Passa ai contenuti principali

Le regole degli amori imperfetti di Mara Roberti


La perfezione non esiste.
Lo abbiamo detto e ce lo siamo sentito dire migliaia di volte di fronte a qualcosa che non è esattamente così come dovrebbe essere.
Ma l'amore? Quello come dovrebbe essere?
Non ci sono regole e quelle che inventiamo noi sono ritagliate attorno al nostro gusto, alle nostre caratteristiche, insomma corrispondono al nostro amore e a quello di nessun altro.

Elisa, la protagonista di "Le regole degli amori imperfetti" di Mara Roberti [Emma Books], ha imparato che anche il tè è così, ogni qualità ha le sue caratteristiche, la sua personalità che si adatta a quella di una persona particolare e non a tutti. Un po' come l'amore.

Elisa è cresciuta con la mamma, che lavorava in una sala da tè, e con la zia che fa torte, due personalità totalmente opposte che, ognuna a suo modo, le insegnano qualcosa sull'amore. La mamma, però, le insegna anche tutto quello che sa sul tè, sul rituale della preparazione e sulla precisa scelta della qualità di tè per ogni persona e per ogni momento della vita.
Quando incontra Daniele, Elisa crede di poter applicare le regole del tè anche all'amore, ma non è così. Un viaggio in Umbria, a Roccamori, "il borgo più romantico d'Italia", le farà scoprire molte cose che ignorava sul suo passato e su quello della sua famiglia, ma, soprattutto, le darà la forza per affrontare il futuro senza nessuna delle regole che lei credeva giuste.

Questo è il secondo libro di Mara Roberti che leggo - dopo "Le scarpe son desideri" - e ha confermato la mia assoluta passione per il modo in cui questa scrittrice italiana parla di sentimenti e, a parer mio, di vita. Che in fondo per me le due cose sono assolutamente inscindibili.
Così come mi è successo la volta precedente, fin dalle prime pagine sono stata avvolta dalle parole come in un caldo scialle da cui mi è risultato difficile staccarmi.
La storia di Elisa, la vita di sua madre, il rituale del tè, ma anche gli scorci del borgo umbro assumono le tinte calde di un acquerello, preciso e sfumato allo stesso tempo e, vi posso assicurare, vi sembrerà di avere ogni cosa davanti agli occhi mentre leggete.
Il protagonista maschile - se di protagonista si può parlare, dal momento che le voci più forti e più belle, in questo libro, sono quelle delle donne - Daniele, è un eroe di tutti i giorni, con la sicurezza e la forza dei sentimenti semplici e duraturi. Un tipo a cui vi consiglio di prestare molta attenzione mentre leggete!

Dopo aver letto l'altro libro, in "Le regole degli amori imperfetti" posso dire di ravvisare uno "stile Roberti": profondità di sentimenti, storie complicate e semplici allo stesso tempo, personaggi affascinanti e ben descritti, la forza della vita, il tutto espresso da una scrittura fluida e calda, che avvolge e consola.
Un po' come il tè, ora che ci penso.

***è inutile che vi avverta che lo stile Roberti dà dipendenza e io non vedo l'ora di poter leggere presto un altro bellissimo lavoro di questa autrice!***



P.S.: Collegato a questo libro, è uscito l'ebook "Le regole del tè e degli amori imperfetti" scaricabile gratuitamente.

Commenti

  1. Grazie, per quello che scrivi sul protagonista e sulle voci femminili, per le bellissime parole sul libro e per averci raggiunti (non potevi mancare!), nel giardino delle camelie! Roccamori diventa un posto sempre più bello, grazie a tutti i suoi cittadini onorari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedevo l'ora di essere con voi! Insieme a tutti i personaggi, mi sono sentita a casa e avrei davvero voluto un giardino di camelie in cui incontrarli tutti. Roccamori è un posto che davvero merita un tour!

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…