Passa ai contenuti principali

Riscrivere Pinocchio su Twitter non è un gioco (solo) da ragazzi


Fa sempre un certo effetto riprendere in mano i libri che ci hanno fatto compagnia quando eravamo bambini e l'errore più grande sarebbe quello di lasciarsi sopraffare dall'emozione, bollarli semplicemente come ricordi di un tempo andato e credere che hanno perso la loro funzione nel presente.

Spesso, rileggere i cosiddetti "libri per bambini" quando bambini non si è più - almeno anagraficamente - è un esercizio utile per ritrovare quegli aspetti del testo che, nella loro semplicità e ingenuità, contengono perle adatte a tutte le età.

Così, quando ho saputo che TwLetteratura propone alla comunità di Twitter di riscrivere Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, ho pensato che fosse un'ottima opportunità per mettere in pratica uno di quei buoni propositi secondo cui dico sempre di voler rileggere le opere che hanno caratterizzato le mie prime letture, e poi non lo faccio mai. Stavolta lo farò, invece!

Già lo scorso anno, la comunità si era lanciata nella riscrittura dei Promessi Sposi con il coinvolgimento delle scuole di ogni grado e degli utenti del social network. Stavolta Pinocchio diventerà #TwPinocchio, l'hashtag del progetto da inserire nei tweet dal 10 novembre 2014 al 20 gennaio 2015.
Il testo di riferimento sarà quello tratto dall’Edizione Critica edita dalla Fondazione Nazionale Carlo Collodi a cura di Ornella Castellani Pollidori, con il patrocinio dell’Accademia della Crusca, scaricabile da questo link sul sito della fondazione.

Si partecipa come in un gioco e, come in un gioco, ci sono delle regole e un calendario specifico a secondo di chi partecipa: uno per gli utenti di Twitter, uno per gli studenti di età inferiore ai 13 anni e uno per gli studenti dai 13 anni in su.
Il libro è composto da 36 capitoli che saranno riletti, riassunti, parafrasati e commentati in 72 giorni - un capitolo ogni due giorni - tramite i 140 caratteri dei tweet di Twitter, ricordandosi si aggiungere sempre l'hashtag del progetto e il numero del capitolo.

Per ogni ulteriore informazione o curiosità, cliccate qui e seguite le istruzioni.

Io parteciperò, anche perché il fatto di rileggere uno dei libri della mia infanzia in formato ebook - eh sì, lo sto leggendo in formato elettronico... - quindi coi mezzi che uso ora, sottolineando e aggiungendo note, mi piace molto.

E poco importa se mentre lo faccio ho quel sorrisetto ebete di chi sta facendo un viaggio nel Paese dei Balocchi (sono già immersa nella storia, visto?!).

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…