Passa ai contenuti principali

Una ragione per dirti di no di Linda Ferrer


Alzi la mano chi, negli ultimi 2 anni, non ha letto un libro erotico.
Mi piacerebbe dirvi che io non l'ho fatto, ma non è così.

***del resto, come avrei potuto resistere a sperimentare qualcosa di così "nuovo"?!***

Insomma, tra lettrici scatenatissime a cercare (e trovare) sempre nuovi romanzi erotici e scrittrici che si cimentano nel genere (a volte con risultati non proprio lodevoli...), diventa difficile trovare qualcosa di veramente carino. O meglio, per me è praticamente impossibile essere ancora incuriosita dal genere.
Eppure c'è un ma.

Ho scoperto che, se in un libro cosiddetto "erotico" c'è dell'ironia, mi risulta gradito. Molto gradito.
Mi piace che i protagonisti si prendano sul serio al 50%, mentre per il restante 50% scherzino e mostrino quella parte - diciamocela tutta! - che è pure un po' ridicola e imbarazzante, sia nel sesso che nel corteggiamento iniziale.

È così che "Una ragione per dirti di no" di Linda Ferrer [Sperling & Kupfer] mi ha tenuto buona compagnia per alcune piacevoli ore.

Veronica ha trentun anni e fa la grafica. Da circa due anni corteggia da lontano il suo capo, il biondo e perfetto Alessandro, senza mai farsi avanti per uscire dalla condizione di eterna amica con cui parlare di film da vedere ma mai insieme. Quando nell'appartamento accanto al suo si trasferisce un misterioso e affascinante condomino, con un via vai di donne che entrano e escono dal suo appartamento a tutte le ore, le voci dei pettegoli giungono fino a lei, che ha la testa tra le nuvole.
Poi Veronica lo incontra davvero, questo vicino, ed è sicurissima che le voci sono del tutto fondate: cosa può mai fare un uomo tanto sexy con tutte quelle donne... se non il gigolò?
Fabrizio, del resto, fin da subito contribuisce a confonderle le idee: come potrebbe non essere confusa una donna che da sempre cerca di interpretare i segnali inesistenti dell'uomo che le piace e che invece cerca di ignorare le attenzioni inequivocabili di un uomo cento volte più bello e affascinante?

In quarta di copertina leggerete che ci sarà un'offerta audace e sensuale, ma non pensate a qualcosa tipo Fifty Shades. Leggerete che ci sarà una scuola di seduzione intrigante, ma non pensate a severi maestri che impartiscono punizioni con frustini e sculacciate. Leggerete che vi trovate tra le mani una commedia romantica e sexy, ma dimenticate i fiori e i cioccolatini.
"Una ragione per dirti no" è una commedia divertente e intrigante, è audace ma vi farà ridere, è romantica e sensuale, ma non vi darà il voltastomaco per la stucchevolezza.

**e come vogliamo classificare, se non divertenti, circa 150 rapporti sessuali in 271 pagine?! Ridiamoci su, e via..!***

Ho trovato il comportamento di Veronica molto familiare - chissà perché... -, ma, cosa molto allarmante, ho trovato familiare anche il comportamento di Alessandro, il piacione che corteggia tutte e non si espone mai troppo con nessuna. Fabrizio, invece, unisce la bellezza tipica del protagonista di un romanzo erotico, alla genuinità del ragazzo della porta affianco (in questo caso, letteralmente!).

Linda Ferrer è lo pseudonimo che l'autrice usa per firmare questo primo romanzo di un genere completamente diverso da quello di cui scrive di solito.


***non vi nascondo che, mentre leggevo, ho cercato di ipotizzare di chi si potesse trattare...***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…