Passa ai contenuti principali

Appuntamento al buio con un libro Sperling


L'altro giorno stavo guardando un film in cui uno dei protagonisti aveva problemi al lavoro e aveva bisogno di un'idea vincente. Pensavo fosse uno dei soliti film sul riscatto finale dell'eroe sfigato, e invece la soluzione al suo problema mi ha sorpreso. Salva la sua azienda vendendo ai clienti un mistero. 
Sì, avete capito bene, e per giunta gli acquirenti sono entusiasti perché un mistero dà la possibilità di sognare e nel momento del sogno si è invincibili.

Il mistero è anche una delle cause dell'amore: l'uomo misterioso attrae, la donna misterioso trasforma l'uomo in cacciatore ed è così che va dalla notte dei tempi.
È inutile che continui a girarci attorno: io non amo particolarmente i misteri quando sono legati alle persone, soprattutto alle persone con cui ho a che fare, ma li amo quando sono legati alla storia, all'arte e, molto probabilmente, alla letteratura.


L'appuntamento al buio (con un libro) fa parte dei misteri della seconda categoria che vi ho elencato: la Sperling & Kupfer ha fatto misteriosamente comparire nelle librerie dei misteriosi pacchetti con su scritti degli indizi, parole chiave che ci attraggano e ci convincano a prendere un libro senza saperne praticamente niente.
La casa editrice ha scelto 6 romanzi dal proprio catalogo e, invece di metterli bene in mostra, li ha incartati e nascosti, offrendo al lettore il brivido di ipotizzare, sognare e poi scommettere sul contenuto di ogni pacchetto.

Del resto, se tutti gli appuntamenti al buio si concludessero con un libro sotto al braccio, probabilmente ci sarebbe molta più gente felice in giro.
Su questo appuntamento, comunque, potete scommettere ad occhi chiusi: ne uscirete in ogni caso vincenti!


***e ora ditemi che il mistero non vi stuzzica!***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…