Passa ai contenuti principali

La misura della felicità di Gabrielle Zevin


Esistono librai che odiano i libri?
È possibile, ma, a dirla tutta, non è che A.J. Fikry odi i libri. O meglio, non li odia tutti.
Al protagonista di "La misura della felicità" di Gabrielle Zevin [Nord] non piace il postmodernismo, le ambientazioni post-apocalittiche, i narratori post-mortem e il realismo magico, non sopporta immagini e caratteri tipografici diversi nei libri, trova ripugnante la finzione letteraria sull'Olocausto e su qualsiasi altra tragedia mondiale, si rifiuta di leggere fiction e - per favore! - tenetegli lontano qualsiasi classico rivisitato, i libri per bambini, i libri scritti dalle star dei reality, le biografie di sportivi, la chick-lit e i vampiri e un'altra infinità di libri e di generi letterari.

Esclusi questi, A.J. Fikry non odia i libri e la sua libreria, la Island Books, è il posto ideale per un lettore appassionato. E deve essere per forza un lettori appassionato, perché A.J. Fikry non vende bestseller o libri che scalano le classifiche, quindi, lettori occasionali, siete invitati a cercare altrove!
Quando girando tra gli scaffali del suo negozio, alla chiusura, trova una bambina di circa due anni seduta a terra mentre sfoglia un libro illustrato per bambini (uno dei pochi che riesce a sopportare) con solo uno zainetto e un pupazzo (che lui odia), A.J. si trova a dover rivoluzionare non solo la sua vita, ma il suo intero pensiero.


Pian piano, quest'uomo totalmente chiuso verso la bellezza che ancora il mondo può offrire, si trova a spalancare le braccia alla felicità più semplice e profonda: l'amore.
Oltre all'amore per la piccola Maya, A.J. si riscopre capace di amare anche una donna particolare e dolcissima come Amelia e coltiva l'amicizia sincera col commissario Lambiase.

Ci sono pagine di intensa felicità, in questo libro, e, come accade per le cose intense, è probabile che vi si inumidiscano gli occhi, ma voi continuate a leggere. Leggete, leggete imperterriti fino alla fine, perché è lì che troverete la misura della felicità. Più o meno.

Arrivata all'ultimo rigo, sono tornata indietro di alcune pagine, per rileggerle, e poi ritornare alla fine. Prima di scrivere questa recensione, ci ho pensato su diversi giorni.
Solo oggi ho capito quello che mi sfuggiva.

La misura della felicità non è una misura unica, ognuno ha la sua, fatta apposta per sé.

***auguro a ognuno di voi si trovare la propria felicità su misura***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…