Passa ai contenuti principali

La donna perfetta è una stronza


Qualcuno una volta ha detto che i peggiori nemici delle donne sono le donne stesse.
Oltre a riferirsi al tipico atteggiamento distruttivo che abbiamo un po' tutte verso noi stesse, evidentemente si riferiva anche alla distruzione che una donna, in quattro e quattr'otto, fa di un'altra al solo trovarsela davanti.
Certo, non tutte lo facciamo, ma quando capita... Si salvi chi può!

Anne-Sophie Girard e la sua sorella gemella Marie-Aldine hanno deciso di dare una mano a tutte quelle donne che, nella corsa alla perfezione, oltre a sentirsi ormai stanche, si sentono sempre perdenti. Il libro "La donna perfetta è una stronza" [Piemme] ha come sottotitolo, appunto, "come essere imperfette e vincenti" e, dopo averlo letto, credete a me, vi sentirete molto più rilassate.

Regola 1: Smettiamola di mostrare al nostro parrucchiere la foto di una modella bionda e boccolosa
se noi siamo castane e lisce. (fonte foto: pagina Facebook Leggimi nel pensiero)
Attraverso 30 regole, le sorelle Girard tracciano una mappa dei comportamenti più comuni che noi donne mettiamo in atto - consapevolmente o meno - contro noi stesse, solo per cercare di assomigliare allo stereotipo della donna perfetta che i media ci propinano.
Ci sono diverse proposte per soluzioni che potrebbero risolverci alcuni problemi o, perché no, farci solo sorridere (che a volte pure è un problema...).

Io mi sono divertita moltissimo a leggerlo perché - inutile negarlo - mi sono riconosciuta in molte situazioni descritte, prima fra tutte proprio quella della foto mostrata al parrucchiere.

***e c'è da dire che io sono bionda, ma puntualmente mostro una foto di una modella sempre di un biondo più biondo del mio... e vabbè, poi è una modella e non c'è storia, ma questa è un'altra storia...***

Mi sono divertita molto anche perché in molti comportamenti ho riconosciuto alcune persone che conosco e, a dirvela tutta, mi hanno fatto un po' pena. Sì, perché la donna perfetta - o almeno, che crede di essere perfetta e si vende come tale - è sola. Fateci caso. Entrando in una stanza piena di gente, se è presente la donna perfetta, immediatamente diventa oggetto dell'ostilità delle altre.
Volete mettere la differenza di entrare in quella stanza, magari inciampando sul tappeto, farsi una risata e poi raccogliere la moltitudine di fogli, ombrelli, cappelli, guanti e cellulari che intanto ne hanno approfittato per spargersi nel raggio di 10 km da voi? Volete mettere, dai?! È simpatia al primo inciampo!

Regola 24: Smetteremo di uscire con degli psicopatici solo perché hanno l'aria alla Johnny Depp.
(fonte foto: pagina Facebook Leggimi nel pensiero)
Nella scelta dell'uomo perfetto, siamo tutte imperfette, anche la donna perfetta. O almeno, lo è stata per un periodo della sua vita, tipo l'adolescenza o i beati vent'anni. L'unica differenza è che la donna perfetta, con un perfetto colpo di spugna perfetta - che sarà sicuramente una spugna vegetale pescata a mano nel Mar dei Sargassi - cancellerà tutto quel periodo così imperfetto e, anzi, negherà perfino che sia mai esistito.

Leggendo questo libro, passerete qualche ora in allegria e, cosa più importante, coglierete i segnali per riconoscere la donna perfetta o, altrimenti detta, la perfettamente stronza.
Come? È quella che vi dice: "È carino il tuo appartamentino. Sicuramente più intimo del mio loft!" oppure "Oh, tu hai portato lo champagne! Come dici? È vino mosso? Be', sì, è il pensiero che conta..." oppure "Non fate caso al disordine!" quando sa benissimo che la sua casa sembra uscita dall'ultimo numero di Architectural Digest.

Insomma, ne leggerete di cotte e di crude e io vi consiglio di mettere dei post-it tra le pagine: vi aiuteranno, una volta finito, a rileggere la vostra personalissima versione della donna perfetta.
E questo, credetemi, vi porterà ad amare - o quanto meno a sopportare con minore fastidio - ogni vostra piccola (e magari vincente) imperfezione.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …