Passa ai contenuti principali

La misura della felicità di Gabrielle Zevin


Esistono librai che odiano i libri?
È possibile, ma, a dirla tutta, non è che A.J. Fikry odi i libri. O meglio, non li odia tutti.
Al protagonista di "La misura della felicità" di Gabrielle Zevin [Nord] non piace il postmodernismo, le ambientazioni post-apocalittiche, i narratori post-mortem e il realismo magico, non sopporta immagini e caratteri tipografici diversi nei libri, trova ripugnante la finzione letteraria sull'Olocausto e su qualsiasi altra tragedia mondiale, si rifiuta di leggere fiction e - per favore! - tenetegli lontano qualsiasi classico rivisitato, i libri per bambini, i libri scritti dalle star dei reality, le biografie di sportivi, la chick-lit e i vampiri e un'altra infinità di libri e di generi letterari.

Esclusi questi, A.J. Fikry non odia i libri e la sua libreria, la Island Books, è il posto ideale per un lettore appassionato. E deve essere per forza un lettori appassionato, perché A.J. Fikry non vende bestseller o libri che scalano le classifiche, quindi, lettori occasionali, siete invitati a cercare altrove!
Quando girando tra gli scaffali del suo negozio, alla chiusura, trova una bambina di circa due anni seduta a terra mentre sfoglia un libro illustrato per bambini (uno dei pochi che riesce a sopportare) con solo uno zainetto e un pupazzo (che lui odia), A.J. si trova a dover rivoluzionare non solo la sua vita, ma il suo intero pensiero.


Pian piano, quest'uomo totalmente chiuso verso la bellezza che ancora il mondo può offrire, si trova a spalancare le braccia alla felicità più semplice e profonda: l'amore.
Oltre all'amore per la piccola Maya, A.J. si riscopre capace di amare anche una donna particolare e dolcissima come Amelia e coltiva l'amicizia sincera col commissario Lambiase.

Ci sono pagine di intensa felicità, in questo libro, e, come accade per le cose intense, è probabile che vi si inumidiscano gli occhi, ma voi continuate a leggere. Leggete, leggete imperterriti fino alla fine, perché è lì che troverete la misura della felicità. Più o meno.

Arrivata all'ultimo rigo, sono tornata indietro di alcune pagine, per rileggerle, e poi ritornare alla fine. Prima di scrivere questa recensione, ci ho pensato su diversi giorni.
Solo oggi ho capito quello che mi sfuggiva.

La misura della felicità non è una misura unica, ognuno ha la sua, fatta apposta per sé.

***auguro a ognuno di voi si trovare la propria felicità su misura***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…