Passa ai contenuti principali

Anno, fai il buono!

Il mio nuovo e bellissimo segnalibro!
Buon anno!
Sì, lo so, l'anno è iniziato già da una decina di giorni e forse ormai siamo stanchi di dire e di sentirci dire questa frase che, a ben guardare, non significa molto.
È un augurio o un ammonimento per i dodici mesi appena entrati?
«Buono, anno, fai il buono!»
Sì, mi piace con questo tono.

Anche perché, per quanto un anno possa essere buono, non lo è mai abbastanza, soprattutto se si fanno i conti delle perdite, e non solo dei guadagni. E per perdite non intendo quelle economiche, per quanto siano importanti: sono le perdite di amici, di persone care, di tempo e anche un po' di se stessi i peggiori danni che possono intaccare una buona annata.

Clemenza, dunque, signor Anno Appena Iniziato! Clemenza!

Qualcosa noi, però, dobbiamo pur farla, altrimenti ci sta poco da lamentarsi.
E quindi io riparto da qua, dal mio angolo nel vastissimo web, perché di solito si riparte dalle cose che ci piacciono e che, in qualche stranissimo modo, funzionano.
Ci saranno recensioni, come sempre, ma vorrei anche qualcosa di nuovo e, se devo dirvi cos'è, non lo so ancora. 
Però questa volta mi impegnerò a trovarlo.

E per vederci meglio, utilizzerò i piccoli - ma secondo me, magici - occhiali che compongono il mio nuovo e bellissimo segnalibro che due carissimi amici mi hanno portato da Praga.

Alla fine, le cose belle sono quelle piccole, anzi piccolissime, e bisogna prestarci attenzione, prima per riconoscerle e, poi, per tenerle sott'occhio. E questi occhialini, secondo me, serviranno anche a questo.

Fai il buono, anno, e, così facendo, farò cose buone anche io.
***e così spero anche tutti voi!***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…