Passa ai contenuti principali

La sirenetta di Sicks


Le favole, spesso, non sono come ce le raccontano.
In generale nella vita, ma anche nei racconti veri e propri che ascoltavamo da bambini.
Di certo, quando la Disney decise di portare sullo schermo la sirenetta di Hans Christian Andersen, non pensava di riprodurre in cartoni animati l'originale dello scrittore danese: i bambini non avrebbero sopportato di trovarsi di fronte alla crudeltà che non sempre la vita è giusta, anche se sei la protagonista di una favola.

Sicks fa il processo inverso: non può lasciare che noi adulti, affezionati e ingannati dalla canterina sirenetta disneyana, continuiamo a vivere nella menzogna. 
Svegliatevi! ci urla da questa nuova versione della più famosa donna-pesce della storia.

Nel fumetto pubblicato da Zandegù nel 2013, ci sono tutti gli elementi che eravamo soliti conoscere nel cartone animato ma mescolati ad un'ambientazione moderna dall'atmosfera più cupa e simile all'originale anderseniano.

E se da bambini chiudevamo sempre gli occhi di fronte alle scene in cui la strega del mare irretiva Ariel, ora ci troviamo di fronte a ben altri orrori e, purtroppo, nemmeno inventati, visto che Wanna Marchi e la spazzatura in fondo al mare sono tristissime realtà.

Io mi sono divertita molto a leggere questo fumetto digitale, tanto che alla fine avrei voluto ancora qualche pagina per continuare a ridere - e anche un po' ridacchiare - della nuova versione/visione della favola.
Della stessa autrice e per la stessa casa editrice sono usciti anche "Jane Eyre" e "Orgoglio e pregiudizio" che, a questo punto, non vedo l'ora di leggere.

Anche perché, diciamoci la verità, queste favole che finiscono sempre idilliacamente, con tutti schifosamente felici, a volte, non vi stanno un po' sulle palle?
No, perché a me sì, capita.


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…