Passa ai contenuti principali

Book & Tè, parte la seconda edizione del circolo letterario di Scrittura & Scritture


Su alcune esperienze, si dovrebbe avere la possibilità di attaccare l'etichetta "da rifare" e poi impegnarsi a ripetere quel qualcosa che è bello, o che ci ha fatto stare bene, o che semplicemente funziona così com'è.

Ecco, è successo così al Book & Tè di Scrittura & Scritture che, dopo la grande partecipazione alla prima edizione partita ad ottobre, replica con cinque appuntamenti da non perdere.

Bisettimanalmente, il giovedì diventerà il giorno in cui i lettori potranno incontrare gli scrittori a Napoli, davanti a una tazza di tè con pasticcini. L'obiettivo è quello di leggere di più, magari divertendosi perché lo si fa insieme.

***sempre lo stesso obiettivo, ma noi dobbiamo essere instancabili nel perseguirlo!***

Nel corso dei cinque incontri, si parlerà di cinque libri con gli autori e ogni appuntamento si concluderà con consigli, tecniche e trucchi di scrittura da parte dello scrittore/scrittrice presente.

Il programma dei cinque incontri verte su cinque generi narrativi:

29 gennaio - Enrico Pennino e "Tutti gli amici di Anna": il racconto lungo a sfondo sociale, l’amicizia che non conosce barriere e differenze sociali;
12 febbraio - Alessandra Zenarola e "L’autunno dell’anno prima": il romanzo moderno: i sentimenti, il legame familiare, l’amore a distanza;
26 febbraio - Carla Marcone e "Fiori di carta": il romanzo corale in una storia raccontata da più personaggi con un intreccio particolare;
12 marzo - Francesca Battistella e "Re di bastoni, in piedi": la commedia nera: tra ironia e noir con sfondo la  Napoli degli anni Ottanta;
26 marzo - Massimo Rossi e "L’ombra del bosco scarno": il thriller psicologico, un romanzo capace di tenere sveglio il lettore tutta la notte.

Tutti gli incontri si terranno presso la casa editrice Scrittura & Scritture [c.so Vittorio Emanuele, 421 - Napoli] il giovedì pomeriggio dalle 17,30  alle 19,30. I libri del programma saranno forniti dalla casa editrice. La partecipazione al circolo è a numero chiuso. 
Per iscriversi, occorre prenotarsi telefonando al 0815449624 o scrivendo a info@scritturascritture.it.
Il programma con il calendario degli appuntamenti  è anche consultabile sul sito www.scritturascritture.it.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…