Passa ai contenuti principali

Leggere e recensire: il piacere non è reciproco (a volte...)


Ho sempre letto tanto, prima per piacere, poi per studio e per lavoro.
Ho letto così tanto che ho sempre sognato un posto dove parlare (e scrivere) di quello che leggevo e per questo ho aperto questo blog.

Quello che non avevo valutato è la velocità della lettura con la velocità della scrittura.
O almeno, ho capito che le mie due velocità non coincidono, perché laddove la prima accelera, spesso la seconda rallenta e i due fenomeni avvengono in maniera del tutto inspiegabile.
Il risultato è che mi ritrovo con tantissimi libri e ebook letti e solo il 25% recensito su queste pagine.

Ho passato giorni a chiedermi perché succedesse questo "fenomeno" e, mentre riflettevo, una frase, una copertina, poi un personaggio, uno spezzone di storia, un'ambientazione, mi passavano per la mente, quasi senza che me ne accorgessi.
Così, mi sono resa conto che, per le recensioni, devo aspettare che siano i libri, con le loro storie e i loro personaggi, a venire a bussare alle porte della mia mente, della mia creatività, della mia scrittura... del mio blog, insomma!

Non molto aggressivo come approccio, nell'aggressivo - aggressivissimo, date retta a me... - mondo dei blog libreschi, ma tant'è...
Se avessi voluto scrivere le notizie che tirano, invece di quelle che mi interessano e che contano davvero (per me, eh...), avrei continuato a scrivere per... lasciamo stare...

E quindi niente. Volevo dirvelo, qualora siate autori o case editrici o miei semplici lettori: leggo, leggo, leggo e, man mano, saprete cosa, attraverso le mie recensioni.

Se avete teorie, ipotesi, consigli, tecniche, ordini, preghiere o pulci nell'orecchio da mandarmi per cercare di velocizzare la connessione tra lettura e scrittura, scrivetemelo nei commenti e a voi andrà la mia imperitura gratitudine.

***fermo restando che, se mi state leggendo, già vi spetta una bella fetta grossa di eterna e immutabile riconoscenza***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…