Passa ai contenuti principali

Con un poco di zucchero di Chiara Parenti


Ci sono momenti in cui si ha voglia di coccole, indipendentemente dal fatto che la vita sia meravigliosa.
"Con un poco di zucchero" di Chiara Parenti (YouFeel) è una coccola che dovete concedervi perché al cuore fa bene, e ve ne accorgerete.

A poche cose riesco a resistere, e tra queste sicuramente non c'è Mary Poppins. Sarà che è uno dei film che vedevo sempre da bambina, sarà che ambientato nella fuligginosa Londra, o sarà semplicemente che le sue canzoni sono irresistibili, ma io ogni volta mi ritrovo a sorridere senza sapere bene perché.
Con Tata Katie, la protagonista del romance di Chiara Parenti, succede la stessa cosa: una nuvoletta rosa - o anche bianca, se vi piace di più - vi avvolgerà e, tutto ad un tratto, quello che vi preoccupava, vi metteva di cattivo umore, vi faceva odiare il mondo... puff! sparirà.

Ma non aspettatevi una storiella simil-favoletta zuccherosa e melensa! Eh no!
Fedele al mood ironico in cui questo ebook è inserito, vi posso assicurare che ci sono stati momenti in cui non sono riuscita a trattenere le risate.
"Con un poco di zucchero" è scritto in prima persona dal punto di vista del protagonista maschile, Matteo "Teo" Gallo, uno scrittore in crisi che è senza casa, senza lavoro, senza fidanzata e... senza libro! Non solo cammina con una nuvoletta nera sulla testa, ma si diverte a sguazzare nel disordine più assoluto - nella sua testa e nella sua stanza - con l'autostima che cade sempre più in basso.
Quando Tata Katie compare nella casa di sua sorella Beatrice che lo ospita, per occuparsi dei due nipotini - di cui lui dimentica spesso il nome -, lo scontro è inevitabile.
Del resto, come potrebbe andare d'accordo il brontolone e fumantino Matteo con la solare, dolce, caramellosa e zuccherosa Katie?
Non c'è niente della tata che non lo irriti e lo renda ancora più cupo, mentre gli enormi occhi verdi di lei si illuminano ogni volta che si posano su di lui.

L'ironia della scrittura di Chiara Parenti torna dopo il successo di "Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito)", edito sempre da YouFeel, e non potrebbe essere un ritorno più gradito.

"Con un poco di zucchero", oltre ad essere il titolo del libro, è anche un consiglio che mi sento di dare. Un consiglio di lettura, certo, per cancellare qualche pensiero un po' amaro. Ma anche, e soprattutto, un consiglio di vita - se permettete - per quando i giorni in cui un sorriso come quello di Tata Katie è l'unica cosa che ci può salvare dal grigiore che sembra imprigionarci.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…