Passa ai contenuti principali

Con un poco di zucchero di Chiara Parenti


Ci sono momenti in cui si ha voglia di coccole, indipendentemente dal fatto che la vita sia meravigliosa.
"Con un poco di zucchero" di Chiara Parenti (YouFeel) è una coccola che dovete concedervi perché al cuore fa bene, e ve ne accorgerete.

A poche cose riesco a resistere, e tra queste sicuramente non c'è Mary Poppins. Sarà che è uno dei film che vedevo sempre da bambina, sarà che ambientato nella fuligginosa Londra, o sarà semplicemente che le sue canzoni sono irresistibili, ma io ogni volta mi ritrovo a sorridere senza sapere bene perché.
Con Tata Katie, la protagonista del romance di Chiara Parenti, succede la stessa cosa: una nuvoletta rosa - o anche bianca, se vi piace di più - vi avvolgerà e, tutto ad un tratto, quello che vi preoccupava, vi metteva di cattivo umore, vi faceva odiare il mondo... puff! sparirà.

Ma non aspettatevi una storiella simil-favoletta zuccherosa e melensa! Eh no!
Fedele al mood ironico in cui questo ebook è inserito, vi posso assicurare che ci sono stati momenti in cui non sono riuscita a trattenere le risate.
"Con un poco di zucchero" è scritto in prima persona dal punto di vista del protagonista maschile, Matteo "Teo" Gallo, uno scrittore in crisi che è senza casa, senza lavoro, senza fidanzata e... senza libro! Non solo cammina con una nuvoletta nera sulla testa, ma si diverte a sguazzare nel disordine più assoluto - nella sua testa e nella sua stanza - con l'autostima che cade sempre più in basso.
Quando Tata Katie compare nella casa di sua sorella Beatrice che lo ospita, per occuparsi dei due nipotini - di cui lui dimentica spesso il nome -, lo scontro è inevitabile.
Del resto, come potrebbe andare d'accordo il brontolone e fumantino Matteo con la solare, dolce, caramellosa e zuccherosa Katie?
Non c'è niente della tata che non lo irriti e lo renda ancora più cupo, mentre gli enormi occhi verdi di lei si illuminano ogni volta che si posano su di lui.

L'ironia della scrittura di Chiara Parenti torna dopo il successo di "Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito)", edito sempre da YouFeel, e non potrebbe essere un ritorno più gradito.

"Con un poco di zucchero", oltre ad essere il titolo del libro, è anche un consiglio che mi sento di dare. Un consiglio di lettura, certo, per cancellare qualche pensiero un po' amaro. Ma anche, e soprattutto, un consiglio di vita - se permettete - per quando i giorni in cui un sorriso come quello di Tata Katie è l'unica cosa che ci può salvare dal grigiore che sembra imprigionarci.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…