Passa ai contenuti principali

Con un poco di zucchero di Chiara Parenti


Ci sono momenti in cui si ha voglia di coccole, indipendentemente dal fatto che la vita sia meravigliosa.
"Con un poco di zucchero" di Chiara Parenti (YouFeel) è una coccola che dovete concedervi perché al cuore fa bene, e ve ne accorgerete.

A poche cose riesco a resistere, e tra queste sicuramente non c'è Mary Poppins. Sarà che è uno dei film che vedevo sempre da bambina, sarà che ambientato nella fuligginosa Londra, o sarà semplicemente che le sue canzoni sono irresistibili, ma io ogni volta mi ritrovo a sorridere senza sapere bene perché.
Con Tata Katie, la protagonista del romance di Chiara Parenti, succede la stessa cosa: una nuvoletta rosa - o anche bianca, se vi piace di più - vi avvolgerà e, tutto ad un tratto, quello che vi preoccupava, vi metteva di cattivo umore, vi faceva odiare il mondo... puff! sparirà.

Ma non aspettatevi una storiella simil-favoletta zuccherosa e melensa! Eh no!
Fedele al mood ironico in cui questo ebook è inserito, vi posso assicurare che ci sono stati momenti in cui non sono riuscita a trattenere le risate.
"Con un poco di zucchero" è scritto in prima persona dal punto di vista del protagonista maschile, Matteo "Teo" Gallo, uno scrittore in crisi che è senza casa, senza lavoro, senza fidanzata e... senza libro! Non solo cammina con una nuvoletta nera sulla testa, ma si diverte a sguazzare nel disordine più assoluto - nella sua testa e nella sua stanza - con l'autostima che cade sempre più in basso.
Quando Tata Katie compare nella casa di sua sorella Beatrice che lo ospita, per occuparsi dei due nipotini - di cui lui dimentica spesso il nome -, lo scontro è inevitabile.
Del resto, come potrebbe andare d'accordo il brontolone e fumantino Matteo con la solare, dolce, caramellosa e zuccherosa Katie?
Non c'è niente della tata che non lo irriti e lo renda ancora più cupo, mentre gli enormi occhi verdi di lei si illuminano ogni volta che si posano su di lui.

L'ironia della scrittura di Chiara Parenti torna dopo il successo di "Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito)", edito sempre da YouFeel, e non potrebbe essere un ritorno più gradito.

"Con un poco di zucchero", oltre ad essere il titolo del libro, è anche un consiglio che mi sento di dare. Un consiglio di lettura, certo, per cancellare qualche pensiero un po' amaro. Ma anche, e soprattutto, un consiglio di vita - se permettete - per quando i giorni in cui un sorriso come quello di Tata Katie è l'unica cosa che ci può salvare dal grigiore che sembra imprigionarci.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …