Passa ai contenuti principali

Appuntamento al buio con un libro Sperling


L'altro giorno stavo guardando un film in cui uno dei protagonisti aveva problemi al lavoro e aveva bisogno di un'idea vincente. Pensavo fosse uno dei soliti film sul riscatto finale dell'eroe sfigato, e invece la soluzione al suo problema mi ha sorpreso. Salva la sua azienda vendendo ai clienti un mistero. 
Sì, avete capito bene, e per giunta gli acquirenti sono entusiasti perché un mistero dà la possibilità di sognare e nel momento del sogno si è invincibili.

Il mistero è anche una delle cause dell'amore: l'uomo misterioso attrae, la donna misterioso trasforma l'uomo in cacciatore ed è così che va dalla notte dei tempi.
È inutile che continui a girarci attorno: io non amo particolarmente i misteri quando sono legati alle persone, soprattutto alle persone con cui ho a che fare, ma li amo quando sono legati alla storia, all'arte e, molto probabilmente, alla letteratura.


L'appuntamento al buio (con un libro) fa parte dei misteri della seconda categoria che vi ho elencato: la Sperling & Kupfer ha fatto misteriosamente comparire nelle librerie dei misteriosi pacchetti con su scritti degli indizi, parole chiave che ci attraggano e ci convincano a prendere un libro senza saperne praticamente niente.
La casa editrice ha scelto 6 romanzi dal proprio catalogo e, invece di metterli bene in mostra, li ha incartati e nascosti, offrendo al lettore il brivido di ipotizzare, sognare e poi scommettere sul contenuto di ogni pacchetto.

Del resto, se tutti gli appuntamenti al buio si concludessero con un libro sotto al braccio, probabilmente ci sarebbe molta più gente felice in giro.
Su questo appuntamento, comunque, potete scommettere ad occhi chiusi: ne uscirete in ogni caso vincenti!


***e ora ditemi che il mistero non vi stuzzica!***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…