Passa ai contenuti principali

La sirenetta di Sicks


Le favole, spesso, non sono come ce le raccontano.
In generale nella vita, ma anche nei racconti veri e propri che ascoltavamo da bambini.
Di certo, quando la Disney decise di portare sullo schermo la sirenetta di Hans Christian Andersen, non pensava di riprodurre in cartoni animati l'originale dello scrittore danese: i bambini non avrebbero sopportato di trovarsi di fronte alla crudeltà che non sempre la vita è giusta, anche se sei la protagonista di una favola.

Sicks fa il processo inverso: non può lasciare che noi adulti, affezionati e ingannati dalla canterina sirenetta disneyana, continuiamo a vivere nella menzogna. 
Svegliatevi! ci urla da questa nuova versione della più famosa donna-pesce della storia.

Nel fumetto pubblicato da Zandegù nel 2013, ci sono tutti gli elementi che eravamo soliti conoscere nel cartone animato ma mescolati ad un'ambientazione moderna dall'atmosfera più cupa e simile all'originale anderseniano.

E se da bambini chiudevamo sempre gli occhi di fronte alle scene in cui la strega del mare irretiva Ariel, ora ci troviamo di fronte a ben altri orrori e, purtroppo, nemmeno inventati, visto che Wanna Marchi e la spazzatura in fondo al mare sono tristissime realtà.

Io mi sono divertita molto a leggere questo fumetto digitale, tanto che alla fine avrei voluto ancora qualche pagina per continuare a ridere - e anche un po' ridacchiare - della nuova versione/visione della favola.
Della stessa autrice e per la stessa casa editrice sono usciti anche "Jane Eyre" e "Orgoglio e pregiudizio" che, a questo punto, non vedo l'ora di leggere.

Anche perché, diciamoci la verità, queste favole che finiscono sempre idilliacamente, con tutti schifosamente felici, a volte, non vi stanno un po' sulle palle?
No, perché a me sì, capita.


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…