Passa ai contenuti principali

Le scarpe son desideri di Mara Roberti


Le scarpe sono un'ossessione tipicamente femminile, si sa, e anche chi dichiara di esserne immune - io, per esempio - davanti ad un bel paio di scarpe, capitola e si mette impunemente a sbavare.

L'attenzione che Cecilia, la protagonista di "Le scarpe son desideri" di Mara Roberti [Emma Books], dedica alle scarpe, però, è diversa. Certo, ne possiede un paio per ogni stato d'animo e occasione della giornata, ma l'ossessione di Cecilia è più altruistica, se così vogliamo dire: riesce a capire il carattere e l'umore di una persona guardando le scarpe che indossa e, di conseguenza, riesce a consigliare a tutti le scarpe perfette.

Cecilia lavora per "Giannini", uno dei più esclusivi e eleganti negozi di scarpe di Milano, di proprietà delle sorelle Giannini, acide e arcigne nei confronti della commessa - a parer mio - più brava che ci sia. Perché, in quale altro modo volete valutare una persona che vi guarda, vi capisce e, cosa più importante, vi fa uscire dal negozio con esattamente quello che fa al caso vostro?
La vita di Cecilia scorre tranquilla, pervasa da un sottile filo di piombo, una pesantezza di cui non riesce a liberarsi perché insita nella sua storia, in quella della sua famiglia, ed è l'origine di quella solitudine che la pervade senza farle compagnia.

Perché dall'alto di un tacco a spillo al cielo il passo era breve.
E se il tacco era rosso fuoco, allora bastava davvero un soffio di vento per portarti lassù.
[fonte: pagina Facebook di Leggimi nel pensiero]
Un giorno, però, arriva in negozio e sente che le sorelle Giannini sono in fermento per l'arrivo in città del designer di scarpe più osannato per pianeta: Steve Sanz.
Se non fosse che Cecilia è un po' stressata per l'arrivo del nuovo inquilino al piano di sotto che si lamenta dei suoi tacchi che fanno troppo rumore, per il fratello Gas che arriva e le mette a soqquadro la casa, per l'"uomo tranquillo" con cui si scrive mail che le scaldano il cuore ma di cui non conosce il volto, se non fosse per tutto questo, forse Cecilia si accorgerebbe che ci sono parecchi indizi che le ronzano davanti al naso che preannunciano che la realtà può essere ancora meglio delle favole, a volte.

Così, mentre le due moderne sorellastre che la trattano come una Cenerentola dei nostri giorni sono impegnate a scoprire chi sia veramente Steve Sanz, Cecilia cerca un modo per liberarsi dalle scarpe strette che il suo cuore indossa da quando sua mamma è morta.
Perché, se è vero che camminare sui tacchi dona al passo una certa armonia, è pur vero che bisogna lasciarsi andare, prima o poi, e rischiare camminando a piedi nudi sui pavimenti a volte scheggiati della vita. E a piedi nudi si può perfino ballare, nel più romantico degli happy ending.

Cecilia l'ho sentita particolarmente vicina, come un'amica con cui fa piacere parlare e che, soprattutto, fa piacere ascoltare. I suoi dubbi e i nodi in cui si impiglia, sono stati anche miei almeno una volta.
Senza svelarvi troppo, non posso trattenermi dal lodare la costruzione del protagonista maschile: è deciso, non nega il suo interesse per Cecilia e non è interessato a far giochetti - come è in uso tra i protagonisti di quasi tutti i romanzi rosa in giro in questi ultimi tempi -, è diretto e convinto, un uomo semplice che non ha vergogna di dire quello che vuole e per me questa è la perfezione.

Mara Roberti dà vita ad una storia bella, leggera e ironica, ma con qualche sfumatura riflessiva e profonda che mi ha fatto rileggere più volte questo libro e sottolineare le frasi più significative (e ce ne sono parecchie, fidatevi!).
Lo stile di questa scrittrice italiana - che ora è in tutti gli store on line con il suo nuovo libro "Le regole degli amori imperfetti" -, oltre ad essere adorabilmente scorrevole e attraente, possiede la leggerezza e la forza di chi ha fatto della scrittura il suo biglietto da visita migliore.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…