Passa ai contenuti principali

KarenCaffè di Nicole Milton


Ho visto acquerelli che esprimevano una forza incredibile, pur conservando tutta la delicatezza propria della tecnica. Ombre e aloni che, pur essendo lievi, avevano in sé la forza della mano dell'artista e, di conseguenza, mi trasmettevano emozioni che, a distanza di tempo, ricordo ancora.

"KarenCaffè" di Nicole Milton (Triskell Edizioni) è come un acquerello a cui prestare attenzione, su cui soffermare l'occhio con calma per coglierne le forme più belle e che, essendo troppo delicate, potrebbero sfuggire.

La vita di Flora scorre tranquillamente - troppo tranquillamente, a quanto si capisce - a Trieste, dove lavora in un'agenzia di viaggi. Un giorno, una lettera proveniente da un notaio di Volterra, prima la infastidisce e poi la incuriosisce. Quando, infine, si reca proprio a Volterra per avere chiarimenti, scopre che un'amica della nonna le ha lasciato in eredità una casa e un locale. L'idea di aprire finalmente il caffè letterario dedicato a Karen Blixen, come sognava di fare da anni, assume i contorni dell'ancora di salvezza per "riscattare troppi anni di grigiore".
Così, Flora arriva nella cittadina toscana con un progetto che non sa ancora cosa le porterà. Il giorno in cui il nuovo commissario entra nel bar, i suoi molteplici interessi culturali sembrano sbandare a causa del fascino dell'uomo che, a prima vista, scambia per un famoso attore.

L'autrice ci racconta:
La storia di Flora è nata un pomeriggio primaverile assolato mentre mi trovavo in giardino e fantasticavo su uno dei miei desideri, quello di aprire un caffè letterario. Dato che per il momento non credo ci siano le possibilità di farlo, mi son detta che potevo almeno inventarmene uno e creare una vicenda che vi si sviluppasse intorno e nella quale non mancassero amore, un pizzico di mistero e, naturalmente, libri…
Scritto in prima persona, "KarenCaffè" ha la voce della protagonista, con tutti i suoi dubbi e le sue insicurezze che arrivano al lettore attraverso la scrittura, come timidi accenni da parte dell'autrice di far affacciare qualcuno all'interno del mondo della protagonista. La riservatezza di Flora, infatti, non permette al lettore di affezionarsi alle sue vicende, né di comprendere fino in fondo l'attaccamento e il dolore provocato dall'irresolutezza di un rapporto che, perfino lei, stenta definire perché "riservati e pudici" non ne parlano quasi mai.

Sobrietà è la parola che mi è venuta in mente più spesso leggendo questa storia, che Laura Bassutti firma con lo pseudonimo di Nicole Milton e che possiede la delicatezza di un paesaggio all'acquerello.
Laura ci ha svelato che:
Proprio in questi giorni sto abbozzando e tratteggiando la trama di un giallo che avrà per me un’ambientazione molto significativa dal punto di vista personale e sentimentale. Sto anche pensando a un nuovo romance e a una serie di racconti brevi con diverse tematiche, che dovrebbero comunque essere collegati da un elemento comune che credo sarà il mare che amo moltissimo. Continuerò, inoltre, insieme ai miei collaboratori, a gestire e curare il blog Parliamo di libri.
"KarenCaffè" è un ebook da leggere con calma, con una buona tazza di tè, delicata e profumata, magari, in un pomeriggio in cui avete voglia di una quieta "normalità".


***guardate bene la copertina. Non vi fa impazzire?! Io la adoro incondizionatamente!***

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…