Passa ai contenuti principali

Una piccola libreria a Parigi di Nina George


Ci sono dei titoli che mi fanno impazzire, per un motivo o per un altro, o senza nessun motivo al mondo.
Del perché il titolo "Una piccola libreria a Parigi" di Nina George [Sperling & Kupfer] mi faccia impazzire, è presto detto: preannuncia la presenza di una libreria (amore!) ma non una libreria qualsiasi, una piccola libreria (amore allo stato puro!) quindi con centinaia, migliaia di libri (amore alla follia!) riuniti in un posto che solo al pensiero il mio cervello va in fibrillazione. 
Ora prendete tutto quello che ho detto e trasponetelo, per di più, a Parigi...

Pur avendo avuto questo libro tra le mani appena qualche giorno dopo l'arrivo in libreria, ho aspettato il momento adatto per leggerlo perché intuivo - intuito da maniaca, lasciate stare... - che avrebbe potuto contenere qualcosa di bello. Di piccolo e bello.

***che poi la bellezza rende grandi anche le piccole, piccolissime cose***

Jean Perdu è un uomo che attira l'attenzione, senza volerlo minimamente, sia ben inteso.
È il libraio dell'unica libreria galleggiante sulla Senna, la Farmacia letteraria. Sì, perché in realtà Monsieur Perdu non si limita a vendere ai clienti i libri che gli chiedono - orrore! - ma consiglia ad ogni lettore, o aspirante tale, la cura per qualsiasi male, manifesto o sottocutaneo.
Jean Perdu ha cinquant'anni, è ancora in forma e vive al civico 27 di Rue Montagnard, a Parigi, una casa a quattro piani abitata da persone che incrocia tutti i giorni, con cui è gentile e, a volte, servizievole, ma che non lo toccano da nessun punto di vista, sia fisico che emotivo. Le emozioni di Jean, infatti, sono tenute sotto chiave dietro una porta che da ventun anni non apre più.
Nessuno riesce a superare quella cortina di tristezza che Jean Perdu ha sempre addosso, come una corazza e anche per questo, sia le donne che gli uomini lo guardano incuriositi.

"Una piccola libreria a Parigi" è un libro da leggere, da sottolineare e da tenere là, a portata di mano, perché ci sono frasi, immagini e momenti che difficilmente riuscirete a togliervi dalla mente.
In questo libro ci sono atmosfere e ingenuità che ricordano un po' Amélie Poulain, ma la voglia di tornare a vivere di Jean Perdu, di sognare ancora e di amare come se fosse la prima volta lasciano una profonda e malinconica felicità nel cuore.

Sulla pagina Facebook di Leggimi nel pensiero sto pubblicando, di volta in volta, le frasi più belle, sicuramente quelle che mi hanno colpito di più.
E me le rileggo, ogni tanto.
E ogni volta ci rifletto un po' su...
In fondo, non è questo che dovrebbero fare sempre i libri, farci riflettere?

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…