Passa ai contenuti principali

Mi sono scordata di fidanzarmi con te di Laura Tait & Jimmy Rice


La regola dell'amico non funziona sempre. Fortunatamente, aggiungerei.
Libri e libri sono stati scritti su amicizie che non sfociavano in amore pur avendone le velleità, ma altrettanti ne sono comparsi su amori nati da solide amicizie.

"Mi sono scordata di fidanzarmi con te" [BookMe] fa parte di questa seconda categoria e nasce dalla vera amicizia tra gli autori, Laura Tait e Jimmy Rice che, prima sono stati colleghi alla facoltà di giornalismo dell'Università di Sheffield e poi sono diventati amici inseparabili, infine hanno scritto questo libro che parla di due amici che sono sempre stati innamorati (ma i due autori giurano di non esserlo...).

Holly e Alex hanno condiviso l'adolescenza in un piccolo paese della campagna inglese fino all'università. Poi Holly decide di frequentare il college a Londra, mentre Alex rimane nel paese dove è nato. La vita va avanti, sembrano dirsi entrambi, ma a volte la vita torna indietro solo per accelerare più decisamente.
Undici anni dopo, Alex si trasferisce a Londra e la prima persona che pensa di chiamare è proprio Holly. Tutti e due credono che nella vita dell'altro non ci sia più spazio per la persona che erano abituati a conoscere e che, anzi, quella persona non esiste più.
Poi però accade qualcosa, uno sguardo che li fa fermare e finalmente rendere conto di quello che hanno sempre avuto sotto gli occhi.

"Mi sono scordata di fidanzarmi con te" è un libro scritto in una prima persona moltiplicata per due, cioè le voci dei due protagonisti - e le voci dei due autori - che, in virtù di questa duplicità, mi ha doppiamente coinvolta. E mi ha divertita fino a ridere apertamente mentre leggevo (vi lascio immaginare...).
I sentimenti di Alex sono delicati eppure forti, ostinati nel loro rimanere ancorati a qualcosa, nonostante la realtà possa sembrare diversa. La sua pazienza e la sua precisione fanno breccia nel tranquillo disordine di Holly, il cui unico angolo ordinato - nella testa e nel cuore - è quello in cui sono impacchettati i sentimenti per Alex. Un pacchetto che è arrivato il momento di aprire, direi...

Sono sempre un po' scettica sui libri scritti a quattro mani - forse perché ho il timore che non siano omogenei, o per qualche altro motivo che poi indagherò, non saprei - ma, in questo caso, mi sono dovuta ricredere. Laura Tait e Jimmy Rice hanno costruito una storia che vi terrà compagnia e da cui, alla fine, vi dispiacerà staccarvi.
A me è dispiaciuto, in effetti, e ho pensato che mi piacerebbe leggere il seguito, magari in cui la prima persona duplice, diventa un "noi" convinto e altrettanto coinvolgente.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…