Passa ai contenuti principali

Il messaggero dell'alba di Francesca Battistella


Ci sono più persone che scrivono che persone che leggono.
Questo non è un luogo comune ma un dato di fatto, soprattutto in Italia.

***magari fosse solo un luogo comune!***

In tutta questa selva di "scrittori", solo alcuni meritano davvero il titolo, e in alcuni casi, paradossalmente, non sempre sono quelli più acclamati da pubblico e critica.
Una selva piuttosto oscura e perigliosa, percorsa incessantemente da un sentimento così forte da spingere addirittura alla morte: l'invidia.
Ci sono scrittori in ogni dove, perfino travestiti da "semplici" lettori, nel giallo di Francesca Battistella "Il messaggero dell'alba"[Scrittura & Scritture].
Cosa hanno di speciale i loro libri? Cosa hanno di così unico e particolare rispetto al suo? Niente. Storie banali, trite e ritrite, frasi lette mille volte, dialoghi pedanti e approssimativi, conclusioni buttate lì, a casaccio, giusto per fare cassetta, per attirare un pubblico di allocchi ignoranti. E le presentazioni... Santo cielo! La sagra dell'egocentrismo, il festival dell'io, io, io...
Per Dante, l'invidia è la madre di tutti i peccati e gli invidiosi, in Purgatorio, sono puniti con gli occhi cuciti dal fil di ferro per mortificare lo sguardo cattivo con cui hanno guardato, in vita, chi credevano che, con la propria felicità, minacciasse la loro.

Fin dalle prime pagine del libro, non mi vergogno a confessarlo, mi sono trovata immersa in uno spin off di quello che ho capito facendo la giornalista, ma anche girando per la rete e nei vari gruppi su Facebook: tutti scrivono, anche i più insospettabili.
Attenzione, però: non ho detto che tutti sanno scrivere o che tutti sono scrittori.
Ho solo detto che tutti scrivono e quelli che non lo fanno, prima o poi lo faranno, anche se non lo sanno ancora.

***fidatevi...***

Francesca Battistella costruisce un giallo che mette sotto i riflettori questa tendenza e, soprattutto, i sottili equilibri del mondo editoriale, equilibri che si reggono tra di loro con fili intessuti di invidie e interessi economici.
Alfredo Filangieri - già protagonista del precedente "La stretta del lupo" - è uno dei cosiddetti "lettori forti", vive a Massa Lubrense e partecipa attivamente alla vita culturale del paese. A chi, se non a lui, può rivolgersi chi ha intenzione di organizzare un festival letterario? E infatti Alfredo si ritrova a fare da chaperon a sei scrittori, tre famosi che patrocinano tre scrittori esordienti in giro per la costiera sorrentina e dintorni.

Quando Battistella descrive i tre scrittori già famosi, io ho avuto la netta impressione di averli conosciuti, una volta o l'altra, da qualche parte in giro per presentazioni e conferenze, perché ce li fa vedere tutti e tre, davanti agli occhi. Sono sicura che anche a voi appariranno ben chiare le tre persone perché la descrizione, sia fisica che caratteriale, è così precisa che difficilmente vi sembrerà di non vederli.

***lasciamo stare che a me sembrava di conoscerli soprattutto per quel fatto di dieci anni in mezzo a gente altamente culturale (ironia, portami via...)***

L'eco del giallo si allarga pian piano da Roma fino a Massa Lubrense, seguendo l'inchiostro delle parole degli scrittori inseriti nel disegno criminale del killer. E sembra che non si possa fare niente per fermare un piano che, fin dall'inizio, appare ben congegnato.

Nel mondo delle arti - ma anche nel mondo in generale, diciamo la verità - l'invidia è quel colore verdastro che fa da sfondo ad ogni persona che, per caso o per reale talento, fa qualcosa di riguardevole.
Io, quando mi accorgo dell'invidia che gira attorno a qualcosa, ne resto sempre sorpresa, mi sembra sempre un sentimento così immotivato da lasciarmi senza parole.

***ma forse perché io credo sempre che chi merita qualcosa, che sia successo, soldi, onori di cronaca, lo meriti davvero e mai mi sognerei di pensare a questi meriti come una minaccia a me stessa***

Francesca Battistella ne "Il messaggero dell'alba" decide di giocare a carte scoperte e di non mandarle a dire a quelli che, più o meno apertamente, invidiano, criticano, meditano vendetta e poi, alla fine, hanno travasi di bile di fronte al talento e al successo altrui.
Grazie all'ottimo intreccio e ai personaggi con cui vorremmo passare del tempo a parlare di libri tanto sono ben costruiti e affascinanti, "Il messaggero dell'alba" conferma l'alta qualità dei lavori di Battistella nonché delle pubblicazioni della casa editrice che - scusate se sembro di parte - piazza un asso dopo l'altro.

Difficilmente è possibile staccarsi da questo giallo in cui tutti sembrano un po' colpevoli. E non mi riferisco solo ai personaggi, ma anche ai lettori.
Perché, dal momento che tutti scrivono, tutti sono invidiosi di tutti.

E se non volete confessare la vostra invidia, non fa niente.
Lo scriverete - o ci proverete, a scriverlo - nel vostro prossimo capolavoro. ;-)

Commenti

  1. Ramona mia, tutti scriviamo , questo è verità, anche la lista della spesa è un modo di scrivere se fatto con delicatezza e attenzione..
    Invidia? Perchè?
    Trovo che sia producente mettersi a confronto e dire guarda quanto è brava Ramona a scrivere, non ce la farei mai!
    Un abbraccio forte amica cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella carissima, io sono d'accordo con te! ;-)
      Ma in giro c'è gente - ma tanta, tantissima gente - che non crede nel confronto e preferisce piuttosto stare nell'ombra a dedicare pensieri negativi e invidie a chi fa e riesce.
      Noi non guardiamo a loro e confrontiamoci, sempre. Con gioia. Un abbraccio! ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…