Passa ai contenuti principali

Se un giorno ci rincontreremo di Monique Scisci


Quando finisce un amore, restano tante cose in sospeso che poi cadono nel vuoto, tante parole che si vorrebbe dire ma ormai non c'è più nessuno ad ascoltarle.
E allora si raccoglie tutto in uno scomparto del cuore con su scritto: "Se un giorno ci rincontreremo..."
In quello scomparto, molte volte, c'è anche tutto l'amore che non si ha avuto il tempo di dare, e resta lì, in attesa di essere ripreso, sfrondato degli elementi che lo rendevano specifico per la persona che non c'è più, rinvigorito dalla nostra amorevole cura e rinnovato per la persona che verrà a reclamarlo in futuro.

Alessandra, la protagonista di "Se un giorno ci rincontreremo" di Monique Scisci [YouFeel], ha il cuore pieno dell'amore che Daniele ha deluso e tradito e non è sicura che, se un giorno si rincontreranno, sarà così forte da negarglielo.

Per fortuna, ha dalla sua tre amiche - alla Sex and the City, per intenderci - che la sostengono, la distraggono e la consolano quando ne ha bisogno e che, quando lei annuncia che sta per partire per la Scozia, reagiscono ognuna a suo modo. Il viaggio in Scozia, infatti, è un po' come una fuga per ritrovare se stessa tra i pezzi di quella storia in cui aveva tanto creduto. 
«L'amore è così, va e viene. Tutti, almeno una volta nella vita, soffriamo le pene dell'inferno a causa di un'altra persona».
Una volta lì, Alessandra capirà che non ha mai rinunciato ad essere felice e che "se un giorno ci rincontreremo" era la promessa che aveva fatto al suo cuore innamorato, non al suo ex.

"Se un giorno ci rincontreremo" è un ebook della scuderia di YouFeel e il mood emozionante in cui è inserito rispecchia la delicatezza con cui l'autrice descrive i diversi stati dell'amore e della sua mancanza.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …