Passa ai contenuti principali

Leggere e recensire: il piacere non è reciproco (a volte...)


Ho sempre letto tanto, prima per piacere, poi per studio e per lavoro.
Ho letto così tanto che ho sempre sognato un posto dove parlare (e scrivere) di quello che leggevo e per questo ho aperto questo blog.

Quello che non avevo valutato è la velocità della lettura con la velocità della scrittura.
O almeno, ho capito che le mie due velocità non coincidono, perché laddove la prima accelera, spesso la seconda rallenta e i due fenomeni avvengono in maniera del tutto inspiegabile.
Il risultato è che mi ritrovo con tantissimi libri e ebook letti e solo il 25% recensito su queste pagine.

Ho passato giorni a chiedermi perché succedesse questo "fenomeno" e, mentre riflettevo, una frase, una copertina, poi un personaggio, uno spezzone di storia, un'ambientazione, mi passavano per la mente, quasi senza che me ne accorgessi.
Così, mi sono resa conto che, per le recensioni, devo aspettare che siano i libri, con le loro storie e i loro personaggi, a venire a bussare alle porte della mia mente, della mia creatività, della mia scrittura... del mio blog, insomma!

Non molto aggressivo come approccio, nell'aggressivo - aggressivissimo, date retta a me... - mondo dei blog libreschi, ma tant'è...
Se avessi voluto scrivere le notizie che tirano, invece di quelle che mi interessano e che contano davvero (per me, eh...), avrei continuato a scrivere per... lasciamo stare...

E quindi niente. Volevo dirvelo, qualora siate autori o case editrici o miei semplici lettori: leggo, leggo, leggo e, man mano, saprete cosa, attraverso le mie recensioni.

Se avete teorie, ipotesi, consigli, tecniche, ordini, preghiere o pulci nell'orecchio da mandarmi per cercare di velocizzare la connessione tra lettura e scrittura, scrivetemelo nei commenti e a voi andrà la mia imperitura gratitudine.

***fermo restando che, se mi state leggendo, già vi spetta una bella fetta grossa di eterna e immutabile riconoscenza***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…