Passa ai contenuti principali

Anno, fai il buono!

Il mio nuovo e bellissimo segnalibro!
Buon anno!
Sì, lo so, l'anno è iniziato già da una decina di giorni e forse ormai siamo stanchi di dire e di sentirci dire questa frase che, a ben guardare, non significa molto.
È un augurio o un ammonimento per i dodici mesi appena entrati?
«Buono, anno, fai il buono!»
Sì, mi piace con questo tono.

Anche perché, per quanto un anno possa essere buono, non lo è mai abbastanza, soprattutto se si fanno i conti delle perdite, e non solo dei guadagni. E per perdite non intendo quelle economiche, per quanto siano importanti: sono le perdite di amici, di persone care, di tempo e anche un po' di se stessi i peggiori danni che possono intaccare una buona annata.

Clemenza, dunque, signor Anno Appena Iniziato! Clemenza!

Qualcosa noi, però, dobbiamo pur farla, altrimenti ci sta poco da lamentarsi.
E quindi io riparto da qua, dal mio angolo nel vastissimo web, perché di solito si riparte dalle cose che ci piacciono e che, in qualche stranissimo modo, funzionano.
Ci saranno recensioni, come sempre, ma vorrei anche qualcosa di nuovo e, se devo dirvi cos'è, non lo so ancora. 
Però questa volta mi impegnerò a trovarlo.

E per vederci meglio, utilizzerò i piccoli - ma secondo me, magici - occhiali che compongono il mio nuovo e bellissimo segnalibro che due carissimi amici mi hanno portato da Praga.

Alla fine, le cose belle sono quelle piccole, anzi piccolissime, e bisogna prestarci attenzione, prima per riconoscerle e, poi, per tenerle sott'occhio. E questi occhialini, secondo me, serviranno anche a questo.

Fai il buono, anno, e, così facendo, farò cose buone anche io.
***e così spero anche tutti voi!***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…