Passa ai contenuti principali

Parlami di te di Monique Scisci


Parlami di te è la domanda più complicata che possiate fronteggiare, in un colloquio di lavoro come in un appuntamento. 
È la cosa più complicata e più semplice, allo stesso tempo, perché, secondo me, bisogna decidersi a lasciarsi andare, se veramente si vuole parlare di sé, e poi, da quel momento, tutto è semplice. O almeno, dovrebbe esserlo.

Sofia Leone, la protagonista di "Parlami di te" di Monique Scisci (Rizzoli YouFeel) è una scrittrice che, da qualche tempo, ha paura di scrivere. O, forse, Sofia ha solo paura di vivere.
Ha spento il computer e ha messo a tacere la propria voce di autore, decidendo di non comunicare più con il mondo dell'editoria. La scrittura era la sua vita, il modo in cui affermava il suo essere nel mondo e, rifiutandosi di scrivere, Sofia si nega al mondo.
Christophe Martin, invece, scrive ma non vuole essere uno scrittore. Ha cose da dire e usa la scrittura per dirle, riuscendo a colpire i lettori del suo racconto in lizza per un concorso online.
Sofia legge il testo quasi per caso e ne resta così affascinata da avviare una ricerca dettagliata sull'autore, fino a mettersi in contatto diretto con lui.
Quando le loro strade si incrociano e iniziano a scriversi messaggi e chat inarrestabili, qualcosa cambia in entrambi.
Nella mente di Sofia inizia a formarsi un pensiero che non avrebbe mai immaginato potesse sfiorarla ancora: tornare a scrivere. Immediatamente segue la consapevolezza di poterlo fare solo se Chris sarà al suo fianco.

Monique Scisci costruisce una storia da cui non sono riuscita a staccarmi, perché pregna di tanti di quei piccoli dettagli che rendono un libro impossibile da abbandonare.
Ho trovato molto interessanti i brani in cui si parla della scrittura - di Sofia, ma anche in generale - e dei meccanismi del mondo editoriale.
Il sentimento che pervade tutta la storia tra Sofia e Chris non è banale e il finale - benché siamo catturati completamente nel Mood Romantico di YouFeel - non è scontato come ci si potrebbe aspettare.

Come mi succede sempre quando mi affeziono alle voci di alcuni personaggi, alla fine avrei voluto saperne ancora, avrei voluto guardare oltre la dissolvenza che apre infinite prospettive.

***nei libri come nella vita***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…