Passa ai contenuti principali

Appuntamento al buio con un libro Sperling


L'altro giorno stavo guardando un film in cui uno dei protagonisti aveva problemi al lavoro e aveva bisogno di un'idea vincente. Pensavo fosse uno dei soliti film sul riscatto finale dell'eroe sfigato, e invece la soluzione al suo problema mi ha sorpreso. Salva la sua azienda vendendo ai clienti un mistero. 
Sì, avete capito bene, e per giunta gli acquirenti sono entusiasti perché un mistero dà la possibilità di sognare e nel momento del sogno si è invincibili.

Il mistero è anche una delle cause dell'amore: l'uomo misterioso attrae, la donna misterioso trasforma l'uomo in cacciatore ed è così che va dalla notte dei tempi.
È inutile che continui a girarci attorno: io non amo particolarmente i misteri quando sono legati alle persone, soprattutto alle persone con cui ho a che fare, ma li amo quando sono legati alla storia, all'arte e, molto probabilmente, alla letteratura.


L'appuntamento al buio (con un libro) fa parte dei misteri della seconda categoria che vi ho elencato: la Sperling & Kupfer ha fatto misteriosamente comparire nelle librerie dei misteriosi pacchetti con su scritti degli indizi, parole chiave che ci attraggano e ci convincano a prendere un libro senza saperne praticamente niente.
La casa editrice ha scelto 6 romanzi dal proprio catalogo e, invece di metterli bene in mostra, li ha incartati e nascosti, offrendo al lettore il brivido di ipotizzare, sognare e poi scommettere sul contenuto di ogni pacchetto.

Del resto, se tutti gli appuntamenti al buio si concludessero con un libro sotto al braccio, probabilmente ci sarebbe molta più gente felice in giro.
Su questo appuntamento, comunque, potete scommettere ad occhi chiusi: ne uscirete in ogni caso vincenti!


***e ora ditemi che il mistero non vi stuzzica!***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…