Passa ai contenuti principali

Mi sono scordata di fidanzarmi con te di Laura Tait & Jimmy Rice


La regola dell'amico non funziona sempre. Fortunatamente, aggiungerei.
Libri e libri sono stati scritti su amicizie che non sfociavano in amore pur avendone le velleità, ma altrettanti ne sono comparsi su amori nati da solide amicizie.

"Mi sono scordata di fidanzarmi con te" [BookMe] fa parte di questa seconda categoria e nasce dalla vera amicizia tra gli autori, Laura Tait e Jimmy Rice che, prima sono stati colleghi alla facoltà di giornalismo dell'Università di Sheffield e poi sono diventati amici inseparabili, infine hanno scritto questo libro che parla di due amici che sono sempre stati innamorati (ma i due autori giurano di non esserlo...).

Holly e Alex hanno condiviso l'adolescenza in un piccolo paese della campagna inglese fino all'università. Poi Holly decide di frequentare il college a Londra, mentre Alex rimane nel paese dove è nato. La vita va avanti, sembrano dirsi entrambi, ma a volte la vita torna indietro solo per accelerare più decisamente.
Undici anni dopo, Alex si trasferisce a Londra e la prima persona che pensa di chiamare è proprio Holly. Tutti e due credono che nella vita dell'altro non ci sia più spazio per la persona che erano abituati a conoscere e che, anzi, quella persona non esiste più.
Poi però accade qualcosa, uno sguardo che li fa fermare e finalmente rendere conto di quello che hanno sempre avuto sotto gli occhi.

"Mi sono scordata di fidanzarmi con te" è un libro scritto in una prima persona moltiplicata per due, cioè le voci dei due protagonisti - e le voci dei due autori - che, in virtù di questa duplicità, mi ha doppiamente coinvolta. E mi ha divertita fino a ridere apertamente mentre leggevo (vi lascio immaginare...).
I sentimenti di Alex sono delicati eppure forti, ostinati nel loro rimanere ancorati a qualcosa, nonostante la realtà possa sembrare diversa. La sua pazienza e la sua precisione fanno breccia nel tranquillo disordine di Holly, il cui unico angolo ordinato - nella testa e nel cuore - è quello in cui sono impacchettati i sentimenti per Alex. Un pacchetto che è arrivato il momento di aprire, direi...

Sono sempre un po' scettica sui libri scritti a quattro mani - forse perché ho il timore che non siano omogenei, o per qualche altro motivo che poi indagherò, non saprei - ma, in questo caso, mi sono dovuta ricredere. Laura Tait e Jimmy Rice hanno costruito una storia che vi terrà compagnia e da cui, alla fine, vi dispiacerà staccarvi.
A me è dispiaciuto, in effetti, e ho pensato che mi piacerebbe leggere il seguito, magari in cui la prima persona duplice, diventa un "noi" convinto e altrettanto coinvolgente.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…