Passa ai contenuti principali

Le regole degli amori imperfetti di Mara Roberti


La perfezione non esiste.
Lo abbiamo detto e ce lo siamo sentito dire migliaia di volte di fronte a qualcosa che non è esattamente così come dovrebbe essere.
Ma l'amore? Quello come dovrebbe essere?
Non ci sono regole e quelle che inventiamo noi sono ritagliate attorno al nostro gusto, alle nostre caratteristiche, insomma corrispondono al nostro amore e a quello di nessun altro.

Elisa, la protagonista di "Le regole degli amori imperfetti" di Mara Roberti [Emma Books], ha imparato che anche il tè è così, ogni qualità ha le sue caratteristiche, la sua personalità che si adatta a quella di una persona particolare e non a tutti. Un po' come l'amore.

Elisa è cresciuta con la mamma, che lavorava in una sala da tè, e con la zia che fa torte, due personalità totalmente opposte che, ognuna a suo modo, le insegnano qualcosa sull'amore. La mamma, però, le insegna anche tutto quello che sa sul tè, sul rituale della preparazione e sulla precisa scelta della qualità di tè per ogni persona e per ogni momento della vita.
Quando incontra Daniele, Elisa crede di poter applicare le regole del tè anche all'amore, ma non è così. Un viaggio in Umbria, a Roccamori, "il borgo più romantico d'Italia", le farà scoprire molte cose che ignorava sul suo passato e su quello della sua famiglia, ma, soprattutto, le darà la forza per affrontare il futuro senza nessuna delle regole che lei credeva giuste.

Questo è il secondo libro di Mara Roberti che leggo - dopo "Le scarpe son desideri" - e ha confermato la mia assoluta passione per il modo in cui questa scrittrice italiana parla di sentimenti e, a parer mio, di vita. Che in fondo per me le due cose sono assolutamente inscindibili.
Così come mi è successo la volta precedente, fin dalle prime pagine sono stata avvolta dalle parole come in un caldo scialle da cui mi è risultato difficile staccarmi.
La storia di Elisa, la vita di sua madre, il rituale del tè, ma anche gli scorci del borgo umbro assumono le tinte calde di un acquerello, preciso e sfumato allo stesso tempo e, vi posso assicurare, vi sembrerà di avere ogni cosa davanti agli occhi mentre leggete.
Il protagonista maschile - se di protagonista si può parlare, dal momento che le voci più forti e più belle, in questo libro, sono quelle delle donne - Daniele, è un eroe di tutti i giorni, con la sicurezza e la forza dei sentimenti semplici e duraturi. Un tipo a cui vi consiglio di prestare molta attenzione mentre leggete!

Dopo aver letto l'altro libro, in "Le regole degli amori imperfetti" posso dire di ravvisare uno "stile Roberti": profondità di sentimenti, storie complicate e semplici allo stesso tempo, personaggi affascinanti e ben descritti, la forza della vita, il tutto espresso da una scrittura fluida e calda, che avvolge e consola.
Un po' come il tè, ora che ci penso.

***è inutile che vi avverta che lo stile Roberti dà dipendenza e io non vedo l'ora di poter leggere presto un altro bellissimo lavoro di questa autrice!***



P.S.: Collegato a questo libro, è uscito l'ebook "Le regole del tè e degli amori imperfetti" scaricabile gratuitamente.

Commenti

  1. Grazie, per quello che scrivi sul protagonista e sulle voci femminili, per le bellissime parole sul libro e per averci raggiunti (non potevi mancare!), nel giardino delle camelie! Roccamori diventa un posto sempre più bello, grazie a tutti i suoi cittadini onorari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedevo l'ora di essere con voi! Insieme a tutti i personaggi, mi sono sentita a casa e avrei davvero voluto un giardino di camelie in cui incontrarli tutti. Roccamori è un posto che davvero merita un tour!

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …