dalle parole come in un caldo scialle da cui mi è risultato difficile staccarmi.
La storia di Elisa, la vita di sua madre, il rituale del tè, ma anche gli scorci del borgo umbro assumono le tinte calde di un acquerello, preciso e sfumato allo stesso tempo e, vi posso assicurare, vi sembrerà di avere ogni cosa davanti agli occhi mentre leggete.
Il protagonista maschile - se di protagonista si può parlare, dal momento che le voci più forti e più belle, in questo libro, sono quelle delle donne - Daniele, è un eroe di tutti i giorni, con la sicurezza e la forza dei sentimenti semplici e duraturi. Un tipo a cui vi consiglio di prestare molta attenzione mentre leggete!

Dopo aver letto l'altro libro, in "Le regole degli amori imperfetti" posso dire di ravvisare uno "stile Roberti": profondità di sentimenti, storie complicate e semplici allo stesso tempo, personaggi affascinanti e ben descritti, la forza della vita, il tutto espresso da una scrittura fluida e calda, che avvolge e consola.
Un po' come il tè, ora che ci penso.

***è inutile che vi avverta che lo stile Roberti dà dipendenza e io non vedo l'ora di poter leggere presto un altro bellissimo lavoro di questa autrice!***



P.S.: Collegato a questo libro, è uscito l'ebook "Le regole del tè e degli amori imperfetti" scaricabile gratuitamente.

Commenti

  1. Grazie, per quello che scrivi sul protagonista e sulle voci femminili, per le bellissime parole sul libro e per averci raggiunti (non potevi mancare!), nel giardino delle camelie! Roccamori diventa un posto sempre più bello, grazie a tutti i suoi cittadini onorari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedevo l'ora di essere con voi! Insieme a tutti i personaggi, mi sono sentita a casa e avrei davvero voluto un giardino di camelie in cui incontrarli tutti. Roccamori è un posto che davvero merita un tour!

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…