Passa ai contenuti principali

Se un giorno ci rincontreremo di Monique Scisci


Quando finisce un amore, restano tante cose in sospeso che poi cadono nel vuoto, tante parole che si vorrebbe dire ma ormai non c'è più nessuno ad ascoltarle.
E allora si raccoglie tutto in uno scomparto del cuore con su scritto: "Se un giorno ci rincontreremo..."
In quello scomparto, molte volte, c'è anche tutto l'amore che non si ha avuto il tempo di dare, e resta lì, in attesa di essere ripreso, sfrondato degli elementi che lo rendevano specifico per la persona che non c'è più, rinvigorito dalla nostra amorevole cura e rinnovato per la persona che verrà a reclamarlo in futuro.

Alessandra, la protagonista di "Se un giorno ci rincontreremo" di Monique Scisci [YouFeel], ha il cuore pieno dell'amore che Daniele ha deluso e tradito e non è sicura che, se un giorno si rincontreranno, sarà così forte da negarglielo.

Per fortuna, ha dalla sua tre amiche - alla Sex and the City, per intenderci - che la sostengono, la distraggono e la consolano quando ne ha bisogno e che, quando lei annuncia che sta per partire per la Scozia, reagiscono ognuna a suo modo. Il viaggio in Scozia, infatti, è un po' come una fuga per ritrovare se stessa tra i pezzi di quella storia in cui aveva tanto creduto. 
«L'amore è così, va e viene. Tutti, almeno una volta nella vita, soffriamo le pene dell'inferno a causa di un'altra persona».
Una volta lì, Alessandra capirà che non ha mai rinunciato ad essere felice e che "se un giorno ci rincontreremo" era la promessa che aveva fatto al suo cuore innamorato, non al suo ex.

"Se un giorno ci rincontreremo" è un ebook della scuderia di YouFeel e il mood emozionante in cui è inserito rispecchia la delicatezza con cui l'autrice descrive i diversi stati dell'amore e della sua mancanza.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…