Passa ai contenuti principali

La misura della felicità di Gabrielle Zevin


Esistono librai che odiano i libri?
È possibile, ma, a dirla tutta, non è che A.J. Fikry odi i libri. O meglio, non li odia tutti.
Al protagonista di "La misura della felicità" di Gabrielle Zevin [Nord] non piace il postmodernismo, le ambientazioni post-apocalittiche, i narratori post-mortem e il realismo magico, non sopporta immagini e caratteri tipografici diversi nei libri, trova ripugnante la finzione letteraria sull'Olocausto e su qualsiasi altra tragedia mondiale, si rifiuta di leggere fiction e - per favore! - tenetegli lontano qualsiasi classico rivisitato, i libri per bambini, i libri scritti dalle star dei reality, le biografie di sportivi, la chick-lit e i vampiri e un'altra infinità di libri e di generi letterari.

Esclusi questi, A.J. Fikry non odia i libri e la sua libreria, la Island Books, è il posto ideale per un lettore appassionato. E deve essere per forza un lettori appassionato, perché A.J. Fikry non vende bestseller o libri che scalano le classifiche, quindi, lettori occasionali, siete invitati a cercare altrove!
Quando girando tra gli scaffali del suo negozio, alla chiusura, trova una bambina di circa due anni seduta a terra mentre sfoglia un libro illustrato per bambini (uno dei pochi che riesce a sopportare) con solo uno zainetto e un pupazzo (che lui odia), A.J. si trova a dover rivoluzionare non solo la sua vita, ma il suo intero pensiero.


Pian piano, quest'uomo totalmente chiuso verso la bellezza che ancora il mondo può offrire, si trova a spalancare le braccia alla felicità più semplice e profonda: l'amore.
Oltre all'amore per la piccola Maya, A.J. si riscopre capace di amare anche una donna particolare e dolcissima come Amelia e coltiva l'amicizia sincera col commissario Lambiase.

Ci sono pagine di intensa felicità, in questo libro, e, come accade per le cose intense, è probabile che vi si inumidiscano gli occhi, ma voi continuate a leggere. Leggete, leggete imperterriti fino alla fine, perché è lì che troverete la misura della felicità. Più o meno.

Arrivata all'ultimo rigo, sono tornata indietro di alcune pagine, per rileggerle, e poi ritornare alla fine. Prima di scrivere questa recensione, ci ho pensato su diversi giorni.
Solo oggi ho capito quello che mi sfuggiva.

La misura della felicità non è una misura unica, ognuno ha la sua, fatta apposta per sé.

***auguro a ognuno di voi si trovare la propria felicità su misura***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…