Passa ai contenuti principali

Piccole ossessioni: Barbie assassine, omicidi di plastica e scene erotiche tra bambolotti

Mariel Clayton "si mangia" l'idea perfetta e intoccabile della Barbie così come ci hanno insegnato a pensarla.
Io ho una collezione di Barbie degli anni '80 e '90 che i miei mi regalavano ogni volta che esprimevo il desiderio di essere qualcosa da grande. Di conseguenza, ho Barbie dottoressa, Barbie cavallerizza, Barbie diva, Barbie rockstar e Barbie astronauta.

***fosse stato ora, avrei chiesto semplicemente una Barbie con un'occupazione qualsiasi***

Ci ho giocato poco, a dir la verità, perché anche allora la Barbie per me aveva qualcosa di intoccabile. Avevo bisogno di smitizzarla in qualche modo, ma l'ho capito solo quando - nei miei giri infiniti sul web - ho scoperto che Mariel Clayton probabilmente aveva bisogno di fare questa stessa cosa e, essendo un'artista, l'ha declinata alla sua maniera.


Nelle sue foto ci sono Barbie e Ken di tutti i tipi, scomposti nell'atteggiamento e fatti a pezzi nel corpo - quel piccolo corpicino perfetto di plastica! - in situazioni abbastanza dark ma, a parer mio, molto divertenti e, soprattutto, inaspettate.

***poche bambine della mia epoca avrebbero potuto immaginare che nella perfetta casa di Barbie e Ken potessero accadere anche cose, diciamo così, meno perfette***


Fermo restando che io alle mie Barbie non farei mai una cosa del genere, ma vedere l'icona della donna perfetta col marito perfetto nella loro casa perfetta presentata in questa maniera, fa prendere in considerazione altre prospettive. Sia della vita che della creatività, intendo.


Poi, sempre girando come una forsennata per la rete, mi sono imbattuta nelle foto della fotografa israeliana Dina Goldstein che, prima trasforma dei modelli in Barbie e Ken e poi ci fantastica su.

- The Affair. Dina Goldstein, 2012 -
Che poi, diciamoci la verità, quante volte, diventate adulte, abbiamo guardato i capelli perfetti di Ken e quelle labbra lucide e abbiamo pensato che forse Barbie non era esattamente il suo genere di preferenza... Così come, guardando il sorriso fisso della bambola più famosa di tutti i tempi, abbiamo pensato che, se avesse avuto il ciclo o il cesto dei panni sporchi da lavare, altro che sorrisone!

Snowy, Dina Goldstein, 2008.





La Goldstein compie un ulteriore gesto di smitizzazione, andando a sbirciare cosa succede dopo il "...e vissero felici e contenti" delle favole più famose e amate. E non ditemi che non godete almeno un po' - come me - nel vedere che Biancaneve, Cenerentola e Co. alla fine sono donne normali, con le loro delusioni e le loro incombenze quotidiane.


***a volte mi piace staccare la spina della testa e lasciarmi andare alle mie piccole ossessioni visive. La fotografia allo stato più creativo e, perché no, non-sense fa parte di queste ossessioni. Per me osservare l'arte significa trovare esplicato in forma reale quello che molto spesso è reale solo nella mia immaginazione***

Commenti

  1. Bellissimo post, divertente e davvero creativo!! Anche a me piace vedere questi progetti particolari e raccontarli. Pensa che una volta trovai questo set fotografico fatto ai personaggi della disney nella realtà. Quelle immagini farebbero venire traumi a qualsiasi bambino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male, allora, che i bambini non le vedono! Diciamo che mi piace immaginare che anche le favole più belle, nella realtà non sarebbero così. Lo so, mi diverto con poco... :P
      P.S.: grazie grazie grazie per avermi letto! E mi raccomando, fammi sapere se ci sono cose che non ti piacciono nel blog! ;-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …